Mute Triathlon

L’organizzatore di Tirrenia “attacca” la Federazione: considerazioni

L’organizzatore di Tirrenia, Marino Pratesi, ha espresso il suo pensiero circa l’annullamento della gara di Tirrenia spiegando come sono andati , a suo avviso, i fatti. Ecco il suo intevento ( di seguito le nostre considerazioni):

Ciao Amici,
mi scuso con tutti per la lungaggine del comunicato però dopo aver letto varie inesattezze occorre mettere dei punti fermi per aiutare tutti ad esprimere giudizi oggettivi e dare e distribuire meglio le varie responsabilità.
———————–
Gentili Triathleti,
partiamo come detto da punti fermi, poi ciascuno resta libero di interpretare e dire quello che vuole.

Tutti coloro che esprimono giudizi su di noi e sulle nostre gare sono tra coloro che erano a Tirrenia?
Ho scoperto che un opinion leader che scrive su questo BLOG, non ha mai fatto una delle nostre gare, c’ho parlato con amicizia e poi mi ha spiegato che riferiva cose dette da’eroe dei due mondi  ma Lui personalmente non aveva mai fatto una nostra gara – ora che “garibaldi” è caduto in disgrazia “su questo blog naturalmente” sarà il caso di parlare per bocca di chi c’era a Tirrenia nel 2012?

A Tirrenia ad ottobre il CF ha espresso piena soddisfazione dell’organizzazione del TRI WEEK FEST ed ha confermato la ripetizione dell’evento per il 2013 e 2014 per radicalizzarlo sul territorio. Abbiamo in mano un documento epistolare che parla di ciò (cambiando consiglio Federale questo documento vale carta straccia, sebbene il documento sia firmato dallo stesso Segretario Generale  di prima e d’ora – ma chi comanda è il Consiglio Federale e ciò vale).

Noi abbiamo inoltre intervistato 500 Atleti, uno per uno da novembre  a dicembre  2012; 120 ci essi hanno risposto con soddisfazione piena esprimendo il desiderio di tornare, 5 hanno fatto critiche costruttive e due hanno detto peste e corna, questi ultimi sono stati ricontattati e dopo un serena rivisitazione delle cose hanno convenuto di aver un po’ esagerato, ma avevano le loro ragioni, ne abbiamo preso atto.

Quindi direi che con 2000 persone  complessivamente soddisfatte,  il nuovo consiglio federale poteva “rischiare” una gran bella figura proponendo ad  inizio stagione una partenza con la Clonazione del TRI WEEK FEST 2012 chiamandolo DUATHLON FEST 2012.
Ora entriamo nel merito dei numeri: le squadre iscritte, alle ore 10,30 di lunedì 18 febbraio, penultimo giorno per le iscrizioni a tariffa non maggiorata erano “ZERO” sia per la 2+2 che per la COPPA CRONO. Per la gara del sabato c’erano 14 iscritti – 7 dei quali dovevano confermare perché non avevano ancora pagato – Questo è il dato oggettivo su cui ragionare.

Perché tutto questo è successo secondo noi, quindi perché queste poche iscrizioni:

1)   Le regole per la partecipazione sono state da noi chieste all’ufficio gare in modo epistolare ancor prima che ci fosse assegnata la due giorni di gare,  gennaio 2013, peraltro assegnata con ulteriore ritardo, come sapete, le stesse regole più volte sollecitate all’ufficio gare sono uscite l’11 febbraio  (tre settimane prima della gara!!!  – motivazione: mancavano le firme di non so bene chi! Suppongo qualcuno del CF.
2)   Lo stesso giorno 11 febbraio poco prima che uscissero le norme, abbiamo sollevato perplessità all’ufficio gare stesso sul ritardo e sul fatto che i TEAM avrebbero avuto grosse difficoltà a coordinarsi per fare le squadre di li a tre settimane. Mettere d’accordo più persone per un comune obiettivo non è semplice, come immaginate, tutti lavoriamo, abbiamo famiglia e perché no, vediamo altre belle gare calendarizzate in date prossime a quelle delle gare di circuito e titoli. Ci è stato risposto – tranquilli oggi escono le norme e le squadre si iscriveranno.
3)   Diversamente da quanto è accaduto per il TRI WEEK FEST 2012 sul sito Federale NON è comparso alcun articolo sul DUATHLON FEST 2013, avete letto qualcosa? Anche per i tempi stretti ci attendevamo una collaborazione a 360° come accaduto nel 2012 per il TRI WEEK FEST, ciò non è accaduto. Un comunicato inviato in FITri venerdì pomeriggio 15 febbraio lunedì mattina NON era ancora presente sul sito Federale. Dico questo perché a ottobre 2012 i comunicati sono stati inviati anche di sabato mattina e per la cortese collaborazione di chi era preposto alla editazione, “da casa” sono stati inseriti poche ore dopo, anche se non c’era una emergenza come adesso. Questo senza colpevolizzare nessuno , questi sono i fatti.

