Mute Triathlon

Quinzano d’Oglio ha incoronato i campioni italiani a.g. di duathlon no draft

Luca Bonazzi

Luca Bonazzi

La zona cambio gremita ha regalato un bellissimo colpo d’occhio al pubblico accorso a Quinzano d’Oglio per assistere ai campionati italiani di duathlon age group no draft, che si sono corsi sulla distanza classica di 10-40-5.

Come da pronostici in campo maschile la vittoria assoluta è andata a Massimo Cigana (Eroi del Piave), che ha preso il largo, come previsto, nella frazione ciclistica, lasciando Luca Bonazzi (Freezone) e Bruno Pasqualini (Torino Tri) a battagliare spalla a spalla per il secondo e terzo posto, con il lombardo che la spunta sul piemontese, chiudendo a soli 10” dal vincitore.

Tra le donne tutti si aspettavano la cavalcata vincente di Giorgia Priarone (TD Rimini) , ma Marta Bernardi (Trievolution) dopo aver chiuso i primi 10 km in sua compagnia, riesce ad aprire un gap di oltre 1’ nella frazione in bici che le permette di trionfare proprio davanti alla Priarone, mentre per il terzo posto Alice Capone (Canottieri Napoli) riesce a spuntarla su Elisa Battistoni (Feralpi Triathlon)

Da segnalare le numerose penalità per scia, sinonimo che manca ancora la giusta mentalità ( e onestà) da parte degli atleti per affrontare queste gare, analizzando alcuni tempi della frazione ciclistica si notano componenti della stessa squadra essere entrati in T2 insieme, dopo avere praticamente gli stessi tempi nelle prime due frazioni , già lo scorso anno componenti della stessa squadra erano stati accusati ( con foto eloquenti) di aver condotto vere e proprio crono squadre.

CI sono state anche alcune lamentele riguardo alla partecipazione di Cigana, Capone e Priarone alla gara. Questi atleti sono infatti Elite, ma la gara , oltre che valida per i titoli di categoria, gara NON riservata agli elite, era anche valida come tappa del circuito no draft, e quindi aperta a tutti. Il regolamento però prevedeva per gli atleti elite la partenza in batteria separata, ma a Quinzano d’Oglio non è stato fatto rispettare. Come in occasione dei campionati italiani di Firenze, anche gli atleti stranieri avrebbero dovuto partire in batteria separata, ma non è stato fatto rispettare questo obbligo.

PODI CAMPIONATI ITALIANI DI CATEGORIA UOMINI

PODI CAMPIONATI ITALIANI DI CATEGORIA DONNE

 

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Quinzano d’Oglio ha incoronato i campioni italiani a.g. di duathlon no draft

14th aprile, 2016
Luca Bonazzi

Luca Bonazzi

La zona cambio gremita ha regalato un bellissimo colpo d’occhio al pubblico accorso a Quinzano d’Oglio per assistere ai campionati italiani di duathlon age group no draft, che si sono corsi sulla distanza classica di 10-40-5.

Come da pronostici in campo maschile la vittoria assoluta è andata a Massimo Cigana (Eroi del Piave), che ha preso il largo, come previsto, nella frazione ciclistica, lasciando Luca Bonazzi (Freezone) e Bruno Pasqualini (Torino Tri) a battagliare spalla a spalla per il secondo e terzo posto, con il lombardo che la spunta sul piemontese, chiudendo a soli 10” dal vincitore.

Tra le donne tutti si aspettavano la cavalcata vincente di Giorgia Priarone (TD Rimini) , ma Marta Bernardi (Trievolution) dopo aver chiuso i primi 10 km in sua compagnia, riesce ad aprire un gap di oltre 1’ nella frazione in bici che le permette di trionfare proprio davanti alla Priarone, mentre per il terzo posto Alice Capone (Canottieri Napoli) riesce a spuntarla su Elisa Battistoni (Feralpi Triathlon)

Da segnalare le numerose penalità per scia, sinonimo che manca ancora la giusta mentalità ( e onestà) da parte degli atleti per affrontare queste gare, analizzando alcuni tempi della frazione ciclistica si notano componenti della stessa squadra essere entrati in T2 insieme, dopo avere praticamente gli stessi tempi nelle prime due frazioni , già lo scorso anno componenti della stessa squadra erano stati accusati ( con foto eloquenti) di aver condotto vere e proprio crono squadre.

CI sono state anche alcune lamentele riguardo alla partecipazione di Cigana, Capone e Priarone alla gara. Questi atleti sono infatti Elite, ma la gara , oltre che valida per i titoli di categoria, gara NON riservata agli elite, era anche valida come tappa del circuito no draft, e quindi aperta a tutti. Il regolamento però prevedeva per gli atleti elite la partenza in batteria separata, ma a Quinzano d’Oglio non è stato fatto rispettare. Come in occasione dei campionati italiani di Firenze, anche gli atleti stranieri avrebbero dovuto partire in batteria separata, ma non è stato fatto rispettare questo obbligo.

PODI CAMPIONATI ITALIANI DI CATEGORIA UOMINI

PODI CAMPIONATI ITALIANI DI CATEGORIA DONNE

 

By
@novellimarco
backtotop