Mute Triathlon

TRIATHLON: Steinhauser e Olmo danno spettacolo nella WC di Arzachena

                      Steinhauser podio ad Arzachena

Si è appena conclusa la tappa di coppa del mondo in terra italiana che si è corsa ad Arzachena.
Nella gara dominata dalla extraterrestre Flora Duffy, che ha dominato la gara facendo segnare il miglior parziale in tutte e tre le frazioni, facendo gara solitaria dall’inizio alla fine, si sono messe in evidenza alle sue spalle le due azzurre Steinhauser e Olmo.

Dopo un nuoto che ha visto Steinhauser  nel gruppetto alle spalle della scatenata Duffy,  Olmo ha iniziato una furiosa rimonta per colmare il piccolo gap accumulato nella prima frazione, giungendo sul gruppo di testa e cominciando a forzare il ritmo insieme alla sua compagna di nazionale, riuscendo addirittura ad imbastire in tentativo di fuga a due proprio con Verena, riuscendo anche a staccare una delle favorite alla vigilia, l’americana Zaferes.

Con la Duffy a fare gara solitaria in testa, le due azzurre giungono in T2 con un gruppettino ristretto a giocarsi gli altri due gradini del podio. L’inglese Potter è la più lesta a uscire dalla T2, riuscendo a prendere qui pochissimi secondi che riuscirà a manterne sino al traguardo, conquistando il secondo posto, precedendo di soli 3° l’azzura Steinhauser che ha la meglio in volata della francese Periault, mentre la Olmo chiude al 5° posto, dopo una eccezionale frazione in bici, seconda solo alla extraterrestre Duffy.

Male le altre azzurre, Betto scompare dopo una T1 tra le più lente della giornata, che le hanno fatto perdere il primo gruppo, Zane, dopo un buon nuoto, dimostra i suoi cronici limiti sulle due ruote perdendo anche lei il primo gruppo e chiudendo 16° a oltre 3′, Mallozzi, dopo essere uscita dal nuoto in coda a tutte le altre azzurre, riesce a tenere le ruote del secondo gruppo, chiudendo comunque 11°  a quasi 2’30” dalla vincitrice. Più indietro Iogna – Prat (19°) , che dopo l’argento agli italiani di triathlon sprint, chiude l’ennesima gara internazionale con un distacco notevole,  vicino ai 4′, mai in gara Missaglia, 29° a 5’46” .  Betto out dopo il nuoto, ennesima prestazione negativa , dopo quella di settimana scorsa ai campionati italiani di triathlon sprint.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Comments are closed.

Altre Notizie

TRIATHLON: Steinhauser e Olmo danno spettacolo nella WC di Arzachena

10th ottobre, 2020

                      Steinhauser podio ad Arzachena

Si è appena conclusa la tappa di coppa del mondo in terra italiana che si è corsa ad Arzachena.
Nella gara dominata dalla extraterrestre Flora Duffy, che ha dominato la gara facendo segnare il miglior parziale in tutte e tre le frazioni, facendo gara solitaria dall’inizio alla fine, si sono messe in evidenza alle sue spalle le due azzurre Steinhauser e Olmo.

Dopo un nuoto che ha visto Steinhauser  nel gruppetto alle spalle della scatenata Duffy,  Olmo ha iniziato una furiosa rimonta per colmare il piccolo gap accumulato nella prima frazione, giungendo sul gruppo di testa e cominciando a forzare il ritmo insieme alla sua compagna di nazionale, riuscendo addirittura ad imbastire in tentativo di fuga a due proprio con Verena, riuscendo anche a staccare una delle favorite alla vigilia, l’americana Zaferes.

Con la Duffy a fare gara solitaria in testa, le due azzurre giungono in T2 con un gruppettino ristretto a giocarsi gli altri due gradini del podio. L’inglese Potter è la più lesta a uscire dalla T2, riuscendo a prendere qui pochissimi secondi che riuscirà a manterne sino al traguardo, conquistando il secondo posto, precedendo di soli 3° l’azzura Steinhauser che ha la meglio in volata della francese Periault, mentre la Olmo chiude al 5° posto, dopo una eccezionale frazione in bici, seconda solo alla extraterrestre Duffy.

Male le altre azzurre, Betto scompare dopo una T1 tra le più lente della giornata, che le hanno fatto perdere il primo gruppo, Zane, dopo un buon nuoto, dimostra i suoi cronici limiti sulle due ruote perdendo anche lei il primo gruppo e chiudendo 16° a oltre 3′, Mallozzi, dopo essere uscita dal nuoto in coda a tutte le altre azzurre, riesce a tenere le ruote del secondo gruppo, chiudendo comunque 11°  a quasi 2’30” dalla vincitrice. Più indietro Iogna – Prat (19°) , che dopo l’argento agli italiani di triathlon sprint, chiude l’ennesima gara internazionale con un distacco notevole,  vicino ai 4′, mai in gara Missaglia, 29° a 5’46” .  Betto out dopo il nuoto, ennesima prestazione negativa , dopo quella di settimana scorsa ai campionati italiani di triathlon sprint.

By
@novellimarco
backtotop