Mute Triathlon

I rank di società della stagione 2012 Fitri

Logo Federazione Italiana TRIathlon

La stagione 2012 è oramai andata in archivio, si sono concluse tutte le gare rank della stagione e sono già definitivi tutti i rank .
Per quanto riguarda la classifica assoluta per società (Campionato italiano di società), arrivo al “photofinish” tra Minerva Roma e TD Rimini separati da soli 34 punti , mentre conclude il podio la Canottieri Napoli. La classifica dice che le squadre con settore giovanile occupano le prime posizioni, le prime due squadre sono le più complete in Italia , la Minerva Roma ha un settore giovanile di primissimo livello (De Palma e Stateff, ma anche Ciuti, Fioravanti, Salvino, Uderzo, Cattabriga, Roccheggiani, Fascetti, Gala…….), manca forse in AgeGroup , anche se ha gente come Tedde, Rimini invece ha anche ottimi “Elite” come Della Pasqua e Facchinetti (ritornato al TdRimini dopo la parentesi Esercito), nel Duathlon da anni è nettamente la migliore squadra in Italia con i vari Picco, Sansone,Alvano ma anche i “soliti”Alessandri, Torsani, Conti, Fiumara… Canottieri Napoli non ha un grandissimo settore giovanile, ha conquistato il podio grazie al circuito di triathlon dove ha raccolto moltissimi punti. Unica eccezione nella Top 10 le Fiamme Oro che con titoli individuali e a squadre  hanno conquistato moltissimi punti,nonostante la mancanza di settore giovanile. La prima squadra “civile”senza settore giovanile è il Padova Triathlon al 13° posto.
Nel rank di Duathlon per società vittoria scontata per il TD Rimini con un vantaggio di 2500 punti circa sulla “corazzata”Freezone, altro squadrone per numero e qualità. Al terzo posto a sorpresa il Triathlon team Sassari, che grazie alla massiccia presenza nel Circuito nazionale di duathlon e alle numerose gare in terra sarda ha conquistato il “podio”. Per la squadra di Baralla e Capone soli 2 punti di vantaggio sulla quarta squadra, il Piacenza Triathlon di Bettini e soci!
Per quanto riguarda il rank di triathlon per società, vittoria per la Canottieri Napoli, che dopo aver fatto incetta di atleti nel sud Italia, ha raccolto oltre 70000 dei sui 90000 punti finali nel rank di triathlon sprint. Ne hanno sofferto le altre  squadre del sud Italia, nessuna di loro nelle prime 20. Al secondo posto il Torino Triathlon, forte di numerosissimi atleti che hanno portato alla squadra piemontese oltre 88000 punti, precedendo un’altra corazzata del nord, il Triathlon Cremona Stradivari.

RANK VARI 2012

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


  1. ma quale sconfitta Marco? uno si mette a disposizione, se non passa punto, più tempo libero e per la famiglia. Peggio per Fitri se perde l’apporto di Fattore. Mica siamo in politica… A me dispiace per il movimento meridionale che ora si troverà senza un’adeguata rappresentanza, ma Canottieri Napoli ha le spalle larghe

  2. Come ho già scritto a Fattore , sono solo considerazione e ho già ripetuto che non c’è nulla di infangante nel fare tanti punti in una sola specialità , nel fare punti con atleti che in passato erano in altre squadre ecc….Qui nessuno mette in dubbio la legittimità del risultato della Canottieri Napoli, se poi faticate a capire questi concetti credo che siano problemi vostri. sinceramente credo che il Sud abbia più ” girato le spalle” al “vostro” Fattore , Campagna è stato il candidato del sud più votato, quindi direi che non sono di certo io a dover pensare alla sconfitta, tant’è che chi si candida da indipendente sa già che non ci sono speranza.

