Mute Triathlon

I campionati Sud americani a La Paz parlano italiano.

Si è corsa nello scorso “lungo” week end l’edizione 2013 del Triathlon Internazionale di La Paz, la gara più partecipata e famosa del Sud America. Il Venerdì si sono corse le gare per i giovanissimi sino ai 13 anni, Sabato gare giovani , sprint , sprint MTB e Olimpico A.G. con oltre 700 atleti al via in tutte le categorie. Nella gara A.G. al via l’unico italiano, Marco Novelli che ha concluso la sua fatica in poco più di 2.26′.
Domenica si sono corsi invece i Campionati sud Americani e atleti delle squadre italiane hanno fatto incetta di titoli.
In campo femminile fuga a 3 delle due argentine Romina Palacio Balena e Romina Biagioli , “scortate” dall’americana Anna Battiata. Le fuggitive hanno lavorato di comune accordo in bici e hanno accumulato un vantaggio enorme, presentandosi insieme in T2. Le due argentine hanno preso subito il largo e hanno corso appaiate sino al km 5, quando la Biagioli ha allungato a ha conquistato la vittoria davanti alla sua connazionale Palacio, 3° la Battiata. La Biagioli dopo aver conquistato il titolo panamericano U23 con i Los Tigres nel 2012 si porta a casa il titolo Sud Americano con la DDS.
In campo maschile la defezione di uno dei favoriti , l’argentino dei Los Tigres Gonzalo Tellechea, rappresentante nazionale alle Olimpiadi di Londra e recente campione argentino di triathlon sprint, ha lasciato i favori del pronostico al suo compagno di nazionale Luciano Taccone, ex Los Tigres in forza alla DDS.
Il più veloce ad uscire dall’acqua è stato l’australiano Barrie, seguito dal tigrotto Luciano Farias e dall’argentino Beridian, più indietro gli altri. Dopo circa 3 giri il gruppo di ricompatta grazie all’azione di Oscar Galindez, che a 42 anni ha infiammato il pubblico di La Paz, gara che ha vinto diverse volte in passato. SI entra in T2 con un gruppo di 12 unità circa, il più veloce a immettersi nel circuito finale di corsa è l’argentino in forza ai Los Tigres Bruno Baldini, che vive a 700m dalla zona di partenza, seguito dal compagno di nazionale e di squadra Luciano Farias, ma è Luciano Taccone che mette subito le cose in chiaro e prende la testa della gara dopo poche centinaia di metri e allunga decisamente su tutti. Dietro si scatena la lotta per il podio, prima è l’australiano Barrie che sembra avere la meglio, ma viene dapprima superato dal brasiliano Cavanha Conceicao e poi da Galindez, sospinto dalla folla. Taccone fa il vuoto , Galindez cerca di mettere nel mirino Conceicao ma non riesce a regalare all’Argentina la doppietta, chiudendo 3° dietro a Taccone (unico sotto le 2 ore) e a Conceicao. Anche per Taccone dopo il titolo U23 Panamericano, il titolo Sudamericano, anche  lui dopo una parentesi Los Tigres è passato alla DDS, come la sua compagna Biagioli. Doppietta Los Tigres invece tra gli U23 (in foto il podio) con Gaston Montenegro che precede Bruno Baldini (i due saranno in Italia da Maggio con i colori dei tigrotti). Bene anche gli altri atleti Los Tigres al via, il migliore è stato Luciano Farias, 5° ,  più indietro Rodrigo Sendra (4° parziale podistico per lui), Juan Alberto Dominguez (vincitore di Asola 2011) e Ignacio Confalonieri all’esordio tra gli Elite
La gara di La Paz è stata anche l’occasione per presentare alcuni progetti solidali, come quello di Galindez che unendosi ad un iniziativa già portata avanti da alcuni mesi dalla Fundacion Diego Macias e da un gruppo ciclistico locale “El Pinion”, ha voluto donare alcuni cartelli stradali per chiedere il rispetto degli automobilisti verso i ciclisti, mentre la Fundacion Diego Macias ha effettuato donazioni di materiale usato e nuovo ad alcune scuole triathlon locali e delle provincie di Santa Elena, Salta e Mendoza, presentando il  1° Camp Giovanile La Paz che ha preso il via il giorno dopo la gara Elite , riservato a 30 giovani completamente gratuito (seguirà resoconto a fine del Camp), coordinato da Marco Novelli, tecnico dei Los Tigres e finanziato da Domenica Oliveto presidente dei Los Tigres in Italia.

