Mute Triathlon

Un caso di positività riscontrato a Kona 2014.

87 Flares Filament.io 87 Flares ×

Doping a Kona

Giunge dal Brasile la notizia di un caso di positività all’ Eritropoetina (EPO) della triathleta carioca Silvia Fusco. La stessa triathleta (migliore Age Group nell’ Ironman Florianopolis 2014) ha spiegato le sue ragioni in una lettera inviata alla WTC e pubblicata da Mundo TRri. Eccone alcuni stralci.

“….. ho comunicato direttamente alla WTC via  lettera quello che è successo, prima ancora che  loro mi contattassero telefonicamente .
….Ho fatto una sciocchezza , ero disperata , volevo resistere per dimostrare ché il mio medico  che mi ha detto due settimane prima della gara che avrei dovuto desistere per via dei tanti infortuni e la perdita di condizione  dopo l’Ironman Brasile ……antidolorifici  e l’ormone per  queste ultime due settimane prima del viaggio e  poter sopportare per arrivare alla fine dell’ Ironman. Non volevo fare le prestazione, se non altro perché sarebbe stato impossibile nello stato in cui ero. Volevo solo finire la gara. La mia condizione fisica era molto inferiore al normale.
..So che stavo facendo un errore, senza dimensioni. Mi rimprovero di non aver avuto molta testa.
Voglio chiarire che ho preso la decisione e ho fatto tutto da sola. Il mio ex allenatore non ha poteva nemmeno sognarselo.

Prendo atto del mio errore e sconterò tutta  la pena . E ‘triste vedere come oltre 20 anni di Triathlon siano ora giudicati da un errore da bambino che ho fatto, perché non riuscivo a gestire le mie ferite infinite e la frustrazione di non essere in grado di dimostrare il mio valore.

Da quando ho smesso professionalmente (alcune persone sanno cosa significa) ho dovuto fare un trattamento psichiatrico costoso per far fronte alla diminuzione del volume  di allenamento…….. ho ricevuto nel 2011 la diagnosi di disturbo ossessivo-compulsivo per il condizionamento fisico. E ‘stato un grande fallimento. Kona era un sogno e ha tagliato il traguardoMi  riprenderò con l’aiuto di amici e familiari.
Il contenuto di questa lettera è esattamente lo stesso  di quella fatta recapitare alla WTC,  a Kate Mittelstadt, che è una persona spettacolare e si prende cura del mio processoE’ stato  estremamente umano con me. Ha pubblicare la mia lettera sul sito  WTC.
Ringrazio MundoTRI l’opportunità di esporre ciò che è realmente accaduto. Chiedo scusa a tutti.

LETTERA INTEGRALE

87 Flares Twitter 0 Facebook 84 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 87 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Un caso di positività riscontrato a Kona 2014.

13th gennaio, 2015
87 Flares Filament.io 87 Flares ×

Doping a Kona

Giunge dal Brasile la notizia di un caso di positività all’ Eritropoetina (EPO) della triathleta carioca Silvia Fusco. La stessa triathleta (migliore Age Group nell’ Ironman Florianopolis 2014) ha spiegato le sue ragioni in una lettera inviata alla WTC e pubblicata da Mundo TRri. Eccone alcuni stralci.

“….. ho comunicato direttamente alla WTC via  lettera quello che è successo, prima ancora che  loro mi contattassero telefonicamente .
….Ho fatto una sciocchezza , ero disperata , volevo resistere per dimostrare ché il mio medico  che mi ha detto due settimane prima della gara che avrei dovuto desistere per via dei tanti infortuni e la perdita di condizione  dopo l’Ironman Brasile ……antidolorifici  e l’ormone per  queste ultime due settimane prima del viaggio e  poter sopportare per arrivare alla fine dell’ Ironman. Non volevo fare le prestazione, se non altro perché sarebbe stato impossibile nello stato in cui ero. Volevo solo finire la gara. La mia condizione fisica era molto inferiore al normale.
..So che stavo facendo un errore, senza dimensioni. Mi rimprovero di non aver avuto molta testa.
Voglio chiarire che ho preso la decisione e ho fatto tutto da sola. Il mio ex allenatore non ha poteva nemmeno sognarselo.

Prendo atto del mio errore e sconterò tutta  la pena . E ‘triste vedere come oltre 20 anni di Triathlon siano ora giudicati da un errore da bambino che ho fatto, perché non riuscivo a gestire le mie ferite infinite e la frustrazione di non essere in grado di dimostrare il mio valore.

Da quando ho smesso professionalmente (alcune persone sanno cosa significa) ho dovuto fare un trattamento psichiatrico costoso per far fronte alla diminuzione del volume  di allenamento…….. ho ricevuto nel 2011 la diagnosi di disturbo ossessivo-compulsivo per il condizionamento fisico. E ‘stato un grande fallimento. Kona era un sogno e ha tagliato il traguardoMi  riprenderò con l’aiuto di amici e familiari.
Il contenuto di questa lettera è esattamente lo stesso  di quella fatta recapitare alla WTC,  a Kate Mittelstadt, che è una persona spettacolare e si prende cura del mio processoE’ stato  estremamente umano con me. Ha pubblicare la mia lettera sul sito  WTC.
Ringrazio MundoTRI l’opportunità di esporre ciò che è realmente accaduto. Chiedo scusa a tutti.

LETTERA INTEGRALE

87 Flares Twitter 0 Facebook 84 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 87 Flares ×
By
@novellimarco
87 Flares Twitter 0 Facebook 84 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 87 Flares ×
backtotop