Ora normalmente le iscrizioni a tariffa normale arrivano alla quasi totalità sino a 11 giorni dalla gara, entro i dieci si iscrive a tariffa maggiorata  il 3, 4 % del complesso degli iscritti. Dunque il giorno prima della chiusura delle iscrizioni alle ore 10,30, vedendo questi numeri dovevamo attendere cosa? Che si iscrivessero 4, 6, o 10 squadre alla 2+2 = 40 Atleti e quante altre alla CRIONO? 10 = 50 Atleti? Contro i 110 TEAM iscritti a 20gg dall’evento per il TRI WEEK FEST?
Certo qualcuno può venirmi a raccontare che Cristo è morto dal freddo però noi i conti sulle proiezioni delle dinamiche di iscrizione li facciamo sempre e questa volta avremo fatto un duathlon il sabato con quanti iscritti? 100, 150, 200 – Quindi in 38 ore si iscrivevano 200 o giù di lì Atleti? E per le squadre? In 38 ore quante altre? Noi non ci abbiamo creduto.
Potrei sapere  nome e cognome,  chi di voi avrebbe partecipato alle gare a squadre previste per il 2 e 3 marzo? Forza fate uno sforzo e ditemi, vi sembra l’ultimo giorno martedì 19 il giorno più utile per iscrivervi? E perché a ottobre 110 TEAM si sono iscritti con 20gg di anticipo? La verità è che giustamente il calendario è uscito con troppo ritardo, le norme non c’erano  e ciascuno di noi NON ha programmato questa bellissima gara CRONO o la 2+2. Il resto conta  poco, io stesso per fare una squadra ho bisogno di almeno un mese, tranquillo, con le norme conosciute.

Ora al mondo devono esistere delle persone con le p—e che si prendono delle responsabilità. Noi siamo tra questi perché nelle dinamiche organizzative c’è sempre un momento di non ritorno passato il quale le cose devono andar avanti senza più possibilità di ritorno, succeda quello che succeda.

Il presidente della Federazione mi ha chiamato intorno alle 12.00 di lunedì ed è rimasto dispiaciuto che prima di editare l’atto di RECESSIONE  delle gare in FITri non lo avessi chiamato – E’ vero però cosa avrebbe DOVUTO  fare Lui Presidente di utile “prima” – Editare il calendario Titoli e gare di circuito in tempo, far fare le regole in tempo, dare ORDINI in FITri perché l’EVENTO della federazione e dell’organizzatore potesse avere sul sito Federale la pubblicità necessaria per vincere contro il poco tempo che restava. Tutte queste cose nel 2012 sono state fatte ed i numeri di ottobre sono quelli che sono stati.

Il Presidente Luigi Bianchi scrive, nel suo comunicato:
“ancor più dispiaciuti per il fatto che l’organizzazione abbia comunicato all’esterno la sua rinuncia”
sbagliato, il documento di RECESSIONE è arrivato a mezzo fax all’ufficio gare e noi non abbiamo scritto ne detto nulla a nessuno se non dopo l’emissione del comunicato stesso, ci spiace molto che il Presidente abbia detto una cosa inesatta, ci spiace davvero, devono averlo informato male…….

Alle ore 10.30 di lunedì 18 febbraio a 11 gg dalla data della gara del sabato  NOI abbiamo preso questa decisione di FERMARE la macchina organizzativa  perché questo era il momento per il MINOR danno per tutti – Prima la Federazione e l’organizzatore nel non mettere in discussione la propria credibilità verso le autorità del territorio e non ultimo per importanza gli Atleti che avrebbero disputato un titolo in quattro gatti ed una crono ridicola.
Certo la gara del sabato avrebbe avuto la sua seppur minima dignità però noi avevamo speso con gli operatori del territorio che avremo portato il 50-70% dell’indotto economico relativo al turismo sportivo di quanto è accaduto ad ottobre 2012.

Ora devo aggiungere una nota veramente CRUDA.

Noi siamo consapevoli che con questa “RECESSIONE” a 12 gg dalle date delle gare abbiamo rotto il rapporto fiduciario con l’attuale FITri , quindi vi informiamo che nello stesso atto di “RECESSIONE” abbiamo altresì, responsabilmente rimesso in mano all’ufficio gare l’assegnazione dell’altra gara del 2013 la 4^ prova DUATHLON 5/30/5. Spero che la stessa venga riassegnata ad altri nell’esclusivo interesse degli Atleti  che devono programmare bene la propria stagione.

Ora noi ci organizziamo per fare gare d’altro tipo che titoli e gare di circuito, neppure gare di Rank.
Perché non ne vogliamo più sapere di queste gare? Perché queste gare sono prima di tutto della Federazione e poi dell’organizzatore. Ma un organizzatore NON seguito ed abbandonato non può centrare questi obiettivi Federali. Nel 2012 questo NON è successo.

Ora parliamo un attimo delle gare di Rank:
C’è stata la prima a Viareggio mi hanno riferito che le cose non sono andate bene però non vorrei commettere l’errore che ho rilevato a colui che non ha mai fatto le nostre gare, quindi chiedo, qualcuno c’è andato?  La FITri era presente con un Delegato Tecnico? Il Giudice Arbitro nel referto fine gara ha riportato qualcosa? Queste son le persone che devono controllare una gara. Poi certo vale anche il giudizio “OGGETTIVO” di chi le partecipa le gare, ci mancherebbe, per questo ogni tanto posteriormente facciamo il sondaggio di cui vi ho parlato.
La zona cambio era CHIUSA? La gara è partita in orario? Se ritardo c’è stato da cosa è stato determinato? Le ambulanza c’erano un’ora prima dell’inizio della gara? I percorsi erano completamente chiusi? Ed altro ancora, dai ragazzi, se fosse mancata una Federazione nel controllo delle cose vediamo di dircele noi.
Quello che è importante è che la Federazione DEVE controllare oltreché fare norme all’ ultimo momento. Quando verranno formati e nominati i Delegati Tecnici per i controlli?

