Mute Triathlon

Altro caso di doping nel triathlon: il secondo in un settimana

Juri Feltrin

Juri Feltrin positivo all’antidoping

Dopo la positività di Caravaggio, è giunta ieri la notizia di una nuova positività nel triathlon. Juri Feltrin è stato infatti trovato positivo sostanze Testosterone e suoi metaboliti di origine non endogena, compatibile con l’assunzione di Testosterone e/o suoi precursori a seguito in un controllo “ fuori competizione “ disposto da NADO ITALIA e svoltosi a Ponte di Piave (TV) il 23 giugno 2016. SUl profilo facebook del triatleta, lo stesso ha spiegato così quanto occorso:

“Buongiorno a tutti, scrivo questo messaggio perché non ho nulla da nascondere.

In primavera mi sono sottoposto ad alcuni esami ematochimici prescritti dal mio medico riscontrando un valore di testosterone pari a 1, quando il valore normale è pari a 4.
In seguito ad alcune visite mediche, in particolare con un medico specialista endocrinologo, mi è stata riscontrata una grave disfunzione ormonale e mi  ha diagnosticato un  ipogonadismo funzionale. In seguito ho iniziato su sua prescrizione una terapia con testosterone sottoforma di gel topico a dosi molto basse. Nel frattempo il medico che mi seguiva ha inviato al CONI la domanda di esenzione  a fini terapeutici, la quale con nostra sorpresa è stata negata. Consultato lo stesso medico , ho eseguito nuovamente l’esame del testosterone che risultava dopo alcune settimane di terapia pari a 2 mg/dl.  La sera del 23 giugno alle h 20 si è presentato a casa mia un medico del CONI per un controllo antidoping, a sorpresa, fuori gara, al quale ovviamente sono risultato positivo.
Ovvio pensare che il controllo è scattato in seguito alla richiesta di esenzione inviata dal mio medico e non capisco perché non posso visionare gli esami a cui sono stato sottoposto se non pagando 400 euro!!
In ogni caso ho agito in buona fede sotto controllo medico e perché ho pensato prima alla salute che all’attività sportiva, mi sono fidato dello specialista che mi seguiva pensando che ben conoscesse le procedure del CONI. Sono consapevole di aver trascurato la procedura  avendo iniziato la terapia prima della risposta del CONI,  ho agito alla luce del sole senza nascondere nulla cercando di rispettare la normativa.
Non ho assunto farmaci illegali acquistati in modo illecito attraverso il canale di  internet o farmacie compiacenti come spesso succede, posso solo ammettere una mia leggerezza nella aver iniziato la terapia prima di ricevere l’esenzione del CONI, la quale non è stata accettata perché non sono nato con questa disfunzione e ora questa leggerezza la sto pagando cara. “

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Altro caso di doping nel triathlon: il secondo in un settimana

21st luglio, 2016
Juri Feltrin

Juri Feltrin positivo all’antidoping

Dopo la positività di Caravaggio, è giunta ieri la notizia di una nuova positività nel triathlon. Juri Feltrin è stato infatti trovato positivo sostanze Testosterone e suoi metaboliti di origine non endogena, compatibile con l’assunzione di Testosterone e/o suoi precursori a seguito in un controllo “ fuori competizione “ disposto da NADO ITALIA e svoltosi a Ponte di Piave (TV) il 23 giugno 2016. SUl profilo facebook del triatleta, lo stesso ha spiegato così quanto occorso:

“Buongiorno a tutti, scrivo questo messaggio perché non ho nulla da nascondere.

In primavera mi sono sottoposto ad alcuni esami ematochimici prescritti dal mio medico riscontrando un valore di testosterone pari a 1, quando il valore normale è pari a 4.
In seguito ad alcune visite mediche, in particolare con un medico specialista endocrinologo, mi è stata riscontrata una grave disfunzione ormonale e mi  ha diagnosticato un  ipogonadismo funzionale. In seguito ho iniziato su sua prescrizione una terapia con testosterone sottoforma di gel topico a dosi molto basse. Nel frattempo il medico che mi seguiva ha inviato al CONI la domanda di esenzione  a fini terapeutici, la quale con nostra sorpresa è stata negata. Consultato lo stesso medico , ho eseguito nuovamente l’esame del testosterone che risultava dopo alcune settimane di terapia pari a 2 mg/dl.  La sera del 23 giugno alle h 20 si è presentato a casa mia un medico del CONI per un controllo antidoping, a sorpresa, fuori gara, al quale ovviamente sono risultato positivo.
Ovvio pensare che il controllo è scattato in seguito alla richiesta di esenzione inviata dal mio medico e non capisco perché non posso visionare gli esami a cui sono stato sottoposto se non pagando 400 euro!!
In ogni caso ho agito in buona fede sotto controllo medico e perché ho pensato prima alla salute che all’attività sportiva, mi sono fidato dello specialista che mi seguiva pensando che ben conoscesse le procedure del CONI. Sono consapevole di aver trascurato la procedura  avendo iniziato la terapia prima della risposta del CONI,  ho agito alla luce del sole senza nascondere nulla cercando di rispettare la normativa.
Non ho assunto farmaci illegali acquistati in modo illecito attraverso il canale di  internet o farmacie compiacenti come spesso succede, posso solo ammettere una mia leggerezza nella aver iniziato la terapia prima di ricevere l’esenzione del CONI, la quale non è stata accettata perché non sono nato con questa disfunzione e ora questa leggerezza la sto pagando cara. “

By
@novellimarco
backtotop