Mute Triathlon

La vita di Jonathan Brownlee dopo le Olimpiadi

Jonathan Brownlee alle ultime Olimpiadi di Londra ha conquistato la medaglia di bronzo. Dopo questo grande risultato la sua vita è cambiata, lui stesso si racconta su triathlete Europe.
Jonathan dice che vorrebbe solo tornare ad allenarsi serenamente senza le quasi morbose attenzioni che la stampa e la gente gli riserva dopo la medaglia olimpica. Sempre il giovane Brownlee afferma: “”Ho fatto praticamente nulla per i sei giorni dopo le Olimpiadi, fatta eccezione per un paio di nuotate 1K, se si può chiamare così,” Jonathan poi dice. “E poi per i successivi 10 giorni ho provato a fare un allenamento normale, ma ero abbastanza stanco. Mi sentivo molto lento a Stoccolma. Era strano tornare a correre di nuovo. Mi sentivo malissimo fino all’ultimo giro della corsa quando ho iniziato a recuperare.
Vista l’assenza del fratello Alistar (recentemente operatosi per appendicite) Jonathan conta di fare bene nella finale della Dextro alla quale arriva conducendo la classifica generale

ARTICOLO COMPLETO

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

La vita di Jonathan Brownlee dopo le Olimpiadi

18th ottobre, 2012

Jonathan Brownlee alle ultime Olimpiadi di Londra ha conquistato la medaglia di bronzo. Dopo questo grande risultato la sua vita è cambiata, lui stesso si racconta su triathlete Europe.
Jonathan dice che vorrebbe solo tornare ad allenarsi serenamente senza le quasi morbose attenzioni che la stampa e la gente gli riserva dopo la medaglia olimpica. Sempre il giovane Brownlee afferma: “”Ho fatto praticamente nulla per i sei giorni dopo le Olimpiadi, fatta eccezione per un paio di nuotate 1K, se si può chiamare così,” Jonathan poi dice. “E poi per i successivi 10 giorni ho provato a fare un allenamento normale, ma ero abbastanza stanco. Mi sentivo molto lento a Stoccolma. Era strano tornare a correre di nuovo. Mi sentivo malissimo fino all’ultimo giro della corsa quando ho iniziato a recuperare.
Vista l’assenza del fratello Alistar (recentemente operatosi per appendicite) Jonathan conta di fare bene nella finale della Dextro alla quale arriva conducendo la classifica generale

ARTICOLO COMPLETO

By
@novellimarco
backtotop