Comunque resto a vostra disposizione per ogni chiarimento che fosse ritenuto necessario però non parlate delle cose che non avete visto e vi prego i giudizi soggettivi fateli dare solo a Garibaldi che essendo vicino a Dio solo Lui può esprimere giudizi di divina certezza.

I giudizi devono essere oggettivi, come ben sanno i 500 da noi intervistati e vi prego, non sapete il male che involontariamente fate al movimento ed all’organizzatore valutando una gara dal pacco gara e dal pasta party, cose sempre molto interessanti e da migliorare per quel che riguarda le nostre gare. Però sulle partenze delle 120 squadre della CTONO TTT di ottobre, nessuno ha avuto da ridire. Questa è la gara organizzativamente più delicata e complessa che esista, l’abbiamo fatta a ottobre e fatta BENE!.

Per concludere abbiamo “abortito” con dispiacere e di ciò, per la minima parte di nostra responsabilità,  chiediamo scusa a tutti coloro che sarebbero venuti fiduciosi come ad ottobre per fare una bella gara.

Mi scuso per la lungaggine del comunicato ed auguro a tutti voi una buona stagione agonistica 2013.
Per lo STAFF Organizzativo
Phisio Sport Lab ASD
Marino

Come si può leggere chiaramente dall’intervento di Pratesi, è  iniziata la gara di  “scarica barile” per quanto riguarda le responsabilità dell’annullamento di Tirrenia. Pratesi dichiara candidamente che aveva in mano una promessa da parte della vecchia gestione per la riproposizione del triathlon fest 2013-2014, cosa gravissima, perchè ricordiamo che l’assegnazione delle manifestazioni nazionali che assegnano titoli avvengono tramite bando, di fatto le dichiarazioni di Pratesi confermano le idee che circolavano sulla vecchia gestione circa l’assegnazione “ad personam” di alcune gare. Tra l’altro l’edizione 2012 del triathlon fest a Tirrenia è stata la Caporetto della vecchia dirigenza, ora si spiega (anche se era ben chiaro) il perchè Pratesi si sia candidato a fianco della “cordata” Bertrandi nelle ultime elezioni.
Simpatico il discorso sugli intervistati, io ero presente a Tirrenia come ai vari Marina di Pisa ecc e di contenti ne ho sentiti molti pochi, inoltre sui vari forum e su facebook i commenti erano tutti univoci e parlavano di  “presa per i fondelli” e “organizzazione scadente”, tra l’altro all’indomani dell’annuncio dell’annullamento della gara di Tirrenia il commento ricorrente era  “vista l’edizione dello scorso anno gli atleti hanno ben pensato di stare alla larga dall’ennesima presa in giro”.  Non è un mistero che i sondaggi sono ad uso e consumo di chi li commissiona, in questo caso direi che i presenti a Tirrenia 2012 di certo sanno come sono andate le cose, si ricordano per esempio del vergognoso epilogo della gara Crono, gara da invalidare ma con tacito consenso di chi avrebbe dovuto vigilare sulla regolarità della manifestazione si è trasformata in una farsa senza precedenti. Sempre i presenti si ricorderanno del pasta party con timbrino sulla mano per evitare il bis e porzioni mini, tralasciando il pacco gara (certo che con l’incasso della gara almeno un pacco gara non sarebbe stato male metterlo!) che dire del fatto che la gara paratriathlon , che sarebbe dovuta essere parte della grande festa, sia stata messa in coda a tutte le gare, con l’effetto di non avere nessuno a vedere la gara e gente che intralciava la stessa? Vogliamo parlare della fantastica premiazione dgli Age Group?
Da italica usanza, quando la nave affonda si cercano giustificazioni del tipo ” però anche gli altri hanno fatto così ecc”. Pratesi cita Viareggio e parla di gara partita in ritardo , ambulanze ecc.  Curioso che lo stesso Pratesi esordisca richiamando chi ha commentato la gara di Tirrenia 2012 senza essere presente, quando poi lui parla di Viareggio per sentito dire. Ebbene, Pratesi sicuramente avrà saputo che la gara è partita in ritardo perchè nei controlli effettuati dal Giudice arbitro sui tesseramenti, per un errore del suo archivio dati, risultavano OLTRE 60 atleti non in regola, tutti questi atleti hanno dovuto compilare una dichiarazione in merito alla loro situazione, quindi normale che ci sia stato un ritardo visto che compilare oltre 60 moduli e poi verificarli non è un lavoro da 10′. Le ambulanze (2 come da regolamento) erano presenti e anche in orario (da regolamento), tra l’altro durante la gara una è anche dovuta andare via per soccorrere una ragazzina fuori dalla manifestazione, tra l’altro anche il medico di gara è salito sull’ambulanza e quindi DA REGOLAMENTO si è dovuto aspettare il suo ritorno, ed ecco spiegati i motivi dei ritardi. Sempre Pratesi si chiede se le strade fossero chiuse, proprio a Tirrenia (duathlon) quando facevo la guida per un non vedente, ho rischiato ad un giro di boa di centrare un ‘auto STRANAMENTE sul percorso, idem alcuni miei compagni di squadra che hanno dovuto schivare un’auto che si stava immettendo sul percorso (a Ottobre) .
Sempre Pratesi si lascia andare a proiezioni di iscritti basate non si sa su quale regola , quando tutti gli organizzatori di gare sanno perfettamente che il triathleta italiano si “sveglia” l’ultima settimana, parlando con altri squadre grandi, si poteva tranquillamente costatare che avrebbero portato 30-40 atleti e 8-10 squadre a testa per la due giorni di Tirrenia.
Fuori luogo secondo me l’attacco alla Federazione, le regole del 2+2 e crono erano comunque chiare nella circolare gare , dove era specificato chi poteva correre una formula piuttosto che l’altra, poco serio il discorso del Fax, esistono le linee dirette per comunicare con la Fitri oppure esistono i cellulari.
L’organizzatore afferma poi di aver bloccato la macchina organizzativa per creare minor danno a tutti, quando invece ha chiaramente dimostrato che l’unica cosa che per lui contava era far quadrare i conti, impressione avuto dal rapporto costo-servizi offerti che molti atleti hanno potuto costatare a Tirrenia.  Lo stesso Pratesi si sente non seguito dalla Federazione, mi chiedo cosa intende per seguito. La Federazione apre un bando, chiaramente indica cosa offre all’organizzazione, poi ci pensano gli uffici federali, sempre gentili e disponibili. Si apprende poi che la Phisio sport lab non organizzerà più gare di rank e per titoli (salta quindi la gara del 7 Luglio ).