  3. solo ora noto quest’articolo, per fortuna Novelli non campa d’informazione… ogni affermazione è stata smontata…. si può dire che ha scritto questo schifo solo per infangare i risultati di canottieri napoli. Per fortuna del meridione un personaggio del genere non è stato preso in considerazione alle scorse elezioni

  4. Alessandro Fattore on 22 novembre 2012 at 17:44 said:

    Come è cattivo Sig. Novelli, mette il coltello nella piaga…Lei è così sensibile e acuto da riuscire a comprendere che ci tenevo così tanto ad essere Consigliere Federale della Fitri…per me era una vera e propria “ragione di vita”, mica una semplice passione cui dedicare i ritagli di tempo, come è per lei….parafrasando Berlusconi “Sig Novelli lei è più alto che intelligente”.

  5. MI fa piacere aver reso sereno un EX consigliere mi dispiace solo non abbia più niente in cui credere, ma sicuramente qualche cosa si potrà inventare …..

  6. Alessandro Fattore on 22 novembre 2012 at 16:43 said:

    Stanotte non riuscivo a dormire, mi continuavo a girare nel letto chiedendomi cosa fosse “negativo” e cosa no, cosa fosse “vietato” e cosa no nel triathlon italiano, ora che me lo hai spiegato mi sento molto più sereno…peraltro ho avuto modo di apprezzare in questo interessante scambio epistolare un nuovo esercizio ginnico, un nuovo gioco di prestigio che ignoravo, anche la matematica, anche i freddi numeri sono “manipolabili e interpretabili”, non mi rimasto più niente in cui credere! grazie Novelli

  7. Caro Fattore, sarà pure dura, ma quello che ho scritto sono miei considerazioni basndosi sui numeri, non sono stato io (parlando del punto 2) a lamentarmi di una certa predisposizione a prendere atleti delle società del sud Italia, ma dirigenti appunto di società del Sud Italia, riguardo al punto 1 la vostra massiccia partecipazione alle gare di qualificazione alla finale di Tuori ha contribuito al vs rank nel triathlon, che poi abbiano fatto altre gare è un altro discorso ma dire che è falsa questa affermazione è ridicolo. Ho già detto che l’articolo non era assolutamente “contro” i Vs risultati, non è negativo aver fatto tanti punti in un circuito, non è vietato prendere atleti da altre squadre, quindi quale sarebbe il problema? Continuo a vedere coda di paglia…..

  8. Alessandro Fattore on 21 novembre 2012 at 17:23 said:

    E’ dura ma anche io ci riprovo:
    1) i ns atleti avrebbero fatto UGUALMENTE le 2 gare (campane) di rank sprint, circuito o non circuito, come società avevamo l’obiettivo di fare del ns meglio nel “rank triathlon”
    2) citi ad esempio intagliata che è l’unico “acquisto” di valore del 2012 e…non ha completato il circuito italiano
    3) è chiaro quello che hai scritto ma non è corretto, i numeri lo dimostrano
    Il mio auspicio è che alla Finale del Circuito ci siano tutti gli atleti e tutte le squadre per avere una competizione “omnibus”, utile ad esprimere il reale valore.
    La location dovrebbe essere nel centro italia, a metà strada dai confini, per dare a TUTTI la possibilità di esserci, affinchè sia il circuito “Italiano” di nome e di fatto

  9. Ci riprovo:
    1) Del circuito fanno parte anche le gare di qualificazione, alle quali i Vs atleti hanno preso parte in massa in previsione di una massiccia parteciapazione alla finale, quindi un alto numero di alteti punteggiati (rank) per questo motivo, nessuno dice che sia un male o una manovra scorretta, ho solo precisato questo
    2) I vantaggi ottenuti da atleti presi da altre squadre sono sempre legali, nessuno mette in discussione questo aspetto, ho solo evidenziato che la campagna acquisti è stata buona, mi viene in mente Intagliata per esempio
    3) non sono io che ho detto che dal 2008 nessuna squadra del sud è arrivata nelle top 20
    Con la vecchia formula del circuito di triathlon le classifiche erano totalmente diverse, nella finale di Chioggia c’erano più del doppio (quasi il triplo) degli iscritti di Tuoro e Freezone e Cremona erano ben davanti con una marea di iscritti, questo dicono i numeri.

