Mute Triathlon

Il duathlon “MAS DURO” incorona Cigana e Battistoni

Non ha tradito le attese il duathlon di Galzignano organizzato dalla Padovanuoto Triathlon e valido come  quarta tappa del circuito di duathlon, con un percorso ciclistico impegnativo che ha fatto divertire gli amanti delle pendenze importanti e dannare i passistoni.
I primi a prendere il via sono stati gli uomini e 3′ dopo le donne. Come da pronostici a prendere la testa della gara maschile è il portacolori del TD Rimini Fabio Villari che però nel riscaldamento è vittima di una caduta e quindi è in dubbio la sua tenuta in gara. A fargli compagnia nei primi 5 km a l’alfiere della società di casa Sorgato, ma dietro i favoriti della gara , Facchinetti (TT Ravenna), Bonazzi (Freezone) e Cigana (Liger). Il giovane Facchinetti tenta il numero da lontano e va in fuga per 12 km circa scollinando per primo al gran premio della montagna, ma dietro piombano su di lui Bonazzi e Cigana. Quest’ulitmo tenta più volte di scaricare i due compagni di fuga, nel finale riesce a prendere qualche metro di vantaggio e giunge in T2 con una quindicina di secondi di vantaggio.  Gli ulitmi 2.5 km vedono Cigana contenere il ritorno di un brillante Luca Facchinetti, mentre Bonazzi deve accontentarsi del 3° gradino del podio.
In campo femminile la Peron (Fiamme Oro)  prende subito la testa della gara ,seguita dalla Battistoni (Freezone) che appena salita in bici fa il vuoto . Da dietro rientra la Shanung , ottima ciclista, la Peron stringe i denti trattandosi della sua gara di rientro dopo alcuni problemi di salute( tra cui un fastidioso virus )che l’hanno colpita. La Battistoni (707 Tri)trionfa senza problemi davanti la vincitrice del duathlon sprint di Manerba, la giovane Lisa Schanung (Bressanone Nuoto) mentre per la Peron (Fiamme Oro) bronzo.
Quasi 400 atleti al via, sul percorso ciclistico (veramente tosto) numerosissimi volontari, buche segnalate perfettamente  nei tratti più sconnessi, asfatlo in discesa ottimo (diverse cadute dovute però a troppa foga degli atleti), qualche sporadica auto sul percorso ma mai la sicurezza degli atleti è stata messa in discussione. Ricco pasta party e pacco gara e finalmente premiazioni A.g. come si deve. Sembrerebbe tra l’altro che in Federazione si sia discusso su questo aspetto e si sia deciso di togliere dalle premiazioni age group gli atleti “militari” e  i nazionali (che di fatto sarebbero considerati Elite). Questa decisione, scontata, dimostra ancora una volta come alcuni organizzatori che parlano di professionalità e grandi eventi non conoscano le basi del triathlon facendo scontenti gli age group  (vero motore dell’attività) e mancando di “rispetto” agli Elite.
Di seguito il comunicato stampa dell’organizzazione

