Mute Triathlon

Il medagliere dei mondiali A.G. 2012 e considerazioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sul sito www.triathlon.org è presente il medagliere degli ultimi mondiali Age group ad Auckland ( potete trovarlo anche in fondo a questo articolo) , dove solo due italiani hanno preso il via (in foto Attilio Maria Sigona).Di seguito un’ analisi della situazione Age group di Marco Novelli:

Analizzando il medagliere troviamo medagliate realtà come Tahiti che sinceramente non possono essere paragonate alla nostra, mentre noi siamo assenti. Di certo avere solo 2 atleti al via (tutti e due della stessa squadra , Road Runners Milano) non è un motivo di orgoglio per il nostro settore.
Il nuovo presidente Bianchi ha tra i punti del suo programma una “rivalutazione” del settore Age Group che con Emilio Di Toro aveva visto un fiorire sia con iniziative/gare in Italia dedicate , sia a livello internazionale con l’introduzione de Team manager internazionale A.G., che il tentativo di creare tramite una agenzia dei pacchetti per facilitare l’organizzazione delle trasferte. Con Bertrandi queste cose sono andate perse e si sono ridotte a piccoli “contentini”. Ora è il momento di provare a fare qualche cosa, il problema è che l’age group italiano preferisce spendere soldi per una gara di 70.3 o ironman (pallinato) , ma poco considera mondiali e europei di categoria. Io ho vissuto in prima persona alcune trasferte internazionali con gli age group, l’ambiente che si respira intorno a queste gare è unico, la sfilata per nazioni, la gara , il tifo per gli elite, per gli Junior….. Un’occasione quindi per avviciare anche il mondo elite a quello Age Group, soprattutto per toccare con mano la realtà internazionale del triathlon. Insomma DA PROVARE.

Marco Novelli

2012 Triathlon World Championships – Auckland

 

Country Gold Silver Bronze Total
Australia 19 13 15 47
New Zealand 18 13 16 47
Great Britain 12 10 11 33
United States 11 15 14 40
Canada 2 4 3 9
France 2 3 1 6
Spain 2 2 0 4
Germany 1 2 0 3
Brazil 1 1 2 4
Japan 1 0 0 1
South Africa 1 0 0 1
Mexico 0 1 0 1
Netherlands 0 1 0 1
Norfolk Island 0 1 0 1
Serbia 0 1 0 1
Tahiti 0 1 0 1
Belgium 0 0 1 1
Chile 0 0 1 1
Hungary 0 0 1 1
Ireland 0 0 1 1
Norway 0 0 1 1
Switzerland 0 0 1 1

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


  1. nickname on 20 novembre 2012 at 17:20 said:

    Ironman effettivamente è un’azienda privata che organizza e promuove gare di triathlon (le sue).

    ITU/ETU sono organizzazioni sovranazionali collegate al settore olimpico.

    Le federazioni nazionali non hanno correttamente “contrastato” la corazzata IM. Sono sicuramente indietro anni luce come comunicazione, pena anche budget ridotti.

  2. Concordo sul discorso della “nomea” che ha il marchio Ironman, che essendo una macchina da soldi deve creare un prodotto che sia appetibile a molti amatori. La ITU opera anche a livello promozionale e aiuta anche atleti elite di nazioni meno “abbienti” con dei programmi di crescita professionale, da questo programma sono usciti atleti di primissimo livello. In Italia attualmente abbiamo solo la ETU di Cremona , ma in un passato più o meno recente abbiamo avuto anche Tarzo, Lido Nazioni, Milano, Anzio…. In molte gare ITU c’è anche una gara open per Age group, Amburgo, Losanna, Londra , Madrid ecc sono gare spettacolari per il contorno che offrono.
    Il livello delle gare A.G. di Mondiali e Europei è molto alto, decisamente superiore ad un Im “normale”, pur essendo senza scia devi nuotare e correre forte e poi, come hai scritto, non da il gusto dell’impresa che l’amatore medio cerca per poi “vantarsene”

  3. nickname on 19 novembre 2012 at 12:02 said:

    Beh, Ironman ha un marchio e un marketing sicuramente più potente. Nella maggior parte delle persone (anche fra i triathleti) Ironman è sinonimo di triathlon, piaccia o non piaccia la distanza.

    ITU purtroppo sono un pò chiusi in se stessi, sito molto ben fatto ma filmati e dirette gare sono a pagamento. I social sono meno spinti. E non sono in altre lingue oltre l’inglese.

    Le distanze inferiori al 70.3 sono considerate meno “eroiche” e chi le fa probabilmente può fare meno chiacchiere da bar.

    ITU non sapevo neanche avesse un settore Age Group, l’ho sempre associato solo a gare di professionisti in giro per il mondo.

    Ci sono gare ITU in Italia?

Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Il medagliere dei mondiali A.G. 2012 e considerazioni

13th novembre, 2012

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sul sito www.triathlon.org è presente il medagliere degli ultimi mondiali Age group ad Auckland ( potete trovarlo anche in fondo a questo articolo) , dove solo due italiani hanno preso il via (in foto Attilio Maria Sigona).Di seguito un’ analisi della situazione Age group di Marco Novelli:

Analizzando il medagliere troviamo medagliate realtà come Tahiti che sinceramente non possono essere paragonate alla nostra, mentre noi siamo assenti. Di certo avere solo 2 atleti al via (tutti e due della stessa squadra , Road Runners Milano) non è un motivo di orgoglio per il nostro settore.
Il nuovo presidente Bianchi ha tra i punti del suo programma una “rivalutazione” del settore Age Group che con Emilio Di Toro aveva visto un fiorire sia con iniziative/gare in Italia dedicate , sia a livello internazionale con l’introduzione de Team manager internazionale A.G., che il tentativo di creare tramite una agenzia dei pacchetti per facilitare l’organizzazione delle trasferte. Con Bertrandi queste cose sono andate perse e si sono ridotte a piccoli “contentini”. Ora è il momento di provare a fare qualche cosa, il problema è che l’age group italiano preferisce spendere soldi per una gara di 70.3 o ironman (pallinato) , ma poco considera mondiali e europei di categoria. Io ho vissuto in prima persona alcune trasferte internazionali con gli age group, l’ambiente che si respira intorno a queste gare è unico, la sfilata per nazioni, la gara , il tifo per gli elite, per gli Junior….. Un’occasione quindi per avviciare anche il mondo elite a quello Age Group, soprattutto per toccare con mano la realtà internazionale del triathlon. Insomma DA PROVARE.

Marco Novelli

2012 Triathlon World Championships – Auckland

 

Country Gold Silver Bronze Total
Australia 19 13 15 47
New Zealand 18 13 16 47
Great Britain 12 10 11 33
United States 11 15 14 40
Canada 2 4 3 9
France 2 3 1 6
Spain 2 2 0 4
Germany 1 2 0 3
Brazil 1 1 2 4
Japan 1 0 0 1
South Africa 1 0 0 1
Mexico 0 1 0 1
Netherlands 0 1 0 1
Norfolk Island 0 1 0 1
Serbia 0 1 0 1
Tahiti 0 1 0 1
Belgium 0 0 1 1
Chile 0 0 1 1
Hungary 0 0 1 1
Ireland 0 0 1 1
Norway 0 0 1 1
Switzerland 0 0 1 1
By
@novellimarco
backtotop