Mute Triathlon

Uccio super in Ungheria. La Olmo si impone tra le “seconde linee” a Riga

43 Flares Filament.io 43 Flares ×

Uccio super in Ungheria. La Olmo si impone tra le "seconde linee" a Riga

Si sono corse questo week end a Tiszaujvaros e a Riga rispettivamente una tappa della Coppa del Mondo più una  Junior EuropeanCup e una  European Cup.

In Ungheria dopo le buone prove di qualificazione del Sabato, tra gli Junior il bottino non è stato ricchissimo , con il solo Corrà (Minerva Roma) che riesce a centrare un buon 5° posto assoluto , mentre più indietro  gli altri, Pesavento (Padovanuoto) autore del secondo parziale assoluto a piedi chiude a ridosso della top 10 (11°), Sosniok (Alta Pusteria)  chiude 19°, entrambi hanno corso nella categoria superiore (sono Youth B). Squalificato Nicola Azzano (Cus Udine)  Tra le donne decisamente indietro le azzurrine con la migliore al traguardo Cecilia D’Aniello (TD Rimini che chiude 17° mentre la compagna di club  Sara Moretti è 28°.

Tra gli elite in campo maschile gara tiratissima, con lo slovacco Varga che spinge sull’acceleratore nella prima frazione  e complice il percorso di nuoto (3 giri per 750m) riesce a creare una piccola selezione con tutti i nostri a dover inseguire. Il ricongiungimento con i fuggitivi avviene nel finale della seconda frazione, con gli azzurri nel primo gruppo a giocarsi la vittoria. La gara si decide proprio nel finale con una volatona a cinque con Davide Uccellari (Fiamme Azzurre) che deve accontentarsi del 4° posto bruciando l’altro azzurro Alessandro Fabian (C.S. Carabinieri) che chiude 5°. Gli altri azzurri hanno chiuso fuori dalla top 10 con  Luca Facchinetti (TTRavenna) 13°, Delian Stateff (Minerva Roma) 16°, Andrea Secchiero (Fiamme Oro) 24°, Matthias Steinwandter (C.S. Carabinieri ) 28°, Andrea De Ponti (Friesian) 29°. Da segnalare come la gara sia stata serratissima, con i primi 10 atleti racchiusi in soli 20″, e 22 atleti racchiusi in 1′ . Nota di merito per l’irlandese Murphy, a  podio nell’ultima edizione di Bardolino, che ha corso nonostante i medici gli avessero sconsigliato di prendere il via a seguito di una copiosa perdita di sangue, che ha comunque chiuso al 19° posto.

Tra le donne solito copione in acqua con la brasiliana Oliveira a guidare le danze seguita dalla spagnola Routier e dalla padrona di casa Vanek. In bici va via una fuga con le nostre Peron (Fiamme Oro) e Bonin (Fiamme Azzurre) , con la Mazzetti (Fiamme Oro) già attardata nel nuoto che si ritira nella seconda frazione. Nell’ultima frazione si difende bene la Peron  che riesce a chiudere in 7° posizione e prima delle italiane davanti a Charlotte Bonin che chiude 10°.

A Riga, vista la concomitanza con la Coppa del Mondo in Ungheria , sono scese in campo le “seconde linee” delle varie nazioni, con un livello decisamente abbordabile per i nostri.

In campo femminile solo 23 al via , con nessuna atleta con rank nella  WTS al via, la migliore , la  trentaquattrenne russa Abysova si trova al numero 72 del rank Itu point, la sudafricana Van Der Maerwe, seconda classificata a fine gara , nel 2014 ha preso parte alla wts di Cape Town uscendo quart’ultima dall’acqua e non terminando la gara , nel 2013 non ha praticamente gareggiato a livello internazionale mentre nel 2012 nella sua unica apparizione nella Dextro ad Amburgo è uscita ultima dall’acqua e non ha concluso la prova.

Via libera quindi all’azzurra Olmo che nonostante gareggiasse nella categoria superiore (è Junior) ha portato a casa la vittoria, mentre le altre azzurre chiudono fuori dal podio con Sara Dossena (Trisports.it) 6°, Giulia Sforza (Azzurra Triathlon Team) 7° e Veronica Signorini (Tri Cremona Stradivari) 10°

43 Flares Twitter 0 Facebook 42 Pin It Share 0 Google+ 1 Filament.io 43 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Uccio super in Ungheria. La Olmo si impone tra le “seconde linee” a Riga

11th agosto, 2014
43 Flares Filament.io 43 Flares ×

Uccio super in Ungheria. La Olmo si impone tra le "seconde linee" a Riga

Si sono corse questo week end a Tiszaujvaros e a Riga rispettivamente una tappa della Coppa del Mondo più una  Junior EuropeanCup e una  European Cup.

