Mute Triathlon

SPECIALE ELEZIONI:Marco Novelli commenta le “squadre” di Bianchi e Bertrandi

Con l’uscita della “squadra” di Bianchi, sono oramai chiari gli scenari che gli elettori si troveranno di fronte l’ 11 Novembre a Tirrenia.
Marco Novelli (che è candidato consigliere al di fuori dei due schieramenti) analizza i due gruppi:

 

Oramai la volata finale per le elezioni 2012 è lanciata, tutti e due i candidati Presidente hanno svelato quelli che sono i loro schieramenti. Per quanto riguarda il gruppo Bianchi, mi sorprendono le candidature di Libanore e Sfriso. I due ai più sono praticamente sonosciuti, ma operano attivamente sotto varie vesti all’interno delle proprie società. Libanore del Triathlon Pavese è abbastanza conosciuto all’interno del “gruppo x-terristi” per le diverse manifestazioni sulle ruote grasse che propone, Claudia Sfriso è una degli organizzatori del Triathlon Sprint di Chioggia insieme alla Delfino Triathlon. La sua candidatura è molto particolare, si tratta forse per la prima volta di una Age Group che si propone come candidata in quota atleti. Alessandro Alessandri non credo abbia bisogno di presentazioni, come atleta ha scritto pagine di storia del duathlon non solo in Italia, come presidente del Td Rimini ha un biglietto da visita di primissimo livello sia dal punto di vista organizzativo (Europei e Mondiali di Duathlon oltre che numerosi campionati italiani e varie gare) che di organico ( il circuito di duathlon da quando è stato istituito è sempre stato dominato dal Rimini, a livello giovanile hanno una squadra fenomenale).
Eros Venezian, Marco Comotto e Ezio Rossero sono stimati tecnici, hanno costruito realtà giovanili di primissimo livello e di grandi numeri, la Minerva Roma di Comotto ha dominato il panorama giovanile, i vari Stateff, De Palma, Salvino, Fascetti son tutti prodotti del vivaio romano, Rossero ha costruito il primo (e credo unico) centro in Italia dedicato interamente al triathlon con piscina e circuito per le bici.
Luigi Pericoli è uno dei fondatori della A.I.T. ed è stato l’ultimo Presidente del Comitato regionale Lombardia, una persona che da anni è nel triathlon. Michele Ferrarin è un’altra gradita sorpresa, indice di come questo gruppo creda, non solo a parole, nel paratriathlon.
Roberto Contento si candida dopo essersi congedato dal Comitato Regionale Veneto dal quale avrà un ottimo appoggio.
Matteo Annovazzi sarà il candidato in quota alteti uomo, atleta che ha legato il suo nome a diversi successi soprattutto nel lunghi, azzurro e campione italiano , Matteo ha tutte le carte in regola per dare un ottimo contributo alla causa.
Per quanto riguarda la lista Bertrandi, alcuni riconfermati come Fattore e Gualla , che non hanno raccolto molti consensi sul loro operato, Calfapietra, organizzatore con la sua Forhans di diverse gare per il centro /sud Italia e Massimo Ghezzi, che grazie al suo team del Cremona stradivari si fa apprezzare sia come organizzatore (Cremona è una delle migliori gare in Italia e anche come gara ETU sta riscuotendo molto successo) che come dirigente (il Triathlon Cremona Stradivari soprattutto i campo femminile ha conquistato diversi successi).
Tra i nuovi sicuramente Federico Girasole, Nadia Cortassa e Alessandro Lambruschini sono i nomi più conosciuti. Di loro tre non posso che parlare bene, Girasole da atleta si è sempre rivelato una sicurezza, specialista dei lunghi ha più volte vestito la maglia azzurra, con la sua Granarolo Bologna organizza uno splendido sprint a San Giovanni in Persiceto (BO). Per Nadia Cortassa grandissima esperienza nella ITU, numerosi grandi risultati (record italiano di titoli italiani vinti, vice campionessa europea di triathlon e campionessa mondiale a squadre donne), mentre per Lambruschini un passato dorato nell’atletica e poi il passaggio nel triathlon, uno dei pilastri della nazionale di duathlon con “il Compa”, persona umile e sempre disponibile.
Con Lauricella si accetua l’impronta “militare” della lista Bertrandi (3 candidati dei g.s. militari), Campagna  svolge un ottimo lavoro in Sicilia mentre Pratesi si candida dopo aver ottenuto dallo stesso Bertrandi praticamente tutte le manifestazioni assegnanti i titoli italiani: suona quasi come un doveroso “ringraziamento”.
In conclusione le due liste sono composte da soli uomini, (le uniche donne in lista sono per un ruolo esclusivamente femminile), Bertrandi ha un’impostazione più conservatrice con diversi organizzatori e filo-militare, mentre Bianchi rappresenta un po’ tutte le categorie, con organizzatori, age group, elite, giovani, paratriathlon, x terra, insomma uno spaccato più completo del triathlon. Indipendentemente da  chi dovesse vincere, mi auguro un consiglio misto, ci sono persone capaci in ambedue gli schieramenti, sarebbe un peccato perdere persone valide per strada: il triathlon ha bisogno di tutti!

