Mute Triathlon

Quanto guadagna una società in una stagione? Classifica 2013 dei guadagni delle società

 

Il costo di una società di triathlon è sempre un interrogativo che in molti si pongono quando aprono una squadra. Spesso si pensa che sia una spesa unica gestire un team , ma il calendario italiano propone da qualche anno circuiti e classifiche che premiano a livello economico le società che si distinguono maggiormente. Abbiamo stilato una classifica dei premi vinti con i circuiti duathlon, no draft e i premi dell’attività giovanile (Coppa Italia e Trofeo italia), oltre che al Rank per società. Mancano ancora 2 gare che potrebbero cambiare qualche cosa, ma in linea di massima non ci dovrebbero essere sostanziali mutamenti. Ecco nel dettaglio quanto hanno incassato le società nella stagione 2013:

1 T.D. RIMINI                                      € 11.300,00
2 A.S.MINERVA ROMA                  € 9.550,00
3 CANOTTIERI NAPOLI                 € 7.150,00
4 FIRENZE TRI                                   € 4.000,00
5 A.S. VIRTUS                                     € 3.700,00
6 PADOVANUOTO DYNAMICA   € 3.550,00
7 CUS PROPATRIA MILANO        € 2.500,00
8 FLIPPER EIFFEL ASCOLI           € 2.500,00
9 PIACENZA TRI VIVO                  € 2.200,00
10 CUS PARMA MEDEL                 € 2.100,00
11 TRIATHLON CREMONA ST    € 1.700,00
12 CUS TORINO TRIATHLON     € 1.500,00
13 ATLBELLINZAGO                     € 1.400,00
14 ALTA PUSTERIA                       € 1.100,00
15 PIANETA ACQUA                     € 1.100,00
16 FREEZONE                                   € 1.000,00
17 PEPERONCINO TEAM            € 1.000,00
18 A.S.D. TORINO TRIATH        € 900,00
19 ASD CNM TRIATHLON          € 900,00
20 TRI.RN.MAROSTICA             € 750,00
21 VALLE D’AOSTA                       € 750,00
22 PADOVA TRIATHLON           € 600,00
23 FRIESIAN TEAM                     € 550,00
24 AQUATICA TORINO S.D.     € 500,00
25 ASD NADIR ON THE ROA    € 500,00
26 BRESSANONE NUOTO           € 500,00
27 MP LIFE TRIATHLON CA    € 500,00
28 TORRINO TRI TEAM             € 500,00
29 SPORT SHUTTLE                    € 450,00
30 SABINA TEVERE                   € 400,00
31 ASD SPEZIA TRIATHLO     € 300,00
32 FORHANS TEAM                   € 300,00
33 LC BOZEN                                 € 300,00
34 GREEN HILL                           € 200,00
35 RASCHIANI TRI PAVESE € 200,00
36 SBR 3                                         € 200,00
37 RIVTRI92                               € 100,00
38 ROMA TRIATHLON            € 100,00
39 TCPA2                                      € 100,00

A queste cifre vanno aggiunti poi i rimborsi per l’attività giovanile e i premi di Coppa Italia individuale.
Come si può notare in testa ci sono società attive a 360°, un peso importante è dato dall’attività giovanile. Sicuramente ci sono alcune cose che devono far riflettere, per esempio la Triathlon Raschiani Pavese con in squadra Alice Betto, vincitrice di due titoli italiani e Leonardo Ballerini porta a casa solo 200 Euro a fronte della Flipper Ascoli Piceno che con praticamente solo 2 gare del circuito no draft (a Iseo ha portato  a casa solo 2 punti)  porta a casa 2500 euro ! Giustamente la compagine marchigiana ha nel suo DNA le lunghe distanze, ma sicuramente un circuito come quello no draft andrebbe per lo meno rivisto, a Iseo c’è stata grande partecipazione perchè era Campionato italiano e con il percorso che c’era il no draft era molto parziale, mentre nelle altre due tappe  la partecipazione è stata più ad appannaggio delle squadre del centro sud. Investire sugli Elite non serve, questa classifica è un chiaro segnale, la Federazione propone iniziative per non far “perdere”  gli elite che non riescono ad entrare nei gruppi militari e poi scorrendo questa classifica si può notare come squadre che investono sugli Elite come il Peperoncino portano a casa 1000 Euro, per non parlare di DDS e 707 con i vari Simic, Risti, Orla, Barnaby, Butturini, Salini, Battistoni, Ventura che non portano a casa niente , Triathlon Cremona Stradivari con Rendes, Signorini, Dogana, Tavecchio 1700 euro, Friesian con De Ponti, Biagiotti , Bargellini 550 Euro , tra l’altro grazie ai giovani. Sembra un chiaro segnale da parte della Federazione, meglio la quantità (e nelle gare giuste) che la qualità….. Una delle maggiori problematiche del triathlon è stata individuata nell’abbandono dei giovani “elite”  dopo il passaggio tra i “grandi” , credo che sia chiaro che nessuna società sia incentivata ad investire su di loro visto che la Federazione non appoggia chi lo fa.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Quanto guadagna una società in una stagione? Classifica 2013 dei guadagni delle società