  10. Alessandro Fattore on 21 novembre 2012 at 16:38 said:

    Dalle argomentazioni giustificative di affermazioni FALSE è ancora più evidente il fine:
    1) Se la gara è rank cosa centra il Circuito? La frase riportata nel “resoconto” è chiara e precisa…. quanto FALSA
    2) Quali sono gli atleti arrivati nel 2012 da altre squadre del Sud? Quali sono questi punteggi “non trascurabili”? Nomi, cognomi e punteggi, uniti ad un’analisi analoga e comparata per le prime 10 società del Campionato Italiano, che evidenzi il vantaggio avuto dalla Canottieri Napoli; le tesi vanno dimostrate e argomentate con precisione, altrimenti “sembrano” false o stravolgimenti della realtà creati ad arte, per un lettore disattento beninteso
    3) Del 2012 sto parlando
    La coda di paglia è articolo tuo.
    Il resto è divagazione utile solo a confondere: non ho mai messo in discussione l’eccellente valore di Minerva Roma e TD Rimini, né tantomeno la loro leadership, ho detto che i risultati sono influenzati dalla dislocazione dei campionati/circuiti e che le società del Sud e delle Isole sono evidentemente penalizzate nella classifica finale del Campionato per Società, nessuna accusa, una semplice quanto ovvia constatazione.
    Una frase è emblematica e la voglio rimarcare: “Se la finale del circuito di triathlon fosse stata al nord corazzate come Freezone, Cremona e altre avrebbero potuto farci un pensierino”…Tuoro è a metà strada tra Napoli e Milano (410 km), mentre Cremona è più vicina (360 km)….

  11. Alcune precisazioni:
    1) Il circuito di Triathlon comprende anche le gare della macroarea che hanno permesso alla Conottieri Napoli di prendere anche numerosi punti per via del rank che gli atleti della squadra hanno conseguito per la numerosa parteciapzione alle gare di “qualificazione ”
    2) la Canottieri Napoli ha avuto tra le sue fila atleti arrivati nel 2012 da altre squadre del Sud Italia. La percentuale in se per se è dato trascurabile, non sono trascurabili i punti che questi atleti , per la maggior parte di buon livello , hanno portato alla Canottieri Napoli
    3) Stiamo parlando del 2012 non delle altre stagioni
    Nessun attacco personale, capisco magari la coda di paglia…
    I Campionati Italiani giovanilli sono anni che nessuno li vuole organizzare, basta candidarsi e magari si potranno avere anche al Sud , se non sbaglio però alcune edizioni di C.I. e di gare giovanili al Sud non hanno avuto molto successo.
    Se le gare fossero dislocate diversamente vincerebbe sempre Minerva Roma o Td Rimini, due squadre nettamente superiori a tutti per qualità e quantità. Se la finale del circuito di triathlon fosse stata al nord corazzate come Freezone, Cremona e altre avrebbero potuto farci un pensierino e quindi magari puntare a qualificarsi per la finale. Alla fine, quello che conta sono solo le classifiche giovanili e i circuiti, i soldi per le società arrivano da lì, non dai rank.