In conclusione ritengo che la Phisio Sport Lab abbia dimostrato scarsa professionalità nel suo operato, per una società che si presenta come organizzatrice di eventi credo con che la “vicenda Tirrenia” si sia scavata la fossa da sola, tra l’altro credo che il fatto di dichiarare di non voler organizzare più gare rank ecc sia più di tutto un anticipare provvedimenti che potrebbero arrivare dalla federazione. L’annullamento delle due giorni di Tirrenia ha causato disagi a tutte le squadre e società, oltre a diversi atleti che hanno prenotato voli d’aereo e alberghi, di queste spese chi se ne farà carico? Di certo non la perfetta macchina organizzativa di Phisio Sport Lab, alla quale però qualcuno potrebbe spiegare che mettere tutti i cartelli in inglese in un campionato italiano è un po’ ridicolo…….

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


  1. Michele, spesso sento dire “perchè si è ridata la gara a Tirrenia dopo i problemi dello scorso anno?” e sento anche gente che si lamenta di assegnazioni di alcune gare…Bene, se si vuole trasparenza e correttezza allora la si deve volere SEMPRE, perchè se Tirrenia ha presentato regolare domanda con tutti i requisiti in regola (per la precisione anche io mi ero candidato ma non avevo il requisito dell’anzianità di squadra) e quindi è stata scelta, questo mi sembra giusto. Poi posso condividere i tuoi discorsi sulla distanza, ho fatto lo stesso ragionamento dopo il flop di Tuoro, ritengo che Romano di Lombardia come Lecco, Gaggiano, Lido della Nazioni e Rimini (oltre ad altre naturalmente) dovrebbero avere a prescindere una data importante nel calendario, ma giustamente c’è un bando e va rispettato. Io non vedo così tanti problemi per il discorso delle date, è da un bel po’ che si sa di Tirrenia e chi vuole partecipare partecipa, so perfettamente le difficoltà nell’organizzare il tutto, ma quelle ci sono sempre, sia che il calendario esca a Gennaio che a Febbraio. Ricordo poi che questa Federazione si è insediata a Novembre partendo da zero, la vecchia non aveva lasciato nulla in eredità e quindi ci stanno certi ritardi, soprattutto quando si cambiano alcune cose.

  2. Le date saranno anche specificate nella circolare gare ma non nel calendario, e bisogna sapere dove guardare cosa che solo voi, non volermene, anziani del triathlon sapete fare e cmq non c’è specificato dove saranno fatte cosa che nel caso di Tirrenia è molto ma molto importante. Tu sai sicuramente meglio di me come sia difficile convincere delle persone che lavorano, con famiglia e visto il periodo anche magari con qualche problemino economico, a partecipare ad una gara a 400km di distanza dove bisogna pernottare fuori almeno una notte…..dai ci vuole un pò + di anticipooooooo…..io la penso così.
    Lo sai che conosco e stimo chi queste decisioni, nel nuovo consiglio, le ha prese ma in questo caso hanno cannato….cannato di brutto.
    Poi detto sinceramente, e so di tirarmi addosso un sacco di ire, bisognerebbe anche tener conto di chi o meglio da dove arriva chi fa questo tipo di gare x decidere dove farle. Non reputo intelligente infatti far spostare l’80% o forse + degli atleti di 400km o + km solo x accontentare questa o quella Società x avere di ritorno voti elettorali. L’anno scorso la stessa gara a Romano (BG) ha fatto il pienone….ben organizzata e ben recensita….il movimento ci ha guadagnato ad assegnarla alla Phisio? A me non pare proprio. La FITRI è un organismo eletto da e X il movimento del Triathlon e solo di questo si dovrebbe occupare. Se io e quelli come me si stufano di far triathlon xchè i vertici sono dei politici e basta la FITRI cessa di esistere ed il movimento rimane un gruppo di appassionati di TRI. Forse è il momento che si torni a fare Triathlon e non a guadagnare sul Triathlon…..solo così il movimento potrebbe ritornare a crescere.

