Mute Triathlon

WTS Edmonton: conferma Brownlee, sorpresa Cook

2 Flares Filament.io 2 Flares ×
Podio donne WTS Edmonton 2016

Podio donne WTS Edmonton 2016

La WTS di Edmonton in campo maschile ha confermato nuovamente come siano “noiose” le gare quando corre anche uno solo dei fratelli Brownlee, così come sono entusiasmanti le gare al femminile quando non c’è la regina Jorgensen.

Tra gli uomini partenza a razzo per il solito Varga , che domina la prima frazione , entrando in T1 con circa una decina di secondi di vantaggio sul vice campione olimpico Jonathan Brownlee e l’australiano Royle. I tre partono subito in fuga nella frazione ciclistica, accumulando oltre 30″ di vantaggio nei primi 10 km. Lo spagnolo Mola riesce a rientrare sul gruppo degli inseguitori che, sotto la spinta del sudafricano Murray, riesce ad entrare in T2 con circa 12″ di ritardo dei tre fuggitivi. Nell’ultima frazione Varga e Royle crollano, Jonathan Brownlee dimostra ancora una volta di essere un fenomeno, facendo segnare il miglior parziale negli ultimi 5 km e portando a casa una vittoria preziosa per la classifica finale della WTS. Alle sue spalle la lotta tra Murray e Mola si decide praticamente in volata, con lo spagnolo che riesce a conquistare la seconda posizione a 17″ dall’inglese.

Tra le donne , assente la campionessa olimpica Jorgensen, pronostico incerto e gara spettacolare. Il nuoto non ha fatto particolare selezione , ma ha permesso ad un gruppetto di 9 atlete di prendere la testa della gara. Sotto la spinta della Duffy il vantaggio delle leaders sulle inseguitrici  in T2 raggiunge i trenta secondi. Quando si pensava alla vittoria della rappresentante delle Bermuda, prende la testa della gara l’americana True, mentre dal gruppo delle inseguitrici risale prepotentemente l’inglese Holland. Il finale di gare è emozionante, con l’americana Cook (che ha pedalato con pantaloni lunghi e maniche lunghe) che recupera dopo una T2 disastrosa e prende la testa della gara , la Duffy viene superata dall’altra alteta a “stelle e strisce” Zaferes, mentre la Holland continua a recuperare terreno. Sotto lo striscione d’arrivo è tripletta per gli USA, con la prima vittoria in WTS per la felicissima Cook, True chiude 2° davanti alla Zaferese, mentre la Duffy riesce a terminare al 4° posto resistendo al recupero della Holland (5°). Da segnalare la presenza di ben 6 atlete americane nelle prime 14 posizioni.

Ad Edmonton non era presenta alcun atleta azzurro, da segnalare il 42° posto tra gli uomini per Rodolphe Von Berg, che ha vestito i colori azzurri in passato mentre ora corre sotto la bandiera degli USA.

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

WTS Edmonton: conferma Brownlee, sorpresa Cook

6th settembre, 2016
2 Flares Filament.io 2 Flares ×
Podio donne WTS Edmonton 2016

Podio donne WTS Edmonton 2016

La WTS di Edmonton in campo maschile ha confermato nuovamente come siano “noiose” le gare quando corre anche uno solo dei fratelli Brownlee, così come sono entusiasmanti le gare al femminile quando non c’è la regina Jorgensen.

Tra gli uomini partenza a razzo per il solito Varga , che domina la prima frazione , entrando in T1 con circa una decina di secondi di vantaggio sul vice campione olimpico Jonathan Brownlee e l’australiano Royle. I tre partono subito in fuga nella frazione ciclistica, accumulando oltre 30″ di vantaggio nei primi 10 km. Lo spagnolo Mola riesce a rientrare sul gruppo degli inseguitori che, sotto la spinta del sudafricano Murray, riesce ad entrare in T2 con circa 12″ di ritardo dei tre fuggitivi. Nell’ultima frazione Varga e Royle crollano, Jonathan Brownlee dimostra ancora una volta di essere un fenomeno, facendo segnare il miglior parziale negli ultimi 5 km e portando a casa una vittoria preziosa per la classifica finale della WTS. Alle sue spalle la lotta tra Murray e Mola si decide praticamente in volata, con lo spagnolo che riesce a conquistare la seconda posizione a 17″ dall’inglese.

Tra le donne , assente la campionessa olimpica Jorgensen, pronostico incerto e gara spettacolare. Il nuoto non ha fatto particolare selezione , ma ha permesso ad un gruppetto di 9 atlete di prendere la testa della gara. Sotto la spinta della Duffy il vantaggio delle leaders sulle inseguitrici  in T2 raggiunge i trenta secondi. Quando si pensava alla vittoria della rappresentante delle Bermuda, prende la testa della gara l’americana True, mentre dal gruppo delle inseguitrici risale prepotentemente l’inglese Holland. Il finale di gare è emozionante, con l’americana Cook (che ha pedalato con pantaloni lunghi e maniche lunghe) che recupera dopo una T2 disastrosa e prende la testa della gara , la Duffy viene superata dall’altra alteta a “stelle e strisce” Zaferes, mentre la Holland continua a recuperare terreno. Sotto lo striscione d’arrivo è tripletta per gli USA, con la prima vittoria in WTS per la felicissima Cook, True chiude 2° davanti alla Zaferese, mentre la Duffy riesce a terminare al 4° posto resistendo al recupero della Holland (5°). Da segnalare la presenza di ben 6 atlete americane nelle prime 14 posizioni.

Ad Edmonton non era presenta alcun atleta azzurro, da segnalare il 42° posto tra gli uomini per Rodolphe Von Berg, che ha vestito i colori azzurri in passato mentre ora corre sotto la bandiera degli USA.

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
By
@novellimarco
2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
backtotop