  12. Alessandro Fattore on 21 novembre 2012 at 10:41 said:

    1) “Canottieri Napoli ….ha conquistato il podio grazie al circuito di triathlon dove ha raccolto moltissimi punti” – E’ FALSO, poiché la Canottieri Napoli ha ottenuto dal Circuito Italiano 480 punti, senza i quali sarebbe ugualmente 3° nel CI Società (Classifica “senza Circuito Italiano” minerva 5894 – td rimini 5718 – canottieri napoli 3462 – torino 3060).
    2) “Canottieri Napoli, che dopo aver fatto incetta di atleti nel sud Italia”; – E’ FALSO, non sono triatleti cresciuti nella Canottieri Napoli nel 2012 2 giovani su 22, 4 senior su 42, in totale 6 su 64 (il 9%) un dato trascurabile e comunque fisiologico nelle società di alto livello
    3) “ha raccolto oltre 70000 dei sui 90000 punti finali nel rank di triathlon sprint. Ne hanno sofferto le altre squadre del sud Italia, nessuna di loro nelle prime 20” – E’ FALSO, dal 2008 ad oggi nessuna società meridionale, oltre la Canottieri Napoli, è mai arrivata nei primi 20…
    Novelli è ora di finirla con inutili attacchi personali,
    Ti suggerisco il calcolo dell’indice più importante e sempre trascurato: punti realizzati 2012 / distanza dal campo gara CI, Circuiti, Coppa-Trofeo Italia, 2012 (es: roma-tarzo a/r; rimini-tarzo; napoli-tarzo etc), quanto incide sulla Classifica del CI Società? Se le gare “utili” fossero dislocate in modo più equo sul territorio quali sarebbero i reali distacchi e valori?

Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

I rank di società della stagione 2012 Fitri

20th novembre, 2012

Logo Federazione Italiana TRIathlon

La stagione 2012 è oramai andata in archivio, si sono concluse tutte le gare rank della stagione e sono già definitivi tutti i rank .
Per quanto riguarda la classifica assoluta per società (Campionato italiano di società), arrivo al “photofinish” tra Minerva Roma e TD Rimini separati da soli 34 punti , mentre conclude il podio la Canottieri Napoli. La classifica dice che le squadre con settore giovanile occupano le prime posizioni, le prime due squadre sono le più complete in Italia , la Minerva Roma ha un settore giovanile di primissimo livello (De Palma e Stateff, ma anche Ciuti, Fioravanti, Salvino, Uderzo, Cattabriga, Roccheggiani, Fascetti, Gala…….), manca forse in AgeGroup , anche se ha gente come Tedde, Rimini invece ha anche ottimi “Elite” come Della Pasqua e Facchinetti (ritornato al TdRimini dopo la parentesi Esercito), nel Duathlon da anni è nettamente la migliore squadra in Italia con i vari Picco, Sansone,Alvano ma anche i “soliti”Alessandri, Torsani, Conti, Fiumara… Canottieri Napoli non ha un grandissimo settore giovanile, ha conquistato il podio grazie al circuito di triathlon dove ha raccolto moltissimi punti. Unica eccezione nella Top 10 le Fiamme Oro che con titoli individuali e a squadre  hanno conquistato moltissimi punti,nonostante la mancanza di settore giovanile. La prima squadra “civile”senza settore giovanile è il Padova Triathlon al 13° posto.
Nel rank di Duathlon per società vittoria scontata per il TD Rimini con un vantaggio di 2500 punti circa sulla “corazzata”Freezone, altro squadrone per numero e qualità. Al terzo posto a sorpresa il Triathlon team Sassari, che grazie alla massiccia presenza nel Circuito nazionale di duathlon e alle numerose gare in terra sarda ha conquistato il “podio”. Per la squadra di Baralla e Capone soli 2 punti di vantaggio sulla quarta squadra, il Piacenza Triathlon di Bettini e soci!
Per quanto riguarda il rank di triathlon per società, vittoria per la Canottieri Napoli, che dopo aver fatto incetta di atleti nel sud Italia, ha raccolto oltre 70000 dei sui 90000 punti finali nel rank di triathlon sprint. Ne hanno sofferto le altre  squadre del sud Italia, nessuna di loro nelle prime 20. Al secondo posto il Torino Triathlon, forte di numerosissimi atleti che hanno portato alla squadra piemontese oltre 88000 punti, precedendo un’altra corazzata del nord, il Triathlon Cremona Stradivari.

RANK VARI 2012

By
@novellimarco
backtotop