Mute Triathlon

SPECIALE OLIMPIADI: i favoriti per le medaglie

Chi sono i favoriti per le medaglie a Londra? In campo maschile nelle precedenti edizioni non ha mai vinto il favorito della vigilia. A Londrà i fratelli Brownlee sembrerebbero imbattibili, hanno vinto tutto il possibile dimostrando di fare quello che vogliono in gara , il fatto poi di giocare in casa li rende ancora più forti.  Ecco quindi che Alistar Brownlee è il primo candidato alla medaglia d’oro, suo fratello Jonathan sembrerebbe l’unico in grado di poterlo impensierire. Lo spagnolo Gomez era il favorito a Pechino e non ha vinto alcuna medaglia, a Londra si presenta come il maggior candidato per il bronzo, l’unico a potersi avvicinare ai due extraterrestri inglesi. Dopo Amburgo crescono le quotazioni del sudafricano Murray, mentre sempre da tener d’occhio i russi Bryukhankov e Polyanskiy. I francesi sperano in Hauss, Luis e Vidal, possibili sorprese i tedeschi con il campione olimpico uscente Frodeno, Justus e Petzold e per gli  americani con Kemper e Huerta. Occhio ai “vecchietti” Withfield ( 2 medaglia per lui nelle precedenti edizioni) Docherty (2 partecipazioni 2 medaglie) Riederer, Gemmel , Atkinson, Kahlefeldt. I nostri possono fare bene, con Fabian che potrebbe sfruttare la fuga buona e sperare in un risultato storico, Uccio se non dovesse agganciare il primo gruppo a nuoto può sperare nelle menate in bici dell’atleta delle Isole Bermuda Butterfield e del brasiliano Colucci se non dovesse riuscire ad uscire davanti.

In campo femminile i pronostici sono più difficili, mancherà la campionessa olimpica uscente Snowsill, ma il parco partenti è di primissimo livello. Le neo zelandesi puntano sulla Hewitt, che dovrà vedersela con le padrone di casa  guidate dalla Jenkins. Le australiane sono sempre state tra le favorite e anche quest’anno hanno ottime possibilità di medaglia soprattutto con la Jackson e la Moffatt, ma la Densham non farà di certo solo la comparsa. La svizzera Spirig è una delle più accreditate alla medaglia, avrebbe preferito un percorso duro in bici , ma è sempre un osso duro per tutte anche su percorsi piatti. La frazione di nuoto sarà fondamentale per un’altra grande favorita, la cilena RIveros, così come per la nostra Mazzetti e la slovena Simic. Da non dimenticare la “veterana ” Bennet, la svedese Norden, l’atleta delle Bermuda Duffy e le canadesi Tremblay e Findlay

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

SPECIALE OLIMPIADI: i favoriti per le medaglie

26th luglio, 2012

Chi sono i favoriti per le medaglie a Londra? In campo maschile nelle precedenti edizioni non ha mai vinto il favorito della vigilia. A Londrà i fratelli Brownlee sembrerebbero imbattibili, hanno vinto tutto il possibile dimostrando di fare quello che vogliono in gara , il fatto poi di giocare in casa li rende ancora più forti.  Ecco quindi che Alistar Brownlee è il primo candidato alla medaglia d’oro, suo fratello Jonathan sembrerebbe l’unico in grado di poterlo impensierire. Lo spagnolo Gomez era il favorito a Pechino e non ha vinto alcuna medaglia, a Londra si presenta come il maggior candidato per il bronzo, l’unico a potersi avvicinare ai due extraterrestri inglesi. Dopo Amburgo crescono le quotazioni del sudafricano Murray, mentre sempre da tener d’occhio i russi Bryukhankov e Polyanskiy. I francesi sperano in Hauss, Luis e Vidal, possibili sorprese i tedeschi con il campione olimpico uscente Frodeno, Justus e Petzold e per gli  americani con Kemper e Huerta. Occhio ai “vecchietti” Withfield ( 2 medaglia per lui nelle precedenti edizioni) Docherty (2 partecipazioni 2 medaglie) Riederer, Gemmel , Atkinson, Kahlefeldt. I nostri possono fare bene, con Fabian che potrebbe sfruttare la fuga buona e sperare in un risultato storico, Uccio se non dovesse agganciare il primo gruppo a nuoto può sperare nelle menate in bici dell’atleta delle Isole Bermuda Butterfield e del brasiliano Colucci se non dovesse riuscire ad uscire davanti.

In campo femminile i pronostici sono più difficili, mancherà la campionessa olimpica uscente Snowsill, ma il parco partenti è di primissimo livello. Le neo zelandesi puntano sulla Hewitt, che dovrà vedersela con le padrone di casa  guidate dalla Jenkins. Le australiane sono sempre state tra le favorite e anche quest’anno hanno ottime possibilità di medaglia soprattutto con la Jackson e la Moffatt, ma la Densham non farà di certo solo la comparsa. La svizzera Spirig è una delle più accreditate alla medaglia, avrebbe preferito un percorso duro in bici , ma è sempre un osso duro per tutte anche su percorsi piatti. La frazione di nuoto sarà fondamentale per un’altra grande favorita, la cilena RIveros, così come per la nostra Mazzetti e la slovena Simic. Da non dimenticare la “veterana ” Bennet, la svedese Norden, l’atleta delle Bermuda Duffy e le canadesi Tremblay e Findlay

By
@novellimarco
backtotop