Mute Triathlon

I top e i flop di Kona 2014

top e flop

A quasi una settimana dalla chiusura dell’edizione 2014 dell’ Ironman Hawaii, diamo le “pagelle” su alcuni big.

TOP UOMINI

Sebastian Kienle (vincitore gara maschile)

Oramai sembra che i tedeschi conoscano solo una tattica per vincere: spingere in bici e infliggere distacchi abissali ai “podisti”. Prima Hellriegel e Zack, poi Stadler e ora Kienle, quando non ci sono il Mark Allen e l’Alexander /Mc Cormack della situazione  la tattica  vincente, quest’anno poi con le condizioni di vento molto forte Kienle ha fatto saltare il banco e inflitto distacchi abissali a tutti.

Ben Hoffman ( 2° )

Primo degli “umani”, con un Kienle così non si poteva fare meglio, ha rosicchiato qualche cosa a piedi , nonostante fosse sceso dalla bici con il campione uscente è riuscito a chiudere al secondo posto.

Jan Frodeno ( 3° )

Anche se ci si aspettava di più da lui, non va dimenticato che solo Van Lierde ha portato a casa la vittoria da rookie diversi anni fa, come al suo esordio nella distanza full una foratura lo costringe a perdere tempo e a inseguire. Il futuro è sicuramente lui.

Andy Potts ( 4° )

Vederlo uscire primo dall’acqua non è una novità , anche se ha dovuto piegare la resistenza di un campione olimpico, di certo una piacevole sorpresa vederlo battagliare con lui anche a piedi e portare a casa un 4° posto che sa quasi di vittoria

FLOP UOMINI

FITRI

Non ha assolutamente tenuto in considerazione gli Age Group italiani che hanno corso Kona non premiandoli a Riccione la settimana precedente a Kona, non ha mai sostenuto Fontana e gli altri elite WTC italiani, ma quando c’è bisogno di salire sul carro dei vincitori e sfruttare qualcuno per farsi propaganda è sempre in prima linea. Sfacciata!

Ivan Rana ( 17° )

In molti lo davano addirittura favorito per la vittoria finale, è mancato nella frazione ciclistica nonostante abbia militato per un periodo nelle fila di una squadra professionistica di ciclismo. Magra consolazione il miglior tempo assoluto nella maratona finale , ma per lui un 17° posto che sa di fallimento.

Frederik Van Lierde ( 8° )

Dal campione in carica ci si aspettava qualche cosa in più, ha provato a resistere in bici , ma è mancato dove era più atteso, nell’ultima frazione. Probabilmente anche lui vittima del gran forcing di Kienle.

Craig Alexander (13°)

Campione sul viale del tramonto, annuncia il ritiro e poi ritorna. Forse sarebbe stato meglio lasciare un buon ricordo delle sue prestazioni a Kona. Mai in gara e non incide nemmeno a piedi.

Andrew  Starykowicz (ritirato)

Si aspettava la sua solita fuga in bici, per alcuni km sembrava stesse iniziando la sua cavalcata solitaria sulle due ruote, ma poi il vento e il tornado Kienle lo hanno sopraffatto. Mesto ritiro per lui dopo  un tempo in bici deludente.

Marino Vanhoenhacker ( 34° )

A fine gara ha annunciato che sarà la sua ultima partecipazione a Kona, finisce la gara per onorarla , dopo la bici era ancora in lotta per il podio, ma chiude mestamente terzultimo tra gli elite.

Andreas Raelert ( 36° )

Chiude ultimo tra gli elite, maratona in oltre 5 ore dopo una buona bici , ha solo il merito di non ritirarsi , ma gara da dimenticare per lui.

