Mute Triathlon

Nuove regole ITU. La Fitri si adeguerà?

Polemiche sulle batterie di Riccione.

La ITU ha presentato le novità regolamentari per la stagione 2018 ( https://www.triathlon.org/news/article/itu_approves_changes_on_the_competition_rules_for_2018/es ) . Le più rilevanti riguardano l’utilizzo dei freni a disco , che dalla prossima stagione sarà liberalizzato. Per quanto riguarda la sostituzione degli atleti iscritti ( usanza abbastanza diffusa ) alle varie gare, sarà possibile con una tempistica più restrittiva e soprattutto con un numero massimo di ssotituzioni permesso durante la stagione per ogni Federazione.  Forse a seguito del caso “Brownlee” a Cozumel, sarà vietato qualsiasi aiuto tra atleti durante la gara.

Per quanto riguarda i vari rank, la novità per il 2018 è che le gare di WC non poteranno alcun punteggio per il rank della serie mondiale, la ITU point list sarà sostituita dal Rank Mondiale ITU, che includerà anche i campionati nazionali . I rank continentali  saranno esclusi dal rank mondiale.

Novità anche per il paratriathlon con una “riforma” che riguarderà le categorie.

Le regole ITU vengono recepite dalle varie Federazioni , inclusa quella italiana. Il nostro regolamento tecnico però, è fermo al 2015, con alcuni aspetti che differiscono da quello internazionale. Sussite ad oggi il divieto di utlizzo dei freni a disco nelle gare con scia libera e comunque inferiori a certe distanze, mentre , come abbiamo visto, la ITU ha liberalizzato il loro utilizzo a tutte le distanze,  nella ITU per gli A.G., l’ultilizzo del pettorale è obbligatorio solo per la frazione podistica, nel caso un atleta lo volesse utlizzare anche nella frazione di nuoto, è permesso nelle gare con muta permessa. In Italia , oltre all’obbligatorietà anche per la frazione ciclistica, è di fatto sempre vietato il suo utilizzo nella frazione natatoria.  Anche sull’uso delle divise di gara le regole FITRI sono diverse da quelle ITU, infatti i body con manica corta/lunga nella ITU sono permessi solo nelle gare “lunghe” e comunque non in caso di muta vietata, mentre in Italia sono sempre permessi.

C’è da chiedersi quindi quando e se la Fitri recepirà totalmente il regolamento ITU.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Nuove regole ITU. La Fitri si adeguerà?

16th dicembre, 2017

Polemiche sulle batterie di Riccione.

La ITU ha presentato le novità regolamentari per la stagione 2018 ( https://www.triathlon.org/news/article/itu_approves_changes_on_the_competition_rules_for_2018/es ) . Le più rilevanti riguardano l’utilizzo dei freni a disco , che dalla prossima stagione sarà liberalizzato. Per quanto riguarda la sostituzione degli atleti iscritti ( usanza abbastanza diffusa ) alle varie gare, sarà possibile con una tempistica più restrittiva e soprattutto con un numero massimo di ssotituzioni permesso durante la stagione per ogni Federazione.  Forse a seguito del caso “Brownlee” a Cozumel, sarà vietato qualsiasi aiuto tra atleti durante la gara.

Per quanto riguarda i vari rank, la novità per il 2018 è che le gare di WC non poteranno alcun punteggio per il rank della serie mondiale, la ITU point list sarà sostituita dal Rank Mondiale ITU, che includerà anche i campionati nazionali . I rank continentali  saranno esclusi dal rank mondiale.

Novità anche per il paratriathlon con una “riforma” che riguarderà le categorie.

Le regole ITU vengono recepite dalle varie Federazioni , inclusa quella italiana. Il nostro regolamento tecnico però, è fermo al 2015, con alcuni aspetti che differiscono da quello internazionale. Sussite ad oggi il divieto di utlizzo dei freni a disco nelle gare con scia libera e comunque inferiori a certe distanze, mentre , come abbiamo visto, la ITU ha liberalizzato il loro utilizzo a tutte le distanze,  nella ITU per gli A.G., l’ultilizzo del pettorale è obbligatorio solo per la frazione podistica, nel caso un atleta lo volesse utlizzare anche nella frazione di nuoto, è permesso nelle gare con muta permessa. In Italia , oltre all’obbligatorietà anche per la frazione ciclistica, è di fatto sempre vietato il suo utilizzo nella frazione natatoria.  Anche sull’uso delle divise di gara le regole FITRI sono diverse da quelle ITU, infatti i body con manica corta/lunga nella ITU sono permessi solo nelle gare “lunghe” e comunque non in caso di muta vietata, mentre in Italia sono sempre permessi.

C’è da chiedersi quindi quando e se la Fitri recepirà totalmente il regolamento ITU.

By
@novellimarco
backtotop