Mute Triathlon

Successo e spettacolo per la due giorni giovanile di Acqui Terme

59 Flares Filament.io 59 Flares ×

E’ stata una due giorni entusiasmante con molti spunti tecnici di interesse quella che ha assegnato ad Acqui Terme i titoli italiani individuali e a squadre di duathlon nelle categorie giovani.
La prima giornata ha assegnato i titoli individuali con gli Youth A che hanno aperto le danze. In campo maschile l’atteso testa a testa tra i favoriti Thomas Bertrandi (Torino Tri) e Samuele Angelini (Spezia Tri) ha regalato spettacolo con lo spezino che ha attaccato per primo la frazione podistica finale, con pochissimi secondi di vantaggio sull’atleta piemontese che però con una strepitosa frazione finale porta a casa il suo primo titolo tricolore, medaglia di argento per Angelini e bronzo per Nicolò Ragazzo (Padovanuoto) che dopo aver condotto la gara nel gruppo di testa nella prima frazione, ha perso la ruota dei due fuggitivi durante le fasi iniziali della frazione ciclistica. Tra le donne un gruppetto di atlete prende subito la testa , con la padrona di casa Irene Chiodo (As Virtus) a marcare il ritmo nel primo dei due giri della frazione podistica iniziale, ma all’ingresso in T1 sono le favorite Missaglia (Cus Pro Patria MI), D’Antino (Cremona Stradivari), Crestani (Marostica), Romano (Gr Sport Insieme) insieme a Mallozzi (Minerva)  a prendere la testa della gara , con la Chiodo che perde subito terreno sulle due ruote. Da dietro rientra prepotentemente la Repetto (As Virtus) , quindi in sei si presentano in T2 per giocarsi la vittoria. La Missaglia tarda nell’indossare le scarpe e parte per ultima con distacco per l’ultima frazione. La vittoria si decide in volata con la Crestani che ha la meglio sulla D’Antino , mentre conquista il podio anche l’ottima Mallozzi.
Sono partiti poi gli Junior sulla distanza sprint , anche qui un padrone di casa , Alberto Chiodo (A.s. Virtus) marca il ritmo, ma ben presto prende in mano la situazione Riccardo Salvino (Minerva Roma) che impone un ritmo indiavolato che solo il suo compagno di squadra Marco Corrà riesce a tenere. Dietro Chiodo insegue con Riky Natari (Piacenza Vivo), Ugazio (Azzurra Triathlon Team) e Carlino (Cremona Stradivari). In bici le posizioni rimangono invariate ma verso la fine della frazione una caduta toglie praticamente di scena lo sfortunato Natari , uno dei favoriti della vigilia che perde diversi minuti e giunge in T2 malconcio. Corrà è il più lesto in T2 non cambiando le scarpe , Salvino attacca gli ultimi 2.5 km determinato a portare a casa il titolo.  La rincorsa del romano viene premiata e Salvino si presenta sul rettilineo d’arrivo in solitaria riconquistando il titolo tricolore che gli mancava da 3 anni! Corrà chiude in seconda posizione mentre per il terzo posto il duello Chiodo / Ugazio si risolve sulla finish line a favore dell’atleta della Virtus, ma al momento dello scatto vincente taglia il percorso e viene quindi squalificato, consegnando quindi la medaglia di bronzo a Ugazio.
La gara femminile è stata quella meno combattuta, la superiorità della Olmo (Pianeta Acqua) è troppo netta per aspettarsi sorprese, infatti la giovane lombarda domina la gara dal primo all’ultimo metro, lasciando le avversarie a notevole distanze. Le inseguitrici Parodi (As Virtus), Tamburri (Minerva Roma) e Iogna – Prat (Td Rimini)  vengono riprese in bici da Massano (As Virtus), Saltarelli (Piacenza Vivo) e Invernizzi (DDS) , quindi in T2 si presentano in 5 a giocarsi gli ultimi due gradini del podio. Con una superba frazione finale la Iogna – Prat conquista il secondo posto mentre al terzo l’ottima Tamburri, mentre delusione per i fan locali che si aspettavano la Parodi sul podio.
Hanno chiuso la giornata gli Youth B , con gare tiratissime. In campo maschile il giovane Pesavento (Padovanuoto) mette subito le cse in chiaro e con una mostruosa frazione podistica distacca tutti i suoi rivali che però si organizzano in bici  e sotto la spinta di Micotti (Azzurra Triathlon Team) riprendono il fuggitivo. In T2 si presentano quindi in 8 per giocarsi la vittoria, con Pesavento, Micotti, Vergallitto (Cus Pro Patria MI), Gala (Minerva Roma), Sosniok (Alta Pusteria), Azzano (Cus Udine), Spinazzè (Silca) e Soldati (Td Rimini). Come nella prima frazione Pesavento mette le ali ai piedi e si invola solitario verso la vittoria, mentre dietro è  Spinazzè a spuntarla su Azzano, mentre Micotti è quarto.
In campo femminile la grande subito in quattro a marcare il ritmo, con D’Aniello (Td Rimini), Taverna (Friesian), Contu (Valle D’Aosta) e la favorita Pozzuoli (Minerva Roma). Le posizioni non cambiano fino all’ingresso in T2 dove la D’Aniello tarda un po’ in T2, mentre la Contu e la Pozzuoli iniziano un testa a testa entusiasmante che premia la giovane atleta della Valle D’Aosta che precede la ottima romana , mentre la Taverna conquista un brillante terzo posto.
Sempre Sabato si sono corse anche le gare riservate ai Ragazzi, categoria affollatissima che ha visto la doppietta in campo maschile del Marostica con Merlo davanti a Spagnolo , con Cattabriga (Minerva Roma) al terzo posto, mentre tra le donne vittoria d’autorità della Terrinoni (New Gren Hill) sulla Pozzi (Friesian ) e Lobba (Marostica).
Domenica invece si sono assegnati i titoli a squadre con la formula staffetta mista 2+2, neanche a dirlo entrambe le vittorie sono andate alla Minerva Roma che negli Junior con Tamburri-Salvino-De Quarto- Corrà non lascia scampo ai rivali vincendo con circa 1’40” di vantaggio sulla sorprendente A.s. Virtus con Parodi – Chiodo – Massano – Timossi che  riesce a staccare il Piacenza Vivo con Saltarelli-Natari-Molinari-Bertoncini nelle ultime due frazioni , mentre tra gli Youth deve faticare un po’ di più ma porta a casa la vittoria con Pozzuoli-Gala-Mallozzi-Cattabriga che superano in ultima frazione il Cus Pro Patria MI con Bonaccina-Vergallitto-Missaglia-Sesana, mentre per il terzo gradino del podio la spunta sul quartetto del Marostica formato da Crestani-Toneatti-Merlo-Lazzaretto.

