Mute Triathlon

Le associazioni sportive dilettantistiche

Le associazioni sportive dilettantistiche: cosa sono

L’associazionismo sportivo nel nostro ordinamento giuridico non ha una disciplina specifica in quanto non esiste una definizione normativa di attività sportiva dilettantistica.
Per inquadrare la disciplina delle associazioni sportive dilettantistiche, bisogna considerare, non solo la normativa civilistica, ma anche altre disposizioni, fra le quali:

–       disposizioni amministrative (ad esempio le direttive del CONI);

–       disposizioni fiscali, secondo il dettato dell’art. 90, comma 17, della Legge n. 289/2002 che disciplina le caratteristiche giuridiche degli enti sportivi dilettantistici, in quanto ad esempio, l’opzione per il cd. “regime forfetario” permette di determinare il reddito di cui alla Legge 398/91, e quindi di poter accedere ad importanti agevolazioni fiscali.

L’attività sportiva dilettantistica può essere esercitata sotto varie forme giuridiche, (secondo il dettato dell’art. 90, comma 17, della Legge n. 289/2002) e precisamente:

–       associazione sportiva senza personalità giuridica, secondo quanto disposto dagli artt. 26 e segg. del Codice Civile (è questa la forma più diffusa in Italia);

–       associazione sportiva con personalità giuridica, secondo quanto disposto dal regolamento di cui al D.P.R. 361/2000, art. 1, secondo il quale l’acquisto della personalità giuridica avviene con l’iscrizione nel registro delle persone giuridiche, istituito presso le Prefetture (se l’associazione ha una rilevanza nazionale) e presso la Regione di appartenenza (se l’associazione ha una rilevanza regionale);

–       società sportiva di capitali, costituita sotto forma di società di capitali (s.r.l. o s.p.a.) o società cooperativa senza scopo di lucro.

Alessandro Caprili

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Le associazioni sportive dilettantistiche

13th luglio, 2012

Le associazioni sportive dilettantistiche: cosa sono

L’associazionismo sportivo nel nostro ordinamento giuridico non ha una disciplina specifica in quanto non esiste una definizione normativa di attività sportiva dilettantistica.
Per inquadrare la disciplina delle associazioni sportive dilettantistiche, bisogna considerare, non solo la normativa civilistica, ma anche altre disposizioni, fra le quali:

–       disposizioni amministrative (ad esempio le direttive del CONI);

–       disposizioni fiscali, secondo il dettato dell’art. 90, comma 17, della Legge n. 289/2002 che disciplina le caratteristiche giuridiche degli enti sportivi dilettantistici, in quanto ad esempio, l’opzione per il cd. “regime forfetario” permette di determinare il reddito di cui alla Legge 398/91, e quindi di poter accedere ad importanti agevolazioni fiscali.

L’attività sportiva dilettantistica può essere esercitata sotto varie forme giuridiche, (secondo il dettato dell’art. 90, comma 17, della Legge n. 289/2002) e precisamente:

–       associazione sportiva senza personalità giuridica, secondo quanto disposto dagli artt. 26 e segg. del Codice Civile (è questa la forma più diffusa in Italia);

–       associazione sportiva con personalità giuridica, secondo quanto disposto dal regolamento di cui al D.P.R. 361/2000, art. 1, secondo il quale l’acquisto della personalità giuridica avviene con l’iscrizione nel registro delle persone giuridiche, istituito presso le Prefetture (se l’associazione ha una rilevanza nazionale) e presso la Regione di appartenenza (se l’associazione ha una rilevanza regionale);

–       società sportiva di capitali, costituita sotto forma di società di capitali (s.r.l. o s.p.a.) o società cooperativa senza scopo di lucro.

Alessandro Caprili

By
@novellimarco
backtotop