Mute Triathlon

REGOLAMENTO: il no draft

Ad Arona la scorsa Domenica ci sono state moltissime polemiche per diverse infrazioni della regola del no draft.  Il regolamento all’articolo 99 stabilisce come devono comportarsi gli atleti nelle gare dove la scia è vietata:

 

 

  • i concorrenti sono obbligati a tenere la destra della carreggiata;
  • uno o più concorrenti sono considerati in scia – posteriore – quando si trovano a una distanza inferiore a metri lineari sette dal concorrente che li precede ( distanza misurata dalla intera ruota posteriore del concorrente che precede);
  • uno o più concorrenti sono considerati in scia – laterale – quando si trovano nel raggio di metri tre da altro concorrente.
  • Nelle gare in cui il percorso ciclistico è totalmente chiuso al traffico, può essere consentito, purché espressamente indicato nel regolamento della gara, approvato dall’Ufficio Gare, ai concorrenti di marciare appaiati, a condizione che tra gli stessi via sia una distanza minima di metri due; una volta avvenuto il sorpasso, il concorrente sorpassato dovrà immediatamente muoversi al di fuori della zona di scia del concorrente che lo precede, ovvero metri due alla destra, o alla sinistra se la carreggiata lo consente.
  • la manovra di sorpasso deve esse iniziata e ultimata nel tempo massimo di venti secondi
  • Nel corso del sorpasso un concorrente può entrare in scia di un altro e può abbandonare la destra della carreggiata.
  • L´atleta superato può intraprendere a sua volta una nuova fase di sorpasso solo quando é stata ristabilita, dal concorrente che lo precede, la distanza di dieci metri.
  • Il sorpasso s’intende portato a termine quando la ruota posteriore di un concorrente supera la ruota anteriore dell’altro concorrente.
  • l’ingresso in area di scia di un altro concorrente è consentita nelle seguenti circostanze:
  • i quindici secondi per il sorpasso;
  • per giustificati motivi di sicurezza;
  • nei duecento metri di arrivo o di uscita dalla zona cambio;
  • nei duecento metri di arrivo o di uscita da una inversione a U
  • in zone segnalate dall’Organizzazione per motivi di sicurezza stradale e/o in tratti in salita, anche essi appositamente segnalati da appositi cartelli di inizio e fine scia.

Alcune considerazioni riguardo questi articoli.
Innanzitutto il primo punto è spesso quello che viene poco rispettato e che porta poi ad una serie di infrazioni successive. Il non mantenere la destra, obbliga altri concorrenti a superare spesso la linea di mezzeria per il sorpasso, oppure addirittura a sorpassare a destra. Altro aspetto da considerare è che la sede stradale utilie per il sorpasso si restringerebbe ulteriormente, impedendo eventuali sorpassi “doppi”. Altro aspetto spesso ignorato dai concorrenti è il tempo utile per il sorpasso, in molti  impiegano troppo tempo  per effettuarlo, occupando quindi la strada e impedendo ad altri di poter effettuare la medesima manovra  Stesso discorso circa il termine del sorpasso, in molti appena passano un concorrente gli chiudono bruscamente la strada. Come si può vedere le gare senza scia sono sempre suscettibili di molte intepretazioni, molta “ignoranza” in termini di regolamento, ma soprattutto da molti furbi, che approfittano dei pochi controlli per infrangere sistematicamente le regole.

 

 

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


  1. Sicuramente è un refuso

  2. MikyN on 19 agosto 2012 at 21:39 said:

    Ottimo articolo, preciso ed opportuno.
    Resto dell’idea che invece l’articolo 99 del regolamento (ma non solo questo) sia mal scritto. Ad esempio:

    “la manovra di sorpasso deve esse iniziata e ultimata nel tempo massimo di venti secondi”

    e

    “l’ingresso in area di scia di un altro concorrente è consentita nelle seguenti circostanze:
    i quindici secondi per il sorpasso;”

    sono palesemente incongruenti.

Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

REGOLAMENTO: il no draft

1st agosto, 2012

Ad Arona la scorsa Domenica ci sono state moltissime polemiche per diverse infrazioni della regola del no draft.  Il regolamento all’articolo 99 stabilisce come devono comportarsi gli atleti nelle gare dove la scia è vietata:

 

 

  • i concorrenti sono obbligati a tenere la destra della carreggiata;
  • uno o più concorrenti sono considerati in scia – posteriore – quando si trovano a una distanza inferiore a metri lineari sette dal concorrente che li precede ( distanza misurata dalla intera ruota posteriore del concorrente che precede);
  • uno o più concorrenti sono considerati in scia – laterale – quando si trovano nel raggio di metri tre da altro concorrente.
  • Nelle gare in cui il percorso ciclistico è totalmente chiuso al traffico, può essere consentito, purché espressamente indicato nel regolamento della gara, approvato dall’Ufficio Gare, ai concorrenti di marciare appaiati, a condizione che tra gli stessi via sia una distanza minima di metri due; una volta avvenuto il sorpasso, il concorrente sorpassato dovrà immediatamente muoversi al di fuori della zona di scia del concorrente che lo precede, ovvero metri due alla destra, o alla sinistra se la carreggiata lo consente.
  • la manovra di sorpasso deve esse iniziata e ultimata nel tempo massimo di venti secondi
  • Nel corso del sorpasso un concorrente può entrare in scia di un altro e può abbandonare la destra della carreggiata.
  • L´atleta superato può intraprendere a sua volta una nuova fase di sorpasso solo quando é stata ristabilita, dal concorrente che lo precede, la distanza di dieci metri.
  • Il sorpasso s’intende portato a termine quando la ruota posteriore di un concorrente supera la ruota anteriore dell’altro concorrente.
  • l’ingresso in area di scia di un altro concorrente è consentita nelle seguenti circostanze:
  • i quindici secondi per il sorpasso;
  • per giustificati motivi di sicurezza;
  • nei duecento metri di arrivo o di uscita dalla zona cambio;
  • nei duecento metri di arrivo o di uscita da una inversione a U
  • in zone segnalate dall’Organizzazione per motivi di sicurezza stradale e/o in tratti in salita, anche essi appositamente segnalati da appositi cartelli di inizio e fine scia.

Alcune considerazioni riguardo questi articoli.
Innanzitutto il primo punto è spesso quello che viene poco rispettato e che porta poi ad una serie di infrazioni successive. Il non mantenere la destra, obbliga altri concorrenti a superare spesso la linea di mezzeria per il sorpasso, oppure addirittura a sorpassare a destra. Altro aspetto da considerare è che la sede stradale utilie per il sorpasso si restringerebbe ulteriormente, impedendo eventuali sorpassi “doppi”. Altro aspetto spesso ignorato dai concorrenti è il tempo utile per il sorpasso, in molti  impiegano troppo tempo  per effettuarlo, occupando quindi la strada e impedendo ad altri di poter effettuare la medesima manovra  Stesso discorso circa il termine del sorpasso, in molti appena passano un concorrente gli chiudono bruscamente la strada. Come si può vedere le gare senza scia sono sempre suscettibili di molte intepretazioni, molta “ignoranza” in termini di regolamento, ma soprattutto da molti furbi, che approfittano dei pochi controlli per infrangere sistematicamente le regole.

 

 

By
@novellimarco
backtotop