Mute Triathlon

Nella ITU triathlon premium asian cup di Chengdu ottime prove per gli atleti delle Fiamme Oro

Si è appena conclusa in Cina la tappa della ITU premium asian cup di Chengdu dove erano impegnati 4 azzurri delle Fiamme Oro.
La gara è stata vinta dal russo Turbayevskiy davanti al connazionale Parienko e al cinese Bai. Ottime prove per gli azzurri con Andrea Secchiero che chiude 5° assoluto, davanti a Alessandroni (ottimo il suo rientro alle competizioni) 10° che precede Casadei (11°) e Canuto (16°).
La gara ha visto uscire dall’acqua un gruppo di una ventina di atleti e il gruppo degli inseguitori è entrato in t2 con corca 1’40” di distacco, l’ultima frazione ha deciso poi le sorti della gara.
Ricordiamo che tutti e 4 gli azzurri hanno affrontato la trasferta a proprie spese per poter sommare punti importanti per la classifica ITU.

 

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


  1. Vattla'piè on 13 aprile 2013 at 16:41 said:

    C’è crisi…

Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Nella ITU triathlon premium asian cup di Chengdu ottime prove per gli atleti delle Fiamme Oro

13th aprile, 2013

Si è appena conclusa in Cina la tappa della ITU premium asian cup di Chengdu dove erano impegnati 4 azzurri delle Fiamme Oro.
La gara è stata vinta dal russo Turbayevskiy davanti al connazionale Parienko e al cinese Bai. Ottime prove per gli azzurri con Andrea Secchiero che chiude 5° assoluto, davanti a Alessandroni (ottimo il suo rientro alle competizioni) 10° che precede Casadei (11°) e Canuto (16°).
La gara ha visto uscire dall’acqua un gruppo di una ventina di atleti e il gruppo degli inseguitori è entrato in t2 con corca 1’40” di distacco, l’ultima frazione ha deciso poi le sorti della gara.
Ricordiamo che tutti e 4 gli azzurri hanno affrontato la trasferta a proprie spese per poter sommare punti importanti per la classifica ITU.

 

By
@novellimarco
backtotop