Mute Triathlon

Caporetto azzurra a Chengdu

Coach Gabba con Lescure

Andrea Gabba e Lescure

Si è appena chiusa la tappa di coppa del mondo di Chengdu in Cina, con risultati disastrosi per i colori azzurri.

La gara maschile si è decisa nella frazione ciclistica, quando il messicano Gonzalez è andato in fuga con il giapponese Tsubaki, riuscendo ad accumulare in T2 un vantaggio di 1’15”, che gli ha permesso di portare a casa una vittoria preziosa. Dietro di lui la lotta per i restanti gradini del podio è serratissima, 7 atleti giungono al traguardo nello spazio di 11”, l’argento va all’ azero Pevtsov, il bronzo al belga Van Riel. Male gli azzurri, con Facchinetti che chiude 23° a quasi 2′ dal vincitore, Uccellari 35° a oltre 3′, Secchiero addirittura 43° (su 50 al traguardo ) ben oltre i 4′ di distacco. In gara anche gli argentini che difendono i colori di squadre italiane , Tellechea (Los Tigres) chiude con un ottimo 5° posto a soli 6” dall’argento e 2” dal bronzo, ipotecando di fatto la qualificazione per la sua seconda olimpiade, mentre Taccone (DDS) chiude 16° e anche per lui Rio è oramai quasi una certezza. Da segnalare l’ottimo 10° posto di Lescure, al suo esordio con i colori turchi in WC, che regala una grande soddisfazione al coach Andrea Gabba.

Con questi risultati , si può quasi sicuramente definire terminata la rincorsa al 3° posto tra gli uomini per quanto riguarda la qualificazione  a Rio . Uccellari non si è ancora ripreso dalla influenza che lo ha limitato nelle 2 gare precedenti, c’è però da chiedersi se, il fatto che questi malanni /infortuni si manifestino spesso dopo i raduni , sia puramente casuale o vi sia una connessione con i programmi svolti dagli atleti in quelle occasioni.

Nella gara femminile nessuna azzurra al via. In T2 si presenta un nutrito gruppo , l’americana Cook prende subito il comando delle operazioni senza mollarlo fino alla fine, conquistando la vittoria davanti alla belga Michel, mentre per il bronzo la spunta l’austriaca Perter, che difende i colori della squadra italiana 707 . Da segnalare anche il 12° posto della slovena della DDS Mateja Simic e il 16° dell’ argentina , sempre della DDS, Romina Biagioli. Altra gara da dimenticare per Gaia Peron, che chiude 26° a quasi 5′ dalla vincitrice. Il 2° posto della belga complica la situazione di Alice Betto in prospettiva qualificazione olimpica.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Caporetto azzurra a Chengdu

16th aprile, 2016
Coach Gabba con Lescure

Andrea Gabba e Lescure

Si è appena chiusa la tappa di coppa del mondo di Chengdu in Cina, con risultati disastrosi per i colori azzurri.

La gara maschile si è decisa nella frazione ciclistica, quando il messicano Gonzalez è andato in fuga con il giapponese Tsubaki, riuscendo ad accumulare in T2 un vantaggio di 1’15”, che gli ha permesso di portare a casa una vittoria preziosa. Dietro di lui la lotta per i restanti gradini del podio è serratissima, 7 atleti giungono al traguardo nello spazio di 11”, l’argento va all’ azero Pevtsov, il bronzo al belga Van Riel. Male gli azzurri, con Facchinetti che chiude 23° a quasi 2′ dal vincitore, Uccellari 35° a oltre 3′, Secchiero addirittura 43° (su 50 al traguardo ) ben oltre i 4′ di distacco. In gara anche gli argentini che difendono i colori di squadre italiane , Tellechea (Los Tigres) chiude con un ottimo 5° posto a soli 6” dall’argento e 2” dal bronzo, ipotecando di fatto la qualificazione per la sua seconda olimpiade, mentre Taccone (DDS) chiude 16° e anche per lui Rio è oramai quasi una certezza. Da segnalare l’ottimo 10° posto di Lescure, al suo esordio con i colori turchi in WC, che regala una grande soddisfazione al coach Andrea Gabba.

Con questi risultati , si può quasi sicuramente definire terminata la rincorsa al 3° posto tra gli uomini per quanto riguarda la qualificazione  a Rio . Uccellari non si è ancora ripreso dalla influenza che lo ha limitato nelle 2 gare precedenti, c’è però da chiedersi se, il fatto che questi malanni /infortuni si manifestino spesso dopo i raduni , sia puramente casuale o vi sia una connessione con i programmi svolti dagli atleti in quelle occasioni.

Nella gara femminile nessuna azzurra al via. In T2 si presenta un nutrito gruppo , l’americana Cook prende subito il comando delle operazioni senza mollarlo fino alla fine, conquistando la vittoria davanti alla belga Michel, mentre per il bronzo la spunta l’austriaca Perter, che difende i colori della squadra italiana 707 . Da segnalare anche il 12° posto della slovena della DDS Mateja Simic e il 16° dell’ argentina , sempre della DDS, Romina Biagioli. Altra gara da dimenticare per Gaia Peron, che chiude 26° a quasi 5′ dalla vincitrice. Il 2° posto della belga complica la situazione di Alice Betto in prospettiva qualificazione olimpica.

By
@novellimarco
backtotop