Mute Triathlon

Il borsino dei big: Alistair Brownlee ok, Gomez quasi, Frodo no al mondiale 70.3

    L’avvicinamento di Brownlee, Gomez e Frodeno a Kona

La “road to Kona” è ufficialmente entrata nel vivo con la qualificazione ufficiale di Alistair Brownlee alla finale mondiale della WTC, conquistata al suo esordio nella distanza full, avvenuto questo fine settimana in Irlanda.

La gara ha visto condizioni metereologiche tremende, che hanno portato alla cancellazione della frazione di nuoto, che ha costretto gli organizzatori ad optare per  la formula bike-run. A cercare di rovinare la festa per l’esordio del due volte campione olimpico di triathlon sulla distanza Ironman, il padrone di casa McCrystal, che gli ha inflitto un distacco notevole ( 16′ circa ) nella frazione sulle due ruote, ma ha dovuto poi arrendersi alla grande rimonta nella maratona finale di Brownlee, che chiude vittorioso in 7.49’20”, con poco meno di 2′ di vantaggio sul padrone di casa e 9’25” sul tedesco Themschke. Gli appassionati attendono ora di conoscere la decisione del campione inglese riguardo ai suoi programmi futuri, divisi tra la partecipazione a Kona o alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

La vittoria è invece sfuggita per soli 11″ allo spagnolo Gomez, impegnato nel campionato europeo 70.3 a Einshore, in Danimarca. Il primo posto è stato conquistato da una nostra vecchia conoscenza, Von Berg, atleta che ha la nazionalità italiana e ha corso con i colori del Riviera triathlon . Lo spagnolo ha chiuso la mezza finale con un tempo di 1.07′ circa.

L’occasione per vedere l’anticipazione di quella che potrebbe essere una sfida stellare  a Kona, poteva essere il mondiale 70.3 di Nizza, ma il campione in carica, il tedesco Frodeno, ha deciso di dare forfait e rimandare la sfida con Brownlee e Gomez nel mondiale “full”. Il tedesco ha dichiarato che preprare la gara “corta”, comporterebbe una perdita di peso che potrebbe compromettergli l’avvicinamento a Kona, gara su cui punta per questa stagione. Lo scorso anno, dopo aver vinto il mondiale 70.3, Frodeno si infortunò e dovette rinunciare a correre alle Hawaii.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Comments are closed.

Altre Notizie

Il borsino dei big: Alistair Brownlee ok, Gomez quasi, Frodo no al mondiale 70.3

26th giugno, 2019

    L’avvicinamento di Brownlee, Gomez e Frodeno a Kona

La “road to Kona” è ufficialmente entrata nel vivo con la qualificazione ufficiale di Alistair Brownlee alla finale mondiale della WTC, conquistata al suo esordio nella distanza full, avvenuto questo fine settimana in Irlanda.

La gara ha visto condizioni metereologiche tremende, che hanno portato alla cancellazione della frazione di nuoto, che ha costretto gli organizzatori ad optare per  la formula bike-run. A cercare di rovinare la festa per l’esordio del due volte campione olimpico di triathlon sulla distanza Ironman, il padrone di casa McCrystal, che gli ha inflitto un distacco notevole ( 16′ circa ) nella frazione sulle due ruote, ma ha dovuto poi arrendersi alla grande rimonta nella maratona finale di Brownlee, che chiude vittorioso in 7.49’20”, con poco meno di 2′ di vantaggio sul padrone di casa e 9’25” sul tedesco Themschke. Gli appassionati attendono ora di conoscere la decisione del campione inglese riguardo ai suoi programmi futuri, divisi tra la partecipazione a Kona o alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

La vittoria è invece sfuggita per soli 11″ allo spagnolo Gomez, impegnato nel campionato europeo 70.3 a Einshore, in Danimarca. Il primo posto è stato conquistato da una nostra vecchia conoscenza, Von Berg, atleta che ha la nazionalità italiana e ha corso con i colori del Riviera triathlon . Lo spagnolo ha chiuso la mezza finale con un tempo di 1.07′ circa.

L’occasione per vedere l’anticipazione di quella che potrebbe essere una sfida stellare  a Kona, poteva essere il mondiale 70.3 di Nizza, ma il campione in carica, il tedesco Frodeno, ha deciso di dare forfait e rimandare la sfida con Brownlee e Gomez nel mondiale “full”. Il tedesco ha dichiarato che preprare la gara “corta”, comporterebbe una perdita di peso che potrebbe compromettergli l’avvicinamento a Kona, gara su cui punta per questa stagione. Lo scorso anno, dopo aver vinto il mondiale 70.3, Frodeno si infortunò e dovette rinunciare a correre alle Hawaii.

By
@novellimarco
backtotop