Mute Triathlon

Clamoroso: Henry Schoeman trovato positivo alle Olimpiadi di Rio

Henry Schoeman trovato positivo a Rio 2016

Henry Schoeman trovato positivo a Rio 2016

Clamorosa rivelazione del sito Sputnik ( https://sputniknews.com/world/201801171060833854-olympics-doping-schoeman-tested/ ) , riguardo alla positività del sud africano Henry Schoeman al controllo antidoping in occasione della gara olimpica di Rio 2016, in cui l’atleta aveva conquistato la medaglia di bronzo a sorpresa. Nell’ articolo sono riportate  sia le foto del risultato del test che lo scambio di mail tra lo staff tecnico dell’atleta e il membro della commissione anti-doping Cherine Touvet . La sostanza proibita trovata nel campione delle urine del sud africano è il prednisolone, salito agli onori delle cronache per i casi di doping legati  agli atleti russi.

L’atleta ha dichiarato l’assunzione della sostanza all’atto del controllo antidoping, ma non risultava che avesse presentato il TUE, il famoso documento in cui si certifica l’assunzione di determinate sostanze proibite per giustificati motivi di salute. L’atleta non è stato sospeso, ma rimangono molte ombre sulla questione, infatti non si hanno notizie riguardo alla presentazione del documento che lo avrebbe scagionato.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Clamoroso: Henry Schoeman trovato positivo alle Olimpiadi di Rio

18th gennaio, 2018
Henry Schoeman trovato positivo a Rio 2016

Henry Schoeman trovato positivo a Rio 2016

Clamorosa rivelazione del sito Sputnik ( https://sputniknews.com/world/201801171060833854-olympics-doping-schoeman-tested/ ) , riguardo alla positività del sud africano Henry Schoeman al controllo antidoping in occasione della gara olimpica di Rio 2016, in cui l’atleta aveva conquistato la medaglia di bronzo a sorpresa. Nell’ articolo sono riportate  sia le foto del risultato del test che lo scambio di mail tra lo staff tecnico dell’atleta e il membro della commissione anti-doping Cherine Touvet . La sostanza proibita trovata nel campione delle urine del sud africano è il prednisolone, salito agli onori delle cronache per i casi di doping legati  agli atleti russi.

L’atleta ha dichiarato l’assunzione della sostanza all’atto del controllo antidoping, ma non risultava che avesse presentato il TUE, il famoso documento in cui si certifica l’assunzione di determinate sostanze proibite per giustificati motivi di salute. L’atleta non è stato sospeso, ma rimangono molte ombre sulla questione, infatti non si hanno notizie riguardo alla presentazione del documento che lo avrebbe scagionato.

By
@novellimarco
backtotop