Mute Triathlon

ALLENAMENTO: la periodizzazione

Parliamo di periodizzazione

Nel primo articolo sull’allenamento abbiamo parlato di come sia importante la personalizzazione dell’allenamento, così come altri fattori, tra i quali la PERIODIZZAZIONE.  Negli anni 60 un russo,  Tudor Bompa ha introdotto per primo questo concetto anche se già nel corso del 1940 gli scienziati russi cercarono di dividere l’anno  “agonistico” in periodi di formazione diversi. In precedenza si manteneva per tutto l’anno la stessa sollecitazione negli allenamenti, di conseguenza si applicavano sempre gli stessi stimoli all’atleta, andando quindi contro i principi attuali della super compensazione. La Periodizzazione coinvolge molte variabili tra cui la frequenza (quanto ‘spesso’ ci si allena), durata (quanto a  ‘lungo’ ci si allena per una sessione), volume (quanto  ti alleni in una settimana o ciclo) e intensità (quanto  ‘forte’ ci si allena in un dato momento). Lo scopo della pèriodizzazione è arrivare al massimo della forma in determinati momenti della stagione che di solito coincidono con la gare/le gare più importanti . Ci sono quattro o cinque fasi da considerare in un piano di allenamento annuale :

 

 Fase  Durata  Frequenza  Durata  Intensità  Volume
Preparazione 8 sett.            Alto  Breve- 
 media
Molto poco  Basso
 Base 12-24 sett.      Alto  Media-
 Alta
 Moderata Da moderato ad alto
Costruzione 8 sett.  Moderata-
      alta
 Alta   Pesante  Moderato
Agonistica 5 sett.  Moderata  Breve   Pesante  Basso

 

 A questi periodi si può inserire il periodo di TRANSIZIONE, che può essere inserito a fine stagione / inizio stagione. Si ricorda che questo schema è relativo ad un generico ciclo di programmazione annuale, come già specificato l’allenamento per essere più efficace possibile deve essere PERSONALIZZATO, quindi per alcuni atleti  si possono avere alcuni cicli ripetuti durante la stagione. Nel prossimo articolo si analizzaranno le vaire fasi della periodizzazione annuale.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

ALLENAMENTO: la periodizzazione

24th luglio, 2012

Parliamo di periodizzazione

Nel primo articolo sull’allenamento abbiamo parlato di come sia importante la personalizzazione dell’allenamento, così come altri fattori, tra i quali la PERIODIZZAZIONE.  Negli anni 60 un russo,  Tudor Bompa ha introdotto per primo questo concetto anche se già nel corso del 1940 gli scienziati russi cercarono di dividere l’anno  “agonistico” in periodi di formazione diversi. In precedenza si manteneva per tutto l’anno la stessa sollecitazione negli allenamenti, di conseguenza si applicavano sempre gli stessi stimoli all’atleta, andando quindi contro i principi attuali della super compensazione. La Periodizzazione coinvolge molte variabili tra cui la frequenza (quanto ‘spesso’ ci si allena), durata (quanto a  ‘lungo’ ci si allena per una sessione), volume (quanto  ti alleni in una settimana o ciclo) e intensità (quanto  ‘forte’ ci si allena in un dato momento). Lo scopo della pèriodizzazione è arrivare al massimo della forma in determinati momenti della stagione che di solito coincidono con la gare/le gare più importanti . Ci sono quattro o cinque fasi da considerare in un piano di allenamento annuale :

 

 Fase  Durata  Frequenza  Durata  Intensità  Volume
Preparazione 8 sett.            Alto  Breve- 
 media
Molto poco  Basso
 Base 12-24 sett.      Alto  Media-
 Alta
 Moderata Da moderato ad alto
Costruzione 8 sett.  Moderata-
      alta
 Alta   Pesante  Moderato
Agonistica 5 sett.  Moderata  Breve   Pesante  Basso

 

 A questi periodi si può inserire il periodo di TRANSIZIONE, che può essere inserito a fine stagione / inizio stagione. Si ricorda che questo schema è relativo ad un generico ciclo di programmazione annuale, come già specificato l’allenamento per essere più efficace possibile deve essere PERSONALIZZATO, quindi per alcuni atleti  si possono avere alcuni cicli ripetuti durante la stagione. Nel prossimo articolo si analizzaranno le vaire fasi della periodizzazione annuale.

By
@novellimarco
backtotop