26th ottobre, 2013

 

Il costo di una società di triathlon è sempre un interrogativo che in molti si pongono quando aprono una squadra. Spesso si pensa che sia una spesa unica gestire un team , ma il calendario italiano propone da qualche anno circuiti e classifiche che premiano a livello economico le società che si distinguono maggiormente. Abbiamo stilato una classifica dei premi vinti con i circuiti duathlon, no draft e i premi dell’attività giovanile (Coppa Italia e Trofeo italia), oltre che al Rank per società. Mancano ancora 2 gare che potrebbero cambiare qualche cosa, ma in linea di massima non ci dovrebbero essere sostanziali mutamenti. Ecco nel dettaglio quanto hanno incassato le società nella stagione 2013:

1 T.D. RIMINI                                      € 11.300,00
2 A.S.MINERVA ROMA                  € 9.550,00
3 CANOTTIERI NAPOLI                 € 7.150,00
4 FIRENZE TRI                                   € 4.000,00
5 A.S. VIRTUS                                     € 3.700,00
6 PADOVANUOTO DYNAMICA   € 3.550,00
7 CUS PROPATRIA MILANO        € 2.500,00
8 FLIPPER EIFFEL ASCOLI           € 2.500,00
9 PIACENZA TRI VIVO                  € 2.200,00
10 CUS PARMA MEDEL                 € 2.100,00
11 TRIATHLON CREMONA ST    € 1.700,00
12 CUS TORINO TRIATHLON     € 1.500,00
13 ATLBELLINZAGO                     € 1.400,00
14 ALTA PUSTERIA                       € 1.100,00
15 PIANETA ACQUA                     € 1.100,00
16 FREEZONE                                   € 1.000,00
17 PEPERONCINO TEAM            € 1.000,00
18 A.S.D. TORINO TRIATH        € 900,00
19 ASD CNM TRIATHLON          € 900,00
20 TRI.RN.MAROSTICA             € 750,00
21 VALLE D’AOSTA                       € 750,00
22 PADOVA TRIATHLON           € 600,00
23 FRIESIAN TEAM                     € 550,00
24 AQUATICA TORINO S.D.     € 500,00
25 ASD NADIR ON THE ROA    € 500,00
26 BRESSANONE NUOTO           € 500,00
27 MP LIFE TRIATHLON CA    € 500,00
28 TORRINO TRI TEAM             € 500,00
29 SPORT SHUTTLE                    € 450,00
30 SABINA TEVERE                   € 400,00
31 ASD SPEZIA TRIATHLO     € 300,00
32 FORHANS TEAM                   € 300,00
33 LC BOZEN                                 € 300,00
34 GREEN HILL                           € 200,00
35 RASCHIANI TRI PAVESE € 200,00
36 SBR 3                                         € 200,00
37 RIVTRI92                               € 100,00
38 ROMA TRIATHLON            € 100,00
39 TCPA2                                      € 100,00

A queste cifre vanno aggiunti poi i rimborsi per l’attività giovanile e i premi di Coppa Italia individuale.
Come si può notare in testa ci sono società attive a 360°, un peso importante è dato dall’attività giovanile. Sicuramente ci sono alcune cose che devono far riflettere, per esempio la Triathlon Raschiani Pavese con in squadra Alice Betto, vincitrice di due titoli italiani e Leonardo Ballerini porta a casa solo 200 Euro a fronte della Flipper Ascoli Piceno che con praticamente solo 2 gare del circuito no draft (a Iseo ha portato  a casa solo 2 punti)  porta a casa 2500 euro ! Giustamente la compagine marchigiana ha nel suo DNA le lunghe distanze, ma sicuramente un circuito come quello no draft andrebbe per lo meno rivisto, a Iseo c’è stata grande partecipazione perchè era Campionato italiano e con il percorso che c’era il no draft era molto parziale, mentre nelle altre due tappe  la partecipazione è stata più ad appannaggio delle squadre del centro sud. Investire sugli Elite non serve, questa classifica è un chiaro segnale, la Federazione propone iniziative per non far “perdere”  gli elite che non riescono ad entrare nei gruppi militari e poi scorrendo questa classifica si può notare come squadre che investono sugli Elite come il Peperoncino portano a casa 1000 Euro, per non parlare di DDS e 707 con i vari Simic, Risti, Orla, Barnaby, Butturini, Salini, Battistoni, Ventura che non portano a casa niente , Triathlon Cremona Stradivari con Rendes, Signorini, Dogana, Tavecchio 1700 euro, Friesian con De Ponti, Biagiotti , Bargellini 550 Euro , tra l’altro grazie ai giovani. Sembra un chiaro segnale da parte della Federazione, meglio la quantità (e nelle gare giuste) che la qualità….. Una delle maggiori problematiche del triathlon è stata individuata nell’abbandono dei giovani “elite”  dopo il passaggio tra i “grandi” , credo che sia chiaro che nessuna società sia incentivata ad investire su di loro visto che la Federazione non appoggia chi lo fa.

By
@novellimarco
backtotop