    Scusate forse ho divagato un pò….ora vado a nuotare 🙂

  3. MIchele, le date dei campionati italiani ecc erano già praticamente chiare nella circolare gare , c’erano magari 2-3 date possibili, ma per la maggior parte dei casi parliamo di 1-2 settimane di differenza. Con le elezioni di mezzo, non sarebbe stato possibile avere un calendario a Novembre, tra l’altro a differenza di altre volte la Federazione uscente non ha lasciato niente fatto, giustamente o no , ma questi sono i fatti. Io non capisco tutti questi problemi con l calendario, le date sono sempre le stesse da anni, i Campionati italiani di duathlon a Marzo /aprile , quelli di triathlon a Luglio, quelli di tri sprint e fine Settembre/Ottobre, ma questo da anni, anche perchè gli impegni internazionali sono sempre nelle stesse date più o meno. Dici che gli altri anni a Dicembre si aveva tutto pronto? Io ricordo lo scorso anno un calendario giovnanile arrangiato all’ultimo e senza alcune date sino a stagione ampiamente iniziata, ricordo macroaree con date cambiate in corsa o addirittura accorpate ad altre sempre con stagione in corsa ecc ecc eccc.
    Nessuno dice che Tirrenia sia stato un totale fallimento, ma diciamo che da alcuni anni la stessa organizzazione viene a mancare sempre sulle stesse cose , soprattutto considerando che ha fatto “le scarpe” a Rimini direi che non regge assolutamente il confronto e ci si chiede come mai ci sia stato questo “avvicendamento”. Spunta poi la dichiarazione di questo fantomatico accordo firmato da Lucarini , tra l’altro poi lo stesso Pratesi sembra voler rigirare la frittata dicendo che non è quello che aveva precedentemente detto……..

  4. Mah Marco, lo sai che ti stimo ma parzialmente dissento sulla tua risposta. Ok x il fatto che Marino, che non conosco, cerchi giustificazioni mortificando altre organizzazioni. Se, come penso, la Phisio fa del Triathlon un modo x guadagnare soldi non deve accampare scuse….è giusto che lo faccia ma c’è modo e modo e, secondo me, lo fa in modo troppo evidente. Non sono del tutto d’accordo con te sul completo fallimento della scorsa edizione. La gara mi ha divertito molto e non è stata quindi un completo flop. Da qui a dire che la maggior parte degli atleti fosse contenta ce ne passa eccome….molte cose erano ben fatte molte ma molte altre no. Questo x Marino….una gara ben organizzata invece era il TRIWeekFest di Rimini dell’anno precedente, non priva di cose da migliorare eh, ma pregna di entusiasmo e voglia di fare bene. Lo dico privo di pregiudizi o favoritismi di quella o questa fazione ma solo in base al merito da semplice e SCARSO Triathleta.

    Ben diverso invece il discorso della federazione FITRI. Capisco da parte di Marco la diplomazia nel gestire l’argomento ma in questo specifico caso non ha scuse. Io non so come si gestisce la FITRI e manco mi interessa, pago e VOGLIO essere servito, penso sia un mio diritto. Mia personale opinione, ma non solo mia da quel che leggo nei vari blog, che quest’anno il calendario sia uscito troppo, TROPPO TARDI. Come già discusso animatamente da altre parti da parte mia ho trovato notevoli difficoltà a convincere i miei compagni a partecipare ad una gara con solo 3 sett di anticipo. Non è il mio caso ma mi metto nei panni di chi deve programmare gli allenamenti x fare risultato in una gara così importante e non capisco come sia possibile. La FITRI il calendario dovrebbe rilasciarlo ad ottobre/novembre mica a febbraio.perlomeno x quelle gare, come questa, che assegna dei titoli e che si sa che ci dovranno essere e come dice candidamente Marino che si sa pure dove dovranno essere.
    Si spera quindi che l’anno prox la nuova dirigenza aggiusti il tiro.

Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

L’organizzatore di Tirrenia “attacca” la Federazione: considerazioni

24th febbraio, 2013

L’organizzatore di Tirrenia, Marino Pratesi, ha espresso il suo pensiero circa l’annullamento della gara di Tirrenia spiegando come sono andati , a suo avviso, i fatti. Ecco il suo intevento ( di seguito le nostre considerazioni):

Ciao Amici,
mi scuso con tutti per la lungaggine del comunicato però dopo aver letto varie inesattezze occorre mettere dei punti fermi per aiutare tutti ad esprimere giudizi oggettivi e dare e distribuire meglio le varie responsabilità.
———————–
Gentili Triathleti,
partiamo come detto da punti fermi, poi ciascuno resta libero di interpretare e dire quello che vuole.

Tutti coloro che esprimono giudizi su di noi e sulle nostre gare sono tra coloro che erano a Tirrenia?
Ho scoperto che un opinion leader che scrive su questo BLOG, non ha mai fatto una delle nostre gare, c’ho parlato con amicizia e poi mi ha spiegato che riferiva cose dette da’eroe dei due mondi  ma Lui personalmente non aveva mai fatto una nostra gara – ora che “garibaldi” è caduto in disgrazia “su questo blog naturalmente” sarà il caso di parlare per bocca di chi c’era a Tirrenia nel 2012?

A Tirrenia ad ottobre il CF ha espresso piena soddisfazione dell’organizzazione del TRI WEEK FEST ed ha confermato la ripetizione dell’evento per il 2013 e 2014 per radicalizzarlo sul territorio. Abbiamo in mano un documento epistolare che parla di ciò (cambiando consiglio Federale questo documento vale carta straccia, sebbene il documento sia firmato dallo stesso Segretario Generale  di prima e d’ora – ma chi comanda è il Consiglio Federale e ciò vale).

