Mute Triathlon

Strepitoso esordio nell’ Ironman di McMahon

mcmahon texas

Non poteva andare meglio l’esordio del canadese Brent McMahon nella distanza Ironman. Come stanno facendo diversi atleti provenienti dalla Itu, anche il 34enne canadese, 27° alla sua seconda partecipazione olimpica a Londra ha deciso di avventurarsi sulla distanza lunga, esordendo Domenica nell’ Ironman Arizona. A dire la verità doveva esordire a Settembre a Lake Tahoe, ma la cancellazione della gara lo ha visto “ripiegare” sull’Arizona, per la gioia di Rapp e soci. Lo stesso Rapp aveva pronosticato un tempo inferiore alle 8 ore per la vittoria e la sua previsione si è puntualmente avverata.

Livello molto elevato in campo maschile , nel nuoto è l’americano Kahn a far registrare il miglior tempo ma McMahon è subito alle sue spalle. In bici si accende la lotta, con il solito americano Rapp che fa segnare il miglior parziale sulle due ruote (4.14’03”) , nonostante il calo finale dovuto al vento che sferzava sul percorso, lasciando a poco più di 1′ il tedesco Twelsiek, mentre al loro inseguimento viaggiano appaiati McMahon e lo spagnolo Clemente staccati di circa 3’30”.

A piedi si scatena la lotta tra il canadese e lo spagnolo, con McMahon che fa valere le sue doti da “uomo Itu” e con un ottimo parziale di 2.43’29” (il migliore di giornata) chiude al suo esordio sulla distanza con uno strabiliante 7.55’48”, 26° atleta ad abbattere il muro delle 8 ore , ma soprattutto il più veloce al mondo nella sua gara di esordio. Al secondo posto lo spagnolo Clemente (8.00′.42″) mentre per il terzo posto la spunta  Rapp (8.03’14”).

In campo femminile dominio dal primo all’ultimo metro per l’americana Kessler, alla sua 11ma partecipazione alla gara texana (su 11 edizioni) che dopo 2 secondi e 1 terzo posto ha finalmente centrato la vittoria.  Uscita prima dall’acqua con un buon vantaggio sulle sue inseguitrici l’americana ha spinto subito forte sulle due ruote, cedendo qualche cosa solo all’austriaca Huetthaler, sempre al centro di polemiche per il suo passato da “dopata”, che però viene fermata da uno stop and go di 4′ per scia e quindi vede sfumare i suoi sogni di rimonta. Heather Jackson , al suo esordio tra le pro, approfitta di un sensibile calo della leader nell’ultimo giro della frazione bike dovuto al forte vento per portarsi a poco più di 6′ di distacco in T2.

A piedi la Jackson inizia a buon ritmo e sembra continuare la sua rimonta, ma ben presto la Kessler riprende il controllo della situazione a la Huetthaler passa in seconda posizione. La situazione non cambierà sino all’arrivo con la vittoria che va all’americana in 8.50’41” (15ma assoluta)  , al secondo posto l’austriaca a 8′ dalla vincitrice, mentre mantiene la terza posizione la Jackson ma a 18′ circa dalla Kessler.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Strepitoso esordio nell’ Ironman di McMahon

18th novembre, 2014

mcmahon texas

Non poteva andare meglio l’esordio del canadese Brent McMahon nella distanza Ironman. Come stanno facendo diversi atleti provenienti dalla Itu, anche il 34enne canadese, 27° alla sua seconda partecipazione olimpica a Londra ha deciso di avventurarsi sulla distanza lunga, esordendo Domenica nell’ Ironman Arizona. A dire la verità doveva esordire a Settembre a Lake Tahoe, ma la cancellazione della gara lo ha visto “ripiegare” sull’Arizona, per la gioia di Rapp e soci. Lo stesso Rapp aveva pronosticato un tempo inferiore alle 8 ore per la vittoria e la sua previsione si è puntualmente avverata.

Livello molto elevato in campo maschile , nel nuoto è l’americano Kahn a far registrare il miglior tempo ma McMahon è subito alle sue spalle. In bici si accende la lotta, con il solito americano Rapp che fa segnare il miglior parziale sulle due ruote (4.14’03”) , nonostante il calo finale dovuto al vento che sferzava sul percorso, lasciando a poco più di 1′ il tedesco Twelsiek, mentre al loro inseguimento viaggiano appaiati McMahon e lo spagnolo Clemente staccati di circa 3’30”.

A piedi si scatena la lotta tra il canadese e lo spagnolo, con McMahon che fa valere le sue doti da “uomo Itu” e con un ottimo parziale di 2.43’29” (il migliore di giornata) chiude al suo esordio sulla distanza con uno strabiliante 7.55’48”, 26° atleta ad abbattere il muro delle 8 ore , ma soprattutto il più veloce al mondo nella sua gara di esordio. Al secondo posto lo spagnolo Clemente (8.00′.42″) mentre per il terzo posto la spunta  Rapp (8.03’14”).

In campo femminile dominio dal primo all’ultimo metro per l’americana Kessler, alla sua 11ma partecipazione alla gara texana (su 11 edizioni) che dopo 2 secondi e 1 terzo posto ha finalmente centrato la vittoria.  Uscita prima dall’acqua con un buon vantaggio sulle sue inseguitrici l’americana ha spinto subito forte sulle due ruote, cedendo qualche cosa solo all’austriaca Huetthaler, sempre al centro di polemiche per il suo passato da “dopata”, che però viene fermata da uno stop and go di 4′ per scia e quindi vede sfumare i suoi sogni di rimonta. Heather Jackson , al suo esordio tra le pro, approfitta di un sensibile calo della leader nell’ultimo giro della frazione bike dovuto al forte vento per portarsi a poco più di 6′ di distacco in T2.

A piedi la Jackson inizia a buon ritmo e sembra continuare la sua rimonta, ma ben presto la Kessler riprende il controllo della situazione a la Huetthaler passa in seconda posizione. La situazione non cambierà sino all’arrivo con la vittoria che va all’americana in 8.50’41” (15ma assoluta)  , al secondo posto l’austriaca a 8′ dalla vincitrice, mentre mantiene la terza posizione la Jackson ma a 18′ circa dalla Kessler.

By
@novellimarco
backtotop