Grandissima prima edizione del Duathlon di Galzignano Terme. Sole caldo e 400 atleti molto affaticati ma stremamente soddisfatti sono stati la degna cornice della prima edizione del Duathlon di Galzignano Terme di domenica 6 aprile, quarta tappa del Circuito Duathlon Fitri 2014. Duathlon particolare , battezzato “Mas Duro” dagli organizzatori della Padovanuoto Triathlon e tutti gli atleti sulle rampe della Cingolina e del Monte Roccolo hanno scoperto il motivo di tale denominazione. Gara dura ma spettacolare ma alla fine tutti soddisfatti. Partenza alle ore 13 della gara maschile con oltre 325 al via e le femmine oltre 70 a seguire di 3′.
Prendono la testa nella prima frazione podistica di giri i due veloci podisti Fabio Villari del TD Rimini e Nicola Sorgato della Padovanuoto Triathlon. In T1 arrivano loro due con 15″ su un brillante Luca Facchinetti e Luca Bonazzi, poco dietro Massimo Cigana. Tra le femmine prende subito il comando Elisa Battistoni del 707 che sarà la dominatrice della giornata. Nella salita che portava al GPM Fidia sul Monte Roccolo attacco deciso di Facchinetti che transita in testa in vetta, da dietro risale Cigana mentre cedono leggermente i due battistrada iniziali. Ma è sulla ripida e tecnica discesa e sul secondo tratto in piano con i
tornanti conclusivi che si decide la gara con l’attacco decisivo di Cigana che in piano raggiunge e supera Facchinetti allungando di slancio sulle “Bisce” i 4 tornanti secchi patria della T2. Incalza Facchinetti con al seguito Bonazzi e Villari, poco più indietro Sorgato. Cigana spinge per contenere il ritorno di Facchinetti sicuramente più veloce nella corsa ma il vantaggio accumulato gli consente di tagliare il traguardo a braccia alzate seguito da Facchinetti a 10″ al terzo posto Luca Bonazzi seguito da Filippo Rossi e Nicola Sorgato. Fabio Villari dopo la bici e’ stato costretto al ritiro per i postumi di una caduta nella fase di riscaldamento. Tra le donne Elisa Battistoni domina incontrastata passando in solitaria sul GPM e continuando in solitaria fino al traguardo. Dalle retrovie recupera in bici la giovane Lisa Schannung sfruttando le sue caratteristiche migliori e chiude al secondo posto finale ad oltre 2′, al terzo Gaia Peron al quarto Giulia Bedorin che correva sulle strade di casa e al quinto la “polacca” Ewa Woicjesek. In gara con ottimi risultati “assoluti” anche 3 atleti Paratriathlon Alessio Borgato Irene Riviera e Alessandro Colombo.
Premiazioni finali per tutte le categorie con ricchi premi con la presenza del sindaco di Galzignano Terme, del Presdiente del Coni Veneto Bardelle, del consigliere Federale Libanore che ha anche gareggiato e del presidente della fitri Veneto Zanetti.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Il duathlon “MAS DURO” incorona Cigana e Battistoni

8th aprile, 2014

Non ha tradito le attese il duathlon di Galzignano organizzato dalla Padovanuoto Triathlon e valido come  quarta tappa del circuito di duathlon, con un percorso ciclistico impegnativo che ha fatto divertire gli amanti delle pendenze importanti e dannare i passistoni.
I primi a prendere il via sono stati gli uomini e 3′ dopo le donne. Come da pronostici a prendere la testa della gara maschile è il portacolori del TD Rimini Fabio Villari che però nel riscaldamento è vittima di una caduta e quindi è in dubbio la sua tenuta in gara. A fargli compagnia nei primi 5 km a l’alfiere della società di casa Sorgato, ma dietro i favoriti della gara , Facchinetti (TT Ravenna), Bonazzi (Freezone) e Cigana (Liger). Il giovane Facchinetti tenta il numero da lontano e va in fuga per 12 km circa scollinando per primo al gran premio della montagna, ma dietro piombano su di lui Bonazzi e Cigana. Quest’ulitmo tenta più volte di scaricare i due compagni di fuga, nel finale riesce a prendere qualche metro di vantaggio e giunge in T2 con una quindicina di secondi di vantaggio.  Gli ulitmi 2.5 km vedono Cigana contenere il ritorno di un brillante Luca Facchinetti, mentre Bonazzi deve accontentarsi del 3° gradino del podio.
In campo femminile la Peron (Fiamme Oro)  prende subito la testa della gara ,seguita dalla Battistoni (Freezone) che appena salita in bici fa il vuoto . Da dietro rientra la Shanung , ottima ciclista, la Peron stringe i denti trattandosi della sua gara di rientro dopo alcuni problemi di salute( tra cui un fastidioso virus )che l’hanno colpita. La Battistoni (707 Tri)trionfa senza problemi davanti la vincitrice del duathlon sprint di Manerba, la giovane Lisa Schanung (Bressanone Nuoto) mentre per la Peron (Fiamme Oro) bronzo.
Quasi 400 atleti al via, sul percorso ciclistico (veramente tosto) numerosissimi volontari, buche segnalate perfettamente  nei tratti più sconnessi, asfatlo in discesa ottimo (diverse cadute dovute però a troppa foga degli atleti), qualche sporadica auto sul percorso ma mai la sicurezza degli atleti è stata messa in discussione. Ricco pasta party e pacco gara e finalmente premiazioni A.g. come si deve. Sembrerebbe tra l’altro che in Federazione si sia discusso su questo aspetto e si sia deciso di togliere dalle premiazioni age group gli atleti “militari” e  i nazionali (che di fatto sarebbero considerati Elite). Questa decisione, scontata, dimostra ancora una volta come alcuni organizzatori che parlano di professionalità e grandi eventi non conoscano le basi del triathlon facendo scontenti gli age group  (vero motore dell’attività) e mancando di “rispetto” agli Elite.
Di seguito il comunicato stampa dell’organizzazione