Noi abbiamo inoltre intervistato 500 Atleti, uno per uno da novembre  a dicembre  2012; 120 ci essi hanno risposto con soddisfazione piena esprimendo il desiderio di tornare, 5 hanno fatto critiche costruttive e due hanno detto peste e corna, questi ultimi sono stati ricontattati e dopo un serena rivisitazione delle cose hanno convenuto di aver un po’ esagerato, ma avevano le loro ragioni, ne abbiamo preso atto.

Quindi direi che con 2000 persone  complessivamente soddisfatte,  il nuovo consiglio federale poteva “rischiare” una gran bella figura proponendo ad  inizio stagione una partenza con la Clonazione del TRI WEEK FEST 2012 chiamandolo DUATHLON FEST 2012.
Ora entriamo nel merito dei numeri: le squadre iscritte, alle ore 10,30 di lunedì 18 febbraio, penultimo giorno per le iscrizioni a tariffa non maggiorata erano “ZERO” sia per la 2+2 che per la COPPA CRONO. Per la gara del sabato c’erano 14 iscritti – 7 dei quali dovevano confermare perché non avevano ancora pagato – Questo è il dato oggettivo su cui ragionare.

Perché tutto questo è successo secondo noi, quindi perché queste poche iscrizioni:

1)   Le regole per la partecipazione sono state da noi chieste all’ufficio gare in modo epistolare ancor prima che ci fosse assegnata la due giorni di gare,  gennaio 2013, peraltro assegnata con ulteriore ritardo, come sapete, le stesse regole più volte sollecitate all’ufficio gare sono uscite l’11 febbraio  (tre settimane prima della gara!!!  – motivazione: mancavano le firme di non so bene chi! Suppongo qualcuno del CF.
2)   Lo stesso giorno 11 febbraio poco prima che uscissero le norme, abbiamo sollevato perplessità all’ufficio gare stesso sul ritardo e sul fatto che i TEAM avrebbero avuto grosse difficoltà a coordinarsi per fare le squadre di li a tre settimane. Mettere d’accordo più persone per un comune obiettivo non è semplice, come immaginate, tutti lavoriamo, abbiamo famiglia e perché no, vediamo altre belle gare calendarizzate in date prossime a quelle delle gare di circuito e titoli. Ci è stato risposto – tranquilli oggi escono le norme e le squadre si iscriveranno.
3)   Diversamente da quanto è accaduto per il TRI WEEK FEST 2012 sul sito Federale NON è comparso alcun articolo sul DUATHLON FEST 2013, avete letto qualcosa? Anche per i tempi stretti ci attendevamo una collaborazione a 360° come accaduto nel 2012 per il TRI WEEK FEST, ciò non è accaduto. Un comunicato inviato in FITri venerdì pomeriggio 15 febbraio lunedì mattina NON era ancora presente sul sito Federale. Dico questo perché a ottobre 2012 i comunicati sono stati inviati anche di sabato mattina e per la cortese collaborazione di chi era preposto alla editazione, “da casa” sono stati inseriti poche ore dopo, anche se non c’era una emergenza come adesso. Questo senza colpevolizzare nessuno , questi sono i fatti.

Ora normalmente le iscrizioni a tariffa normale arrivano alla quasi totalità sino a 11 giorni dalla gara, entro i dieci si iscrive a tariffa maggiorata  il 3, 4 % del complesso degli iscritti. Dunque il giorno prima della chiusura delle iscrizioni alle ore 10,30, vedendo questi numeri dovevamo attendere cosa? Che si iscrivessero 4, 6, o 10 squadre alla 2+2 = 40 Atleti e quante altre alla CRIONO? 10 = 50 Atleti? Contro i 110 TEAM iscritti a 20gg dall’evento per il TRI WEEK FEST?
Certo qualcuno può venirmi a raccontare che Cristo è morto dal freddo però noi i conti sulle proiezioni delle dinamiche di iscrizione li facciamo sempre e questa volta avremo fatto un duathlon il sabato con quanti iscritti? 100, 150, 200 – Quindi in 38 ore si iscrivevano 200 o giù di lì Atleti? E per le squadre? In 38 ore quante altre? Noi non ci abbiamo creduto.
Potrei sapere  nome e cognome,  chi di voi avrebbe partecipato alle gare a squadre previste per il 2 e 3 marzo? Forza fate uno sforzo e ditemi, vi sembra l’ultimo giorno martedì 19 il giorno più utile per iscrivervi? E perché a ottobre 110 TEAM si sono iscritti con 20gg di anticipo? La verità è che giustamente il calendario è uscito con troppo ritardo, le norme non c’erano  e ciascuno di noi NON ha programmato questa bellissima gara CRONO o la 2+2. Il resto conta  poco, io stesso per fare una squadra ho bisogno di almeno un mese, tranquillo, con le norme conosciute.

Ora al mondo devono esistere delle persone con le p—e che si prendono delle responsabilità. Noi siamo tra questi perché nelle dinamiche organizzative c’è sempre un momento di non ritorno passato il quale le cose devono andar avanti senza più possibilità di ritorno, succeda quello che succeda.

Il presidente della Federazione mi ha chiamato intorno alle 12.00 di lunedì ed è rimasto dispiaciuto che prima di editare l’atto di RECESSIONE  delle gare in FITri non lo avessi chiamato – E’ vero però cosa avrebbe DOVUTO  fare Lui Presidente di utile “prima” – Editare il calendario Titoli e gare di circuito in tempo, far fare le regole in tempo, dare ORDINI in FITri perché l’EVENTO della federazione e dell’organizzatore potesse avere sul sito Federale la pubblicità necessaria per vincere contro il poco tempo che restava. Tutte queste cose nel 2012 sono state fatte ed i numeri di ottobre sono quelli che sono stati.

