Mute Triathlon

Squalifica per doping nel “mondo ironman”

Doping

Il triatleta danese Thomas Lawaetz è stato sospeso per 4  anni dalla WTC a seguito della positività all’Epo in occasione di un controllo antidoping effettuato nell’Ironman Copenhagen. L’atleta non aveva preso parte alla finale mondiale di Kona dicendo di essere influenzato, ma si sospetta che gli fosse già stata comunicata la sanzione.

Lawaetz era balzato agli onori della cronaca  nel 2013 quando insieme ai suoi 3 fratelli si era qualificato per Kona (sempre all’IM Denmark),  con una prestazione da Pro. In una intervista successiva gli stessi fratelli ( che lavorano tutti e 4 nel campo medico) avevano affermato che il loro “segreto” era legato alla qualità più che alla quantità.

Lo stesso atleta ha commentato la notizia ammettendo di aver fatto uso di EPO , di essersi in un certo senso fatto prendere la mano e ha chiesto scusa a tutti i suoi rivali. Naturalmente ha annunciato che la sua avventura nel triathlon si concluderà qui e che penserà esclusivamente alla sua famiglia, carriera lavorativa e amici.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Squalifica per doping nel “mondo ironman”

14th dicembre, 2015

Doping

Il triatleta danese Thomas Lawaetz è stato sospeso per 4  anni dalla WTC a seguito della positività all’Epo in occasione di un controllo antidoping effettuato nell’Ironman Copenhagen. L’atleta non aveva preso parte alla finale mondiale di Kona dicendo di essere influenzato, ma si sospetta che gli fosse già stata comunicata la sanzione.

Lawaetz era balzato agli onori della cronaca  nel 2013 quando insieme ai suoi 3 fratelli si era qualificato per Kona (sempre all’IM Denmark),  con una prestazione da Pro. In una intervista successiva gli stessi fratelli ( che lavorano tutti e 4 nel campo medico) avevano affermato che il loro “segreto” era legato alla qualità più che alla quantità.

Lo stesso atleta ha commentato la notizia ammettendo di aver fatto uso di EPO , di essersi in un certo senso fatto prendere la mano e ha chiesto scusa a tutti i suoi rivali. Naturalmente ha annunciato che la sua avventura nel triathlon si concluderà qui e che penserà esclusivamente alla sua famiglia, carriera lavorativa e amici.

By
@novellimarco
backtotop