Mute Triathlon

Finale della WC in Giappone. Sorridono gli azzurri

Cook ancora vincitrice a Miyazaki

                            Cook ancora vincitrice a Miyazaki

Si è chiusa oggi in Giappone la stagione internazionale della World Cup con l’ultima tappa che si è appena conclusa a Miyazaki.

La gara femminile ha visto presentarsi in T2 un gruppo di 12 atlete in testa alla gara, tra le quali Mazzetti. Nella frazione finale la vittoria è stato un affare tra americane con Cook  (in foto la vittoria 2017) che ha la meglio sulla Burns bissando il successo del 2017, mentre al terzo posto chiude la spagnola Casillas Garcia.

Tra gli uomini una fuga a tre nel finale della bici permette a Raphael e a due padroni di casa di prendere qualche secondo di vantaggio sul gruppo di 19 atleti comprendente gli azzurri Fabian e Stateff. Gli ultimi 10 km incoronano lo spagnolo Hernandez come vincitore , dietro di lui l’americano Hemming, mentre per il bronzo è un testa  a testa fra azzurri, con l’ottima rimonta finale di Stateff che chiude 3° davanti  a Fabian in calo nel finale.

Mazzetti chiude la sua prova in 6° posizione assoluta a 1’21” dalla vincitrice, mentre lontanissime le altre azzurre, con Priarone, mai in gara , 17° a 4’44”, ancora peggio Zane, che accusa 5’49” di ritardo , tagliando il traguardo in 23° posizione su 35 atlete al traguardo. Molto meglio in campo maschile, con il già citato podio di Stateff davanti a Fabian, il 9° posto di Pozzatti a poco più di 1′ da Hernandez, Uccellari , dopo essersi trovato in T2 nel 2° gruppo a quasi 2′ dalla testa della corso, chiude 18° con il secondo parziale podistico tra gli azzurri, mentre Barnaby conclude la sua prova in 36° posizione.

Si conclude quindi la stagione internazionale per gli azzurri, che non hanno dimostrato di essere competitivi nelle gare di primo livello della WTS, in cui hanno spesso ottenuto prestazioni opache e piazzamenti lontani dalle posizioni che contano, ma che hanno approfittato di gare come le WC, dove il livello è decisamente inferiore rispetto alle WTS, per piazzare qualche acuto.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Comments are closed.

Altre Notizie

Finale della WC in Giappone. Sorridono gli azzurri

10th novembre, 2018
Cook ancora vincitrice a Miyazaki

                            Cook ancora vincitrice a Miyazaki

Si è chiusa oggi in Giappone la stagione internazionale della World Cup con l’ultima tappa che si è appena conclusa a Miyazaki.

La gara femminile ha visto presentarsi in T2 un gruppo di 12 atlete in testa alla gara, tra le quali Mazzetti. Nella frazione finale la vittoria è stato un affare tra americane con Cook  (in foto la vittoria 2017) che ha la meglio sulla Burns bissando il successo del 2017, mentre al terzo posto chiude la spagnola Casillas Garcia.

Tra gli uomini una fuga a tre nel finale della bici permette a Raphael e a due padroni di casa di prendere qualche secondo di vantaggio sul gruppo di 19 atleti comprendente gli azzurri Fabian e Stateff. Gli ultimi 10 km incoronano lo spagnolo Hernandez come vincitore , dietro di lui l’americano Hemming, mentre per il bronzo è un testa  a testa fra azzurri, con l’ottima rimonta finale di Stateff che chiude 3° davanti  a Fabian in calo nel finale.

Mazzetti chiude la sua prova in 6° posizione assoluta a 1’21” dalla vincitrice, mentre lontanissime le altre azzurre, con Priarone, mai in gara , 17° a 4’44”, ancora peggio Zane, che accusa 5’49” di ritardo , tagliando il traguardo in 23° posizione su 35 atlete al traguardo. Molto meglio in campo maschile, con il già citato podio di Stateff davanti a Fabian, il 9° posto di Pozzatti a poco più di 1′ da Hernandez, Uccellari , dopo essersi trovato in T2 nel 2° gruppo a quasi 2′ dalla testa della corso, chiude 18° con il secondo parziale podistico tra gli azzurri, mentre Barnaby conclude la sua prova in 36° posizione.

Si conclude quindi la stagione internazionale per gli azzurri, che non hanno dimostrato di essere competitivi nelle gare di primo livello della WTS, in cui hanno spesso ottenuto prestazioni opache e piazzamenti lontani dalle posizioni che contano, ma che hanno approfittato di gare come le WC, dove il livello è decisamente inferiore rispetto alle WTS, per piazzare qualche acuto.

By
@novellimarco
backtotop