In Ungheria dopo le buone prove di qualificazione del Sabato, tra gli Junior il bottino non è stato ricchissimo , con il solo Corrà (Minerva Roma) che riesce a centrare un buon 5° posto assoluto , mentre più indietro  gli altri, Pesavento (Padovanuoto) autore del secondo parziale assoluto a piedi chiude a ridosso della top 10 (11°), Sosniok (Alta Pusteria)  chiude 19°, entrambi hanno corso nella categoria superiore (sono Youth B). Squalificato Nicola Azzano (Cus Udine)  Tra le donne decisamente indietro le azzurrine con la migliore al traguardo Cecilia D’Aniello (TD Rimini che chiude 17° mentre la compagna di club  Sara Moretti è 28°.

Tra gli elite in campo maschile gara tiratissima, con lo slovacco Varga che spinge sull’acceleratore nella prima frazione  e complice il percorso di nuoto (3 giri per 750m) riesce a creare una piccola selezione con tutti i nostri a dover inseguire. Il ricongiungimento con i fuggitivi avviene nel finale della seconda frazione, con gli azzurri nel primo gruppo a giocarsi la vittoria. La gara si decide proprio nel finale con una volatona a cinque con Davide Uccellari (Fiamme Azzurre) che deve accontentarsi del 4° posto bruciando l’altro azzurro Alessandro Fabian (C.S. Carabinieri) che chiude 5°. Gli altri azzurri hanno chiuso fuori dalla top 10 con  Luca Facchinetti (TTRavenna) 13°, Delian Stateff (Minerva Roma) 16°, Andrea Secchiero (Fiamme Oro) 24°, Matthias Steinwandter (C.S. Carabinieri ) 28°, Andrea De Ponti (Friesian) 29°. Da segnalare come la gara sia stata serratissima, con i primi 10 atleti racchiusi in soli 20″, e 22 atleti racchiusi in 1′ . Nota di merito per l’irlandese Murphy, a  podio nell’ultima edizione di Bardolino, che ha corso nonostante i medici gli avessero sconsigliato di prendere il via a seguito di una copiosa perdita di sangue, che ha comunque chiuso al 19° posto.

Tra le donne solito copione in acqua con la brasiliana Oliveira a guidare le danze seguita dalla spagnola Routier e dalla padrona di casa Vanek. In bici va via una fuga con le nostre Peron (Fiamme Oro) e Bonin (Fiamme Azzurre) , con la Mazzetti (Fiamme Oro) già attardata nel nuoto che si ritira nella seconda frazione. Nell’ultima frazione si difende bene la Peron  che riesce a chiudere in 7° posizione e prima delle italiane davanti a Charlotte Bonin che chiude 10°.

A Riga, vista la concomitanza con la Coppa del Mondo in Ungheria , sono scese in campo le “seconde linee” delle varie nazioni, con un livello decisamente abbordabile per i nostri.

In campo femminile solo 23 al via , con nessuna atleta con rank nella  WTS al via, la migliore , la  trentaquattrenne russa Abysova si trova al numero 72 del rank Itu point, la sudafricana Van Der Maerwe, seconda classificata a fine gara , nel 2014 ha preso parte alla wts di Cape Town uscendo quart’ultima dall’acqua e non terminando la gara , nel 2013 non ha praticamente gareggiato a livello internazionale mentre nel 2012 nella sua unica apparizione nella Dextro ad Amburgo è uscita ultima dall’acqua e non ha concluso la prova.

Via libera quindi all’azzurra Olmo che nonostante gareggiasse nella categoria superiore (è Junior) ha portato a casa la vittoria, mentre le altre azzurre chiudono fuori dal podio con Sara Dossena (Trisports.it) 6°, Giulia Sforza (Azzurra Triathlon Team) 7° e Veronica Signorini (Tri Cremona Stradivari) 10°

43 Flares Twitter 0 Facebook 42 Pin It Share 0 Google+ 1 Filament.io 43 Flares ×
By
@novellimarco
43 Flares Twitter 0 Facebook 42 Pin It Share 0 Google+ 1 Filament.io 43 Flares ×
backtotop