RISULTATI

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

I campionati Sud americani a La Paz parlano italiano.

16th gennaio, 2013

Si è corsa nello scorso “lungo” week end l’edizione 2013 del Triathlon Internazionale di La Paz, la gara più partecipata e famosa del Sud America. Il Venerdì si sono corse le gare per i giovanissimi sino ai 13 anni, Sabato gare giovani , sprint , sprint MTB e Olimpico A.G. con oltre 700 atleti al via in tutte le categorie. Nella gara A.G. al via l’unico italiano, Marco Novelli che ha concluso la sua fatica in poco più di 2.26′.
Domenica si sono corsi invece i Campionati sud Americani e atleti delle squadre italiane hanno fatto incetta di titoli.
In campo femminile fuga a 3 delle due argentine Romina Palacio Balena e Romina Biagioli , “scortate” dall’americana Anna Battiata. Le fuggitive hanno lavorato di comune accordo in bici e hanno accumulato un vantaggio enorme, presentandosi insieme in T2. Le due argentine hanno preso subito il largo e hanno corso appaiate sino al km 5, quando la Biagioli ha allungato a ha conquistato la vittoria davanti alla sua connazionale Palacio, 3° la Battiata. La Biagioli dopo aver conquistato il titolo panamericano U23 con i Los Tigres nel 2012 si porta a casa il titolo Sud Americano con la DDS.
In campo maschile la defezione di uno dei favoriti , l’argentino dei Los Tigres Gonzalo Tellechea, rappresentante nazionale alle Olimpiadi di Londra e recente campione argentino di triathlon sprint, ha lasciato i favori del pronostico al suo compagno di nazionale Luciano Taccone, ex Los Tigres in forza alla DDS.
Il più veloce ad uscire dall’acqua è stato l’australiano Barrie, seguito dal tigrotto Luciano Farias e dall’argentino Beridian, più indietro gli altri. Dopo circa 3 giri il gruppo di ricompatta grazie all’azione di Oscar Galindez, che a 42 anni ha infiammato il pubblico di La Paz, gara che ha vinto diverse volte in passato. SI entra in T2 con un gruppo di 12 unità circa, il più veloce a immettersi nel circuito finale di corsa è l’argentino in forza ai Los Tigres Bruno Baldini, che vive a 700m dalla zona di partenza, seguito dal compagno di nazionale e di squadra Luciano Farias, ma è Luciano Taccone che mette subito le cose in chiaro e prende la testa della gara dopo poche centinaia di metri e allunga decisamente su tutti. Dietro si scatena la lotta per il podio, prima è l’australiano Barrie che sembra avere la meglio, ma viene dapprima superato dal brasiliano Cavanha Conceicao e poi da Galindez, sospinto dalla folla. Taccone fa il vuoto , Galindez cerca di mettere nel mirino Conceicao ma non riesce a regalare all’Argentina la doppietta, chiudendo 3° dietro a Taccone (unico sotto le 2 ore) e a Conceicao. Anche per Taccone dopo il titolo U23 Panamericano, il titolo Sudamericano, anche  lui dopo una parentesi Los Tigres è passato alla DDS, come la sua compagna Biagioli. Doppietta Los Tigres invece tra gli U23 (in foto il podio) con Gaston Montenegro che precede Bruno Baldini (i due saranno in Italia da Maggio con i colori dei tigrotti). Bene anche gli altri atleti Los Tigres al via, il migliore è stato Luciano Farias, 5° ,  più indietro Rodrigo Sendra (4° parziale podistico per lui), Juan Alberto Dominguez (vincitore di Asola 2011) e Ignacio Confalonieri all’esordio tra gli Elite
La gara di La Paz è stata anche l’occasione per presentare alcuni progetti solidali, come quello di Galindez che unendosi ad un iniziativa già portata avanti da alcuni mesi dalla Fundacion Diego Macias e da un gruppo ciclistico locale “El Pinion”, ha voluto donare alcuni cartelli stradali per chiedere il rispetto degli automobilisti verso i ciclisti, mentre la Fundacion Diego Macias ha effettuato donazioni di materiale usato e nuovo ad alcune scuole triathlon locali e delle provincie di Santa Elena, Salta e Mendoza, presentando il  1° Camp Giovanile La Paz che ha preso il via il giorno dopo la gara Elite , riservato a 30 giovani completamente gratuito (seguirà resoconto a fine del Camp), coordinato da Marco Novelli, tecnico dei Los Tigres e finanziato da Domenica Oliveto presidente dei Los Tigres in Italia.

RISULTATI

By
@novellimarco
backtotop