Mute Triathlon

DOPING: parliamo di diuretici

anche nel triathlon caso di doping. Spieghiamo cos'è la sostanza proibita trovata recentemente su Schleck

Il doping è un fenomeno diffuso tra tutti i praticanti dei vari sport, sia ad alto livello che a livello amatoriale.L’ultimo caso ecclatante viene dal mondo del ciclismo con un campione belga fermato al Tour de France dopo aver “fallito” un controllo antidoping  è risultato positivo pure alle controanalisi. Ma  il famoso diuretico trovato nei campioni di urine al ciclista belga , cos’è e come agisce?
Ecco quanto ci dice il Dott. Massimo Galletti:

la XIPAMIDE cos’è e perchè è fra le sostanze  vietate nella pratica sportiva

La XIPAMIDE è una sostanza ad azione diuretica  usata nella terapia della ipertensione, nello sport è inserita fra le sostanze  proibite fra gli agenti mascheranti

Gli agenti mascheranti hanno la capacità  di alterare l’’escrezione di sostanze proibite, di mascherare la loro  presenza nell’’urina o in altri campioni utilizzati nei controlli antidoping o di modificare i parametri ematologici .

Tra gli agenti mascheranti i diuretici  sono un esempio tipico: si assume il diuretico per fare in modo che il farmaco dopante sia eliminato con le  urine.

Un altro uso di agenti mascheranti, quali  i diuretici, è quello per diminuire il peso corporeo, fattore importante per alcune  discipline a categorie di peso.

Gli effetti secondari possono essere molto  gravi , abusi di tali farmaci infatti possono comportare alterazione  dell’equilibrio idro salino, disidratazione fino al collasso soprattutto in  condizione climatiche estreme di afa come quelle attuali

Vi sono poi ulteriori effetti soprattutto  sul metabolismo degli zuccheri e dei grassi, ed un progressivo aumento  dell’acido urico con reazioni infiammatorie alle articolazioni (gotta) per  deposizione di cristalli di urato, ultimo e non meno imporatnte e dannoso è la  possibile formazione di calcoli renali con conseguenti lesioni  d’organo

 

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

DOPING: parliamo di diuretici

21st luglio, 2012

anche nel triathlon caso di doping. Spieghiamo cos'è la sostanza proibita trovata recentemente su Schleck

Il doping è un fenomeno diffuso tra tutti i praticanti dei vari sport, sia ad alto livello che a livello amatoriale.L’ultimo caso ecclatante viene dal mondo del ciclismo con un campione belga fermato al Tour de France dopo aver “fallito” un controllo antidoping  è risultato positivo pure alle controanalisi. Ma  il famoso diuretico trovato nei campioni di urine al ciclista belga , cos’è e come agisce?
Ecco quanto ci dice il Dott. Massimo Galletti:

la XIPAMIDE cos’è e perchè è fra le sostanze  vietate nella pratica sportiva

La XIPAMIDE è una sostanza ad azione diuretica  usata nella terapia della ipertensione, nello sport è inserita fra le sostanze  proibite fra gli agenti mascheranti

Gli agenti mascheranti hanno la capacità  di alterare l’’escrezione di sostanze proibite, di mascherare la loro  presenza nell’’urina o in altri campioni utilizzati nei controlli antidoping o di modificare i parametri ematologici .

Tra gli agenti mascheranti i diuretici  sono un esempio tipico: si assume il diuretico per fare in modo che il farmaco dopante sia eliminato con le  urine.

Un altro uso di agenti mascheranti, quali  i diuretici, è quello per diminuire il peso corporeo, fattore importante per alcune  discipline a categorie di peso.

Gli effetti secondari possono essere molto  gravi , abusi di tali farmaci infatti possono comportare alterazione  dell’equilibrio idro salino, disidratazione fino al collasso soprattutto in  condizione climatiche estreme di afa come quelle attuali

Vi sono poi ulteriori effetti soprattutto  sul metabolismo degli zuccheri e dei grassi, ed un progressivo aumento  dell’acido urico con reazioni infiammatorie alle articolazioni (gotta) per  deposizione di cristalli di urato, ultimo e non meno imporatnte e dannoso è la  possibile formazione di calcoli renali con conseguenti lesioni  d’organo

 

By
@novellimarco
backtotop