Ricordiamo schematicamente quelli che saranno i candidati consiglieri della cordata di Bianchi e di quella di Bertrandi:

BIANCHI

BERTRANDI

  • Alessandro Fattore
  • Alessandro Lambruschini
  • Federico Girasole
  • Giampaolo Gualla
  • Gianluca Calfapietra
  • Giuseppe Campagna
  • Giovanni Lauricella
  • Marino Pratesi
  • Massimo Ghezzi
  • Nadia Cortassa

 

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

SPECIALE ELEZIONI:Marco Novelli commenta le “squadre” di Bianchi e Bertrandi

19th ottobre, 2012

Con l’uscita della “squadra” di Bianchi, sono oramai chiari gli scenari che gli elettori si troveranno di fronte l’ 11 Novembre a Tirrenia.
Marco Novelli (che è candidato consigliere al di fuori dei due schieramenti) analizza i due gruppi:

 

Oramai la volata finale per le elezioni 2012 è lanciata, tutti e due i candidati Presidente hanno svelato quelli che sono i loro schieramenti. Per quanto riguarda il gruppo Bianchi, mi sorprendono le candidature di Libanore e Sfriso. I due ai più sono praticamente sonosciuti, ma operano attivamente sotto varie vesti all’interno delle proprie società. Libanore del Triathlon Pavese è abbastanza conosciuto all’interno del “gruppo x-terristi” per le diverse manifestazioni sulle ruote grasse che propone, Claudia Sfriso è una degli organizzatori del Triathlon Sprint di Chioggia insieme alla Delfino Triathlon. La sua candidatura è molto particolare, si tratta forse per la prima volta di una Age Group che si propone come candidata in quota atleti. Alessandro Alessandri non credo abbia bisogno di presentazioni, come atleta ha scritto pagine di storia del duathlon non solo in Italia, come presidente del Td Rimini ha un biglietto da visita di primissimo livello sia dal punto di vista organizzativo (Europei e Mondiali di Duathlon oltre che numerosi campionati italiani e varie gare) che di organico ( il circuito di duathlon da quando è stato istituito è sempre stato dominato dal Rimini, a livello giovanile hanno una squadra fenomenale).
Eros Venezian, Marco Comotto e Ezio Rossero sono stimati tecnici, hanno costruito realtà giovanili di primissimo livello e di grandi numeri, la Minerva Roma di Comotto ha dominato il panorama giovanile, i vari Stateff, De Palma, Salvino, Fascetti son tutti prodotti del vivaio romano, Rossero ha costruito il primo (e credo unico) centro in Italia dedicato interamente al triathlon con piscina e circuito per le bici.
Luigi Pericoli è uno dei fondatori della A.I.T. ed è stato l’ultimo Presidente del Comitato regionale Lombardia, una persona che da anni è nel triathlon. Michele Ferrarin è un’altra gradita sorpresa, indice di come questo gruppo creda, non solo a parole, nel paratriathlon.
Roberto Contento si candida dopo essersi congedato dal Comitato Regionale Veneto dal quale avrà un ottimo appoggio.
Matteo Annovazzi sarà il candidato in quota alteti uomo, atleta che ha legato il suo nome a diversi successi soprattutto nel lunghi, azzurro e campione italiano , Matteo ha tutte le carte in regola per dare un ottimo contributo alla causa.
Per quanto riguarda la lista Bertrandi, alcuni riconfermati come Fattore e Gualla , che non hanno raccolto molti consensi sul loro operato, Calfapietra, organizzatore con la sua Forhans di diverse gare per il centro /sud Italia e Massimo Ghezzi, che grazie al suo team del Cremona stradivari si fa apprezzare sia come organizzatore (Cremona è una delle migliori gare in Italia e anche come gara ETU sta riscuotendo molto successo) che come dirigente (il Triathlon Cremona Stradivari soprattutto i campo femminile ha conquistato diversi successi).
Tra i nuovi sicuramente Federico Girasole, Nadia Cortassa e Alessandro Lambruschini sono i nomi più conosciuti. Di loro tre non posso che parlare bene, Girasole da atleta si è sempre rivelato una sicurezza, specialista dei lunghi ha più volte vestito la maglia azzurra, con la sua Granarolo Bologna organizza uno splendido sprint a San Giovanni in Persiceto (BO). Per Nadia Cortassa grandissima esperienza nella ITU, numerosi grandi risultati (record italiano di titoli italiani vinti, vice campionessa europea di triathlon e campionessa mondiale a squadre donne), mentre per Lambruschini un passato dorato nell’atletica e poi il passaggio nel triathlon, uno dei pilastri della nazionale di duathlon con “il Compa”, persona umile e sempre disponibile.
Con Lauricella si accetua l’impronta “militare” della lista Bertrandi (3 candidati dei g.s. militari), Campagna  svolge un ottimo lavoro in Sicilia mentre Pratesi si candida dopo aver ottenuto dallo stesso Bertrandi praticamente tutte le manifestazioni assegnanti i titoli italiani: suona quasi come un doveroso “ringraziamento”.
In conclusione le due liste sono composte da soli uomini, (le uniche donne in lista sono per un ruolo esclusivamente femminile), Bertrandi ha un’impostazione più conservatrice con diversi organizzatori e filo-militare, mentre Bianchi rappresenta un po’ tutte le categorie, con organizzatori, age group, elite, giovani, paratriathlon, x terra, insomma uno spaccato più completo del triathlon. Indipendentemente da  chi dovesse vincere, mi auguro un consiglio misto, ci sono persone capaci in ambedue gli schieramenti, sarebbe un peccato perdere persone valide per strada: il triathlon ha bisogno di tutti!

Ricordiamo schematicamente quelli che saranno i candidati consiglieri della cordata di Bianchi e di quella di Bertrandi:

BIANCHI

BERTRANDI

  • Alessandro Fattore
  • Alessandro Lambruschini
  • Federico Girasole
  • Giampaolo Gualla
  • Gianluca Calfapietra
  • Giuseppe Campagna
  • Giovanni Lauricella
  • Marino Pratesi
  • Massimo Ghezzi
  • Nadia Cortassa

 

By
@novellimarco
backtotop