Mute Triathlon

WTS Leeds: Betto podio storico, fratelli Brownlee extraterrestri

2 Flares Filament.io 2 Flares ×
Brownlee show a Leeds

Brownlee show a Leeds

 

L’edizione 2017 della WTS di Leeds sarà ricordata a lungo in Italia per il primo podio per i colori azzurri nella WTS da quando è stato introdotto questo circuito nella ITU. L’ultimo risultato storico risaliva al lontano 2013, quando Beatrice Lanza conquistò il 2° posto nella tappa giapponese della World Cup ( il massimo circuito mondiale della ITU in quell’epoca) a Ishigaky .

A mettersi al collo il bronzo è stata Alice Betto, brava a rimanere incollata alla fuoriclasse Duffy nelle prime due frazioni insieme all’americana Spivey e alla olandese Kingma e poi contenere il ritorno alle sue spalle della leader del circuito mondiale, l’americana Kasper. Arrivo in lacrime (di felicità) per la portacolori delle Fiamme Oro che raccoglie un risultato che fa ben sperare per il futuro, per centrare finalmente quella qualificazione olimpica che le è sfuggita negli ultimi due quadrienni.

Nella gara maschile i padroni di casa i fratelli Brownlee hanno regalato al numerosissimo pubblico presente uno spettacolo incredibile, confezionando una fuga in bici stratosferica. Nel dopo gara Alistair ha rivelato che il fratello Jonathan, quando erano rimasti da soli in testa alla gara con soli 5″ di vantaggio sul gruppo, gli aveva consigliato di fermarsi e di farsi raggiungere, ma lui stesso ha spronato il fratello minore a non demordere nell’azione di attacco. Il loro vantaggio in T2 è  salito sino ad oltre 1′ e nella frazione finale hanno proceduto spalla a spalla sino a -3 km dall’arrivo, quando Alistair ha piazzato l’allungo decisivo e conquistato la vittoria davanti al fratello Jonathan, mentre al terzo posto ha chiuso il nuovo leader del circuito WTS, lo spagnolo Alarza, che ha così impedito agli inglesi di monopolizzare il podio (4 nei primi 5).

Il risultato della Betto è l’unica gioia in una giornata disastrosa per i colori azzurri, con Mazzetti ritirata nella frazione in bici quando era oramai vicina al doppiaggio, Steinwandter è stato invece doppiato nella frazione finale ed è riuscito a non chiudere in ultima posizione solo con una discreta corsa finale (39° su 41 a 9’15” dal vincitore), mentre l’altro azzurro Barnaby chiude lontanissimo , 32° a 6’40”.

Questa sera sulla pagina Facebook di Triathlonmania parleremo in diretta di questa gara e in particolare della situazione azzurra in campo internazionale

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

WTS Leeds: Betto podio storico, fratelli Brownlee extraterrestri

12th giugno, 2017
2 Flares Filament.io 2 Flares ×
Brownlee show a Leeds

Brownlee show a Leeds

 

L’edizione 2017 della WTS di Leeds sarà ricordata a lungo in Italia per il primo podio per i colori azzurri nella WTS da quando è stato introdotto questo circuito nella ITU. L’ultimo risultato storico risaliva al lontano 2013, quando Beatrice Lanza conquistò il 2° posto nella tappa giapponese della World Cup ( il massimo circuito mondiale della ITU in quell’epoca) a Ishigaky .

A mettersi al collo il bronzo è stata Alice Betto, brava a rimanere incollata alla fuoriclasse Duffy nelle prime due frazioni insieme all’americana Spivey e alla olandese Kingma e poi contenere il ritorno alle sue spalle della leader del circuito mondiale, l’americana Kasper. Arrivo in lacrime (di felicità) per la portacolori delle Fiamme Oro che raccoglie un risultato che fa ben sperare per il futuro, per centrare finalmente quella qualificazione olimpica che le è sfuggita negli ultimi due quadrienni.

Nella gara maschile i padroni di casa i fratelli Brownlee hanno regalato al numerosissimo pubblico presente uno spettacolo incredibile, confezionando una fuga in bici stratosferica. Nel dopo gara Alistair ha rivelato che il fratello Jonathan, quando erano rimasti da soli in testa alla gara con soli 5″ di vantaggio sul gruppo, gli aveva consigliato di fermarsi e di farsi raggiungere, ma lui stesso ha spronato il fratello minore a non demordere nell’azione di attacco. Il loro vantaggio in T2 è  salito sino ad oltre 1′ e nella frazione finale hanno proceduto spalla a spalla sino a -3 km dall’arrivo, quando Alistair ha piazzato l’allungo decisivo e conquistato la vittoria davanti al fratello Jonathan, mentre al terzo posto ha chiuso il nuovo leader del circuito WTS, lo spagnolo Alarza, che ha così impedito agli inglesi di monopolizzare il podio (4 nei primi 5).

Il risultato della Betto è l’unica gioia in una giornata disastrosa per i colori azzurri, con Mazzetti ritirata nella frazione in bici quando era oramai vicina al doppiaggio, Steinwandter è stato invece doppiato nella frazione finale ed è riuscito a non chiudere in ultima posizione solo con una discreta corsa finale (39° su 41 a 9’15” dal vincitore), mentre l’altro azzurro Barnaby chiude lontanissimo , 32° a 6’40”.

Questa sera sulla pagina Facebook di Triathlonmania parleremo in diretta di questa gara e in particolare della situazione azzurra in campo internazionale

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
By
@novellimarco
2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
backtotop