Grandissima prima edizione del Duathlon di Galzignano Terme. Sole caldo e 400 atleti molto affaticati ma stremamente soddisfatti sono stati la degna cornice della prima edizione del Duathlon di Galzignano Terme di domenica 6 aprile, quarta tappa del Circuito Duathlon Fitri 2014. Duathlon particolare , battezzato “Mas Duro” dagli organizzatori della Padovanuoto Triathlon e tutti gli atleti sulle rampe della Cingolina e del Monte Roccolo hanno scoperto il motivo di tale denominazione. Gara dura ma spettacolare ma alla fine tutti soddisfatti. Partenza alle ore 13 della gara maschile con oltre 325 al via e le femmine oltre 70 a seguire di 3′.
Prendono la testa nella prima frazione podistica di giri i due veloci podisti Fabio Villari del TD Rimini e Nicola Sorgato della Padovanuoto Triathlon. In T1 arrivano loro due con 15″ su un brillante Luca Facchinetti e Luca Bonazzi, poco dietro Massimo Cigana. Tra le femmine prende subito il comando Elisa Battistoni del 707 che sarà la dominatrice della giornata. Nella salita che portava al GPM Fidia sul Monte Roccolo attacco deciso di Facchinetti che transita in testa in vetta, da dietro risale Cigana mentre cedono leggermente i due battistrada iniziali. Ma è sulla ripida e tecnica discesa e sul secondo tratto in piano con i
tornanti conclusivi che si decide la gara con l’attacco decisivo di Cigana che in piano raggiunge e supera Facchinetti allungando di slancio sulle “Bisce” i 4 tornanti secchi patria della T2. Incalza Facchinetti con al seguito Bonazzi e Villari, poco più indietro Sorgato. Cigana spinge per contenere il ritorno di Facchinetti sicuramente più veloce nella corsa ma il vantaggio accumulato gli consente di tagliare il traguardo a braccia alzate seguito da Facchinetti a 10″ al terzo posto Luca Bonazzi seguito da Filippo Rossi e Nicola Sorgato. Fabio Villari dopo la bici e’ stato costretto al ritiro per i postumi di una caduta nella fase di riscaldamento. Tra le donne Elisa Battistoni domina incontrastata passando in solitaria sul GPM e continuando in solitaria fino al traguardo. Dalle retrovie recupera in bici la giovane Lisa Schannung sfruttando le sue caratteristiche migliori e chiude al secondo posto finale ad oltre 2′, al terzo Gaia Peron al quarto Giulia Bedorin che correva sulle strade di casa e al quinto la “polacca” Ewa Woicjesek. In gara con ottimi risultati “assoluti” anche 3 atleti Paratriathlon Alessio Borgato Irene Riviera e Alessandro Colombo.
Premiazioni finali per tutte le categorie con ricchi premi con la presenza del sindaco di Galzignano Terme, del Presdiente del Coni Veneto Bardelle, del consigliere Federale Libanore che ha anche gareggiato e del presidente della fitri Veneto Zanetti.

By
@novellimarco
backtotop