Mute Triathlon

A Stoccolma è sempre Brownlee a dettare legge. Bene gli azzurri

La gara di Stoccolma è stata tirata dall’inizio alla fine, con il solito Varga che ha preso il comando delle operazioni nel nuoto, marcato stretto dal nostro Fabian. All’uscita dall’acqua sono in 11 a scappare, la sorpresa è che Gomez è nel gruppo degli inseguitori. Davanti si va forte, solo nell’ultimo dei 5 giri in bici sotto la spinta di Gemmel il gruppo degli inseguiori riesce ad arrivare sotto al gruppo dei fuggitivi. Partenza a razzo per Jonathan Brownlee e Bryukhankov, ma al km 2 circa il russo deve tornare indietro per aver sbagliato strada, mentre Brownlee tira dritto. Dietro Gomez è una furia, recupera terreno e si lancia all’inseguimento dell’inglese. Jonathan tiene duro e trionfa in 54’21”, dietro di lui un grande Gomez (che nell’intervista post gara dice che non si possono regalare anche solo 6″- 8″ in Z.C. a Brownlee se lo si vuole battere). Volata per il 3° posto con il giovane francese Luis al suo primo podio “mondiale”, precedendo l’altro ottimo giovane spagnolo Alarza e il russo Bryukhankov. Ottima prova per Alessandro Fabian che si conferma al vertice della disciplina chiudendo 8° a poco più di 50″ dalla vetta , così come grande prestazione per Uccellari che chiude 19° a poco più di 1’20” con una frazione finale strepitosa.
La gara che inizialmente era in calendario come Campionato del Mondo di triathlon sprint in realtà è stata valida solo come tappa della Wolrd Championchips Series. Fra poco partirà la gara donne

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altre Notizie

A Stoccolma è sempre Brownlee a dettare legge. Bene gli azzurri

25th agosto, 2012

La gara di Stoccolma è stata tirata dall’inizio alla fine, con il solito Varga che ha preso il comando delle operazioni nel nuoto, marcato stretto dal nostro Fabian. All’uscita dall’acqua sono in 11 a scappare, la sorpresa è che Gomez è nel gruppo degli inseguitori. Davanti si va forte, solo nell’ultimo dei 5 giri in bici sotto la spinta di Gemmel il gruppo degli inseguiori riesce ad arrivare sotto al gruppo dei fuggitivi. Partenza a razzo per Jonathan Brownlee e Bryukhankov, ma al km 2 circa il russo deve tornare indietro per aver sbagliato strada, mentre Brownlee tira dritto. Dietro Gomez è una furia, recupera terreno e si lancia all’inseguimento dell’inglese. Jonathan tiene duro e trionfa in 54’21”, dietro di lui un grande Gomez (che nell’intervista post gara dice che non si possono regalare anche solo 6″- 8″ in Z.C. a Brownlee se lo si vuole battere). Volata per il 3° posto con il giovane francese Luis al suo primo podio “mondiale”, precedendo l’altro ottimo giovane spagnolo Alarza e il russo Bryukhankov. Ottima prova per Alessandro Fabian che si conferma al vertice della disciplina chiudendo 8° a poco più di 50″ dalla vetta , così come grande prestazione per Uccellari che chiude 19° a poco più di 1’20” con una frazione finale strepitosa.
La gara che inizialmente era in calendario come Campionato del Mondo di triathlon sprint in realtà è stata valida solo come tappa della Wolrd Championchips Series. Fra poco partirà la gara donne

By
@novellimarco
backtotop