Il Presidente Luigi Bianchi scrive, nel suo comunicato:
“ancor più dispiaciuti per il fatto che l’organizzazione abbia comunicato all’esterno la sua rinuncia”
sbagliato, il documento di RECESSIONE è arrivato a mezzo fax all’ufficio gare e noi non abbiamo scritto ne detto nulla a nessuno se non dopo l’emissione del comunicato stesso, ci spiace molto che il Presidente abbia detto una cosa inesatta, ci spiace davvero, devono averlo informato male…….

Alle ore 10.30 di lunedì 18 febbraio a 11 gg dalla data della gara del sabato  NOI abbiamo preso questa decisione di FERMARE la macchina organizzativa  perché questo era il momento per il MINOR danno per tutti – Prima la Federazione e l’organizzatore nel non mettere in discussione la propria credibilità verso le autorità del territorio e non ultimo per importanza gli Atleti che avrebbero disputato un titolo in quattro gatti ed una crono ridicola.
Certo la gara del sabato avrebbe avuto la sua seppur minima dignità però noi avevamo speso con gli operatori del territorio che avremo portato il 50-70% dell’indotto economico relativo al turismo sportivo di quanto è accaduto ad ottobre 2012.

Ora devo aggiungere una nota veramente CRUDA.

Noi siamo consapevoli che con questa “RECESSIONE” a 12 gg dalle date delle gare abbiamo rotto il rapporto fiduciario con l’attuale FITri , quindi vi informiamo che nello stesso atto di “RECESSIONE” abbiamo altresì, responsabilmente rimesso in mano all’ufficio gare l’assegnazione dell’altra gara del 2013 la 4^ prova DUATHLON 5/30/5. Spero che la stessa venga riassegnata ad altri nell’esclusivo interesse degli Atleti  che devono programmare bene la propria stagione.

Ora noi ci organizziamo per fare gare d’altro tipo che titoli e gare di circuito, neppure gare di Rank.
Perché non ne vogliamo più sapere di queste gare? Perché queste gare sono prima di tutto della Federazione e poi dell’organizzatore. Ma un organizzatore NON seguito ed abbandonato non può centrare questi obiettivi Federali. Nel 2012 questo NON è successo.

Ora parliamo un attimo delle gare di Rank:
C’è stata la prima a Viareggio mi hanno riferito che le cose non sono andate bene però non vorrei commettere l’errore che ho rilevato a colui che non ha mai fatto le nostre gare, quindi chiedo, qualcuno c’è andato?  La FITri era presente con un Delegato Tecnico? Il Giudice Arbitro nel referto fine gara ha riportato qualcosa? Queste son le persone che devono controllare una gara. Poi certo vale anche il giudizio “OGGETTIVO” di chi le partecipa le gare, ci mancherebbe, per questo ogni tanto posteriormente facciamo il sondaggio di cui vi ho parlato.
La zona cambio era CHIUSA? La gara è partita in orario? Se ritardo c’è stato da cosa è stato determinato? Le ambulanza c’erano un’ora prima dell’inizio della gara? I percorsi erano completamente chiusi? Ed altro ancora, dai ragazzi, se fosse mancata una Federazione nel controllo delle cose vediamo di dircele noi.
Quello che è importante è che la Federazione DEVE controllare oltreché fare norme all’ ultimo momento. Quando verranno formati e nominati i Delegati Tecnici per i controlli?

Comunque resto a vostra disposizione per ogni chiarimento che fosse ritenuto necessario però non parlate delle cose che non avete visto e vi prego i giudizi soggettivi fateli dare solo a Garibaldi che essendo vicino a Dio solo Lui può esprimere giudizi di divina certezza.

I giudizi devono essere oggettivi, come ben sanno i 500 da noi intervistati e vi prego, non sapete il male che involontariamente fate al movimento ed all’organizzatore valutando una gara dal pacco gara e dal pasta party, cose sempre molto interessanti e da migliorare per quel che riguarda le nostre gare. Però sulle partenze delle 120 squadre della CTONO TTT di ottobre, nessuno ha avuto da ridire. Questa è la gara organizzativamente più delicata e complessa che esista, l’abbiamo fatta a ottobre e fatta BENE!.

Per concludere abbiamo “abortito” con dispiacere e di ciò, per la minima parte di nostra responsabilità,  chiediamo scusa a tutti coloro che sarebbero venuti fiduciosi come ad ottobre per fare una bella gara.

Mi scuso per la lungaggine del comunicato ed auguro a tutti voi una buona stagione agonistica 2013.
Per lo STAFF Organizzativo
Phisio Sport Lab ASD
Marino