Discorso a parte per Daniel Fontana, che sicuramente ha avuto una giornata da dimenticare, ha comunque voluto onorare la sua (forse) ultima partecipazione a Kona conquistando comunque la finish line. Un esempio di sportività e riconoscenza verso chi lo ha sostenuto non solo per questa gara. Sicuramente Daniel è comunque di diritto nella storia del triathlon in Italia come l’atleta più vincente, pluricampione italiano di triathlon olimpico e sprint, medio, 1 olimpiade corsa con i colori azzurri, vice campione mondiale 70.3, record italiano sulla distanza Ironman, miglior prestazione italiana di sempre distanza Ironman, miglior prestazione italiana di sempre a Kona e unico italiano ad aver vinto un Ironman Wtc.

TOP DONNE

Mirinda Carfrae ( vincitrice gara femminile )

Terzo successo a Kona con una maratona più lenta solo di un ex campione olimpico e di un ex campione mondiale. Si permette il lusso di regalare oltre 13 minuti tra bici e nuoto alla Ryf . Prestazione aliena !

Daniela Ryf ( 2° )

Se non ci fosse stata l’incredibile maratona della Carfrae avrebbe portato a casa un altro titolo . Ha fatto quello che tutti si aspettavano da lei.

Rachel Joyce ( 3° )

Testa a testa con la Ryf per il secondo posto perso per poco più di 1 minuto. Una gran frazione in bici e un podio prestigioso

FLOP DONNE

Jodie Swallow ( 4° )

Una come lei quando non va a podio fa notizia, prestazione un po’ sotto tono, si aspettava un acuto in bici o a piedi , ma non è arrivato.

Linsey Corbin ( 12° )

Mai in gara e lontana dalla posizioni che contano e che le competono

Leanda Cave ( 18° )

Una con il suo curriculum e il suo potenziale non può “regalare” 30 minuti a piedi alla vincitrice e quasi 15 alle altre.

Yvone  Van Vlerken ( ritirata)

Dall’appariscente olandese ci si aspetta sempre una gara in rimonta, in bici non incide come si pensava, si ritira nella frazione finale oramai fuori dai giochi.

 

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

I top e i flop di Kona 2014

17th ottobre, 2014

top e flop

A quasi una settimana dalla chiusura dell’edizione 2014 dell’ Ironman Hawaii, diamo le “pagelle” su alcuni big.

TOP UOMINI

Sebastian Kienle (vincitore gara maschile)

Oramai sembra che i tedeschi conoscano solo una tattica per vincere: spingere in bici e infliggere distacchi abissali ai “podisti”. Prima Hellriegel e Zack, poi Stadler e ora Kienle, quando non ci sono il Mark Allen e l’Alexander /Mc Cormack della situazione  la tattica  vincente, quest’anno poi con le condizioni di vento molto forte Kienle ha fatto saltare il banco e inflitto distacchi abissali a tutti.

Ben Hoffman ( 2° )

Primo degli “umani”, con un Kienle così non si poteva fare meglio, ha rosicchiato qualche cosa a piedi , nonostante fosse sceso dalla bici con il campione uscente è riuscito a chiudere al secondo posto.

Jan Frodeno ( 3° )

Anche se ci si aspettava di più da lui, non va dimenticato che solo Van Lierde ha portato a casa la vittoria da rookie diversi anni fa, come al suo esordio nella distanza full una foratura lo costringe a perdere tempo e a inseguire. Il futuro è sicuramente lui.

Andy Potts ( 4° )

Vederlo uscire primo dall’acqua non è una novità , anche se ha dovuto piegare la resistenza di un campione olimpico, di certo una piacevole sorpresa vederlo battagliare con lui anche a piedi e portare a casa un 4° posto che sa quasi di vittoria

FLOP UOMINI

FITRI

Non ha assolutamente tenuto in considerazione gli Age Group italiani che hanno corso Kona non premiandoli a Riccione la settimana precedente a Kona, non ha mai sostenuto Fontana e gli altri elite WTC italiani, ma quando c’è bisogno di salire sul carro dei vincitori e sfruttare qualcuno per farsi propaganda è sempre in prima linea. Sfacciata!

