Mute Triathlon

Ad Alanya torna a splendere l’azzurro grazie a Fabian.

Ad Alanya torna a splendere l'azzurro grazie a Fabian.

Dopo una prima giornata negativa ad Alanya si è chiusa la due giorni di Coppa del Mondo con buoni risultati per gli azzurri.

La gara è partita con un cambio di programmi, una violenta tempesta si è infatti abbattuta sulla città turca, distruggendo il pontone di partenza e costringendo gli organizzatori a far partire gli atleti dalla spiaggia.

La prima frazione non ha fatto praticamente selezione con un lungo serpentone di atleti che è usctio dall’acqua e si è poi ricompattato durante la frazione ciclisitica, con i nostri Fabian, De Palma, Facchinetti, Secchiero e Barnaby davanti. Si arriva in T2 quindi con un gruppone di atleti al comando con tutti i favoriti pronti a giocarsi la vittoria negli ultimi 10 km finali.

Il nostro Alessandro Fabian comanda a lungo le operazioni rimanendo sempre davanti a dettare il ritmo, ma nel finale il vecchio leone svizzero Riederer fa valere la sua esperienza e piazza la zampata vincente. Per il nostro portacolori un ottimo 2° posto che fa ben sperare in vista del finale di stagione. Chiude il podio lo spagnolo Castro, che dopo la vittoria nell’ultima tappa della Bundersliga piazza un altro risultato di prestigio.

Per quanto riguarda gli altri azzurri chiude la top 10 il poliziotto Andrea Secchiero, precedendo di soli 7″ Luca Facchinetto che chiude 14°. Cede nel finale Riccardo De Palma che chiude  43°, mentre Gregory Barnaby è costretto al ritiro, probabilmente non ha ancora smaltito i postumi della caduta di Sapri.

Un ottimo successo quindi per il veterano svizzero che se fosse stato in Italia sarebbe stato “rottamato” in quando over 30 (vedi Hofer). Forse sarebbe il caso di guardare alle altre nazioni non solo in alcuni aspetti, visto che i nostri risultati sono di gran lunga inferiori ai loro.

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

Ad Alanya torna a splendere l’azzurro grazie a Fabian.

29th settembre, 2014

Ad Alanya torna a splendere l'azzurro grazie a Fabian.

Dopo una prima giornata negativa ad Alanya si è chiusa la due giorni di Coppa del Mondo con buoni risultati per gli azzurri.

La gara è partita con un cambio di programmi, una violenta tempesta si è infatti abbattuta sulla città turca, distruggendo il pontone di partenza e costringendo gli organizzatori a far partire gli atleti dalla spiaggia.

La prima frazione non ha fatto praticamente selezione con un lungo serpentone di atleti che è usctio dall’acqua e si è poi ricompattato durante la frazione ciclisitica, con i nostri Fabian, De Palma, Facchinetti, Secchiero e Barnaby davanti. Si arriva in T2 quindi con un gruppone di atleti al comando con tutti i favoriti pronti a giocarsi la vittoria negli ultimi 10 km finali.

Il nostro Alessandro Fabian comanda a lungo le operazioni rimanendo sempre davanti a dettare il ritmo, ma nel finale il vecchio leone svizzero Riederer fa valere la sua esperienza e piazza la zampata vincente. Per il nostro portacolori un ottimo 2° posto che fa ben sperare in vista del finale di stagione. Chiude il podio lo spagnolo Castro, che dopo la vittoria nell’ultima tappa della Bundersliga piazza un altro risultato di prestigio.

Per quanto riguarda gli altri azzurri chiude la top 10 il poliziotto Andrea Secchiero, precedendo di soli 7″ Luca Facchinetto che chiude 14°. Cede nel finale Riccardo De Palma che chiude  43°, mentre Gregory Barnaby è costretto al ritiro, probabilmente non ha ancora smaltito i postumi della caduta di Sapri.

Un ottimo successo quindi per il veterano svizzero che se fosse stato in Italia sarebbe stato “rottamato” in quando over 30 (vedi Hofer). Forse sarebbe il caso di guardare alle altre nazioni non solo in alcuni aspetti, visto che i nostri risultati sono di gran lunga inferiori ai loro.

By
@novellimarco
backtotop