Come si può leggere chiaramente dall’intervento di Pratesi, è  iniziata la gara di  “scarica barile” per quanto riguarda le responsabilità dell’annullamento di Tirrenia. Pratesi dichiara candidamente che aveva in mano una promessa da parte della vecchia gestione per la riproposizione del triathlon fest 2013-2014, cosa gravissima, perchè ricordiamo che l’assegnazione delle manifestazioni nazionali che assegnano titoli avvengono tramite bando, di fatto le dichiarazioni di Pratesi confermano le idee che circolavano sulla vecchia gestione circa l’assegnazione “ad personam” di alcune gare. Tra l’altro l’edizione 2012 del triathlon fest a Tirrenia è stata la Caporetto della vecchia dirigenza, ora si spiega (anche se era ben chiaro) il perchè Pratesi si sia candidato a fianco della “cordata” Bertrandi nelle ultime elezioni.
Simpatico il discorso sugli intervistati, io ero presente a Tirrenia come ai vari Marina di Pisa ecc e di contenti ne ho sentiti molti pochi, inoltre sui vari forum e su facebook i commenti erano tutti univoci e parlavano di  “presa per i fondelli” e “organizzazione scadente”, tra l’altro all’indomani dell’annuncio dell’annullamento della gara di Tirrenia il commento ricorrente era  “vista l’edizione dello scorso anno gli atleti hanno ben pensato di stare alla larga dall’ennesima presa in giro”.  Non è un mistero che i sondaggi sono ad uso e consumo di chi li commissiona, in questo caso direi che i presenti a Tirrenia 2012 di certo sanno come sono andate le cose, si ricordano per esempio del vergognoso epilogo della gara Crono, gara da invalidare ma con tacito consenso di chi avrebbe dovuto vigilare sulla regolarità della manifestazione si è trasformata in una farsa senza precedenti. Sempre i presenti si ricorderanno del pasta party con timbrino sulla mano per evitare il bis e porzioni mini, tralasciando il pacco gara (certo che con l’incasso della gara almeno un pacco gara non sarebbe stato male metterlo!) che dire del fatto che la gara paratriathlon , che sarebbe dovuta essere parte della grande festa, sia stata messa in coda a tutte le gare, con l’effetto di non avere nessuno a vedere la gara e gente che intralciava la stessa? Vogliamo parlare della fantastica premiazione dgli Age Group?
Da italica usanza, quando la nave affonda si cercano giustificazioni del tipo ” però anche gli altri hanno fatto così ecc”. Pratesi cita Viareggio e parla di gara partita in ritardo , ambulanze ecc.  Curioso che lo stesso Pratesi esordisca richiamando chi ha commentato la gara di Tirrenia 2012 senza essere presente, quando poi lui parla di Viareggio per sentito dire. Ebbene, Pratesi sicuramente avrà saputo che la gara è partita in ritardo perchè nei controlli effettuati dal Giudice arbitro sui tesseramenti, per un errore del suo archivio dati, risultavano OLTRE 60 atleti non in regola, tutti questi atleti hanno dovuto compilare una dichiarazione in merito alla loro situazione, quindi normale che ci sia stato un ritardo visto che compilare oltre 60 moduli e poi verificarli non è un lavoro da 10′. Le ambulanze (2 come da regolamento) erano presenti e anche in orario (da regolamento), tra l’altro durante la gara una è anche dovuta andare via per soccorrere una ragazzina fuori dalla manifestazione, tra l’altro anche il medico di gara è salito sull’ambulanza e quindi DA REGOLAMENTO si è dovuto aspettare il suo ritorno, ed ecco spiegati i motivi dei ritardi. Sempre Pratesi si chiede se le strade fossero chiuse, proprio a Tirrenia (duathlon) quando facevo la guida per un non vedente, ho rischiato ad un giro di boa di centrare un ‘auto STRANAMENTE sul percorso, idem alcuni miei compagni di squadra che hanno dovuto schivare un’auto che si stava immettendo sul percorso (a Ottobre) .
Sempre Pratesi si lascia andare a proiezioni di iscritti basate non si sa su quale regola , quando tutti gli organizzatori di gare sanno perfettamente che il triathleta italiano si “sveglia” l’ultima settimana, parlando con altri squadre grandi, si poteva tranquillamente costatare che avrebbero portato 30-40 atleti e 8-10 squadre a testa per la due giorni di Tirrenia.
Fuori luogo secondo me l’attacco alla Federazione, le regole del 2+2 e crono erano comunque chiare nella circolare gare , dove era specificato chi poteva correre una formula piuttosto che l’altra, poco serio il discorso del Fax, esistono le linee dirette per comunicare con la Fitri oppure esistono i cellulari.
L’organizzatore afferma poi di aver bloccato la macchina organizzativa per creare minor danno a tutti, quando invece ha chiaramente dimostrato che l’unica cosa che per lui contava era far quadrare i conti, impressione avuto dal rapporto costo-servizi offerti che molti atleti hanno potuto costatare a Tirrenia.  Lo stesso Pratesi si sente non seguito dalla Federazione, mi chiedo cosa intende per seguito. La Federazione apre un bando, chiaramente indica cosa offre all’organizzazione, poi ci pensano gli uffici federali, sempre gentili e disponibili. Si apprende poi che la Phisio sport lab non organizzerà più gare di rank e per titoli (salta quindi la gara del 7 Luglio ).

In conclusione ritengo che la Phisio Sport Lab abbia dimostrato scarsa professionalità nel suo operato, per una società che si presenta come organizzatrice di eventi credo con che la “vicenda Tirrenia” si sia scavata la fossa da sola, tra l’altro credo che il fatto di dichiarare di non voler organizzare più gare rank ecc sia più di tutto un anticipare provvedimenti che potrebbero arrivare dalla federazione. L’annullamento delle due giorni di Tirrenia ha causato disagi a tutte le squadre e società, oltre a diversi atleti che hanno prenotato voli d’aereo e alberghi, di queste spese chi se ne farà carico? Di certo non la perfetta macchina organizzativa di Phisio Sport Lab, alla quale però qualcuno potrebbe spiegare che mettere tutti i cartelli in inglese in un campionato italiano è un po’ ridicolo…….

By
@novellimarco
backtotop