Ivan Rana ( 17° )

In molti lo davano addirittura favorito per la vittoria finale, è mancato nella frazione ciclistica nonostante abbia militato per un periodo nelle fila di una squadra professionistica di ciclismo. Magra consolazione il miglior tempo assoluto nella maratona finale , ma per lui un 17° posto che sa di fallimento.

Frederik Van Lierde ( 8° )

Dal campione in carica ci si aspettava qualche cosa in più, ha provato a resistere in bici , ma è mancato dove era più atteso, nell’ultima frazione. Probabilmente anche lui vittima del gran forcing di Kienle.

Craig Alexander (13°)

Campione sul viale del tramonto, annuncia il ritiro e poi ritorna. Forse sarebbe stato meglio lasciare un buon ricordo delle sue prestazioni a Kona. Mai in gara e non incide nemmeno a piedi.

Andrew  Starykowicz (ritirato)

Si aspettava la sua solita fuga in bici, per alcuni km sembrava stesse iniziando la sua cavalcata solitaria sulle due ruote, ma poi il vento e il tornado Kienle lo hanno sopraffatto. Mesto ritiro per lui dopo  un tempo in bici deludente.

Marino Vanhoenhacker ( 34° )

A fine gara ha annunciato che sarà la sua ultima partecipazione a Kona, finisce la gara per onorarla , dopo la bici era ancora in lotta per il podio, ma chiude mestamente terzultimo tra gli elite.

Andreas Raelert ( 36° )

Chiude ultimo tra gli elite, maratona in oltre 5 ore dopo una buona bici , ha solo il merito di non ritirarsi , ma gara da dimenticare per lui.

Discorso a parte per Daniel Fontana, che sicuramente ha avuto una giornata da dimenticare, ha comunque voluto onorare la sua (forse) ultima partecipazione a Kona conquistando comunque la finish line. Un esempio di sportività e riconoscenza verso chi lo ha sostenuto non solo per questa gara. Sicuramente Daniel è comunque di diritto nella storia del triathlon in Italia come l’atleta più vincente, pluricampione italiano di triathlon olimpico e sprint, medio, 1 olimpiade corsa con i colori azzurri, vice campione mondiale 70.3, record italiano sulla distanza Ironman, miglior prestazione italiana di sempre distanza Ironman, miglior prestazione italiana di sempre a Kona e unico italiano ad aver vinto un Ironman Wtc.

TOP DONNE

Mirinda Carfrae ( vincitrice gara femminile )

Terzo successo a Kona con una maratona più lenta solo di un ex campione olimpico e di un ex campione mondiale. Si permette il lusso di regalare oltre 13 minuti tra bici e nuoto alla Ryf . Prestazione aliena !

Daniela Ryf ( 2° )

Se non ci fosse stata l’incredibile maratona della Carfrae avrebbe portato a casa un altro titolo . Ha fatto quello che tutti si aspettavano da lei.

Rachel Joyce ( 3° )

Testa a testa con la Ryf per il secondo posto perso per poco più di 1 minuto. Una gran frazione in bici e un podio prestigioso

FLOP DONNE

Jodie Swallow ( 4° )

Una come lei quando non va a podio fa notizia, prestazione un po’ sotto tono, si aspettava un acuto in bici o a piedi , ma non è arrivato.

Linsey Corbin ( 12° )

Mai in gara e lontana dalla posizioni che contano e che le competono

Leanda Cave ( 18° )

Una con il suo curriculum e il suo potenziale non può “regalare” 30 minuti a piedi alla vincitrice e quasi 15 alle altre.

Yvone  Van Vlerken ( ritirata)

Dall’appariscente olandese ci si aspetta sempre una gara in rimonta, in bici non incide come si pensava, si ritira nella frazione finale oramai fuori dai giochi.

 

By
@novellimarco
backtotop