59 Flares Twitter 1 Facebook 56 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 59 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Successo e spettacolo per la due giorni giovanile di Acqui Terme

28th aprile, 2014
59 Flares Filament.io 59 Flares ×

E’ stata una due giorni entusiasmante con molti spunti tecnici di interesse quella che ha assegnato ad Acqui Terme i titoli italiani individuali e a squadre di duathlon nelle categorie giovani.
La prima giornata ha assegnato i titoli individuali con gli Youth A che hanno aperto le danze. In campo maschile l’atteso testa a testa tra i favoriti Thomas Bertrandi (Torino Tri) e Samuele Angelini (Spezia Tri) ha regalato spettacolo con lo spezino che ha attaccato per primo la frazione podistica finale, con pochissimi secondi di vantaggio sull’atleta piemontese che però con una strepitosa frazione finale porta a casa il suo primo titolo tricolore, medaglia di argento per Angelini e bronzo per Nicolò Ragazzo (Padovanuoto) che dopo aver condotto la gara nel gruppo di testa nella prima frazione, ha perso la ruota dei due fuggitivi durante le fasi iniziali della frazione ciclistica. Tra le donne un gruppetto di atlete prende subito la testa , con la padrona di casa Irene Chiodo (As Virtus) a marcare il ritmo nel primo dei due giri della frazione podistica iniziale, ma all’ingresso in T1 sono le favorite Missaglia (Cus Pro Patria MI), D’Antino (Cremona Stradivari), Crestani (Marostica), Romano (Gr Sport Insieme) insieme a Mallozzi (Minerva)  a prendere la testa della gara , con la Chiodo che perde subito terreno sulle due ruote. Da dietro rientra prepotentemente la Repetto (As Virtus) , quindi in sei si presentano in T2 per giocarsi la vittoria. La Missaglia tarda nell’indossare le scarpe e parte per ultima con distacco per l’ultima frazione. La vittoria si decide in volata con la Crestani che ha la meglio sulla D’Antino , mentre conquista il podio anche l’ottima Mallozzi.
Sono partiti poi gli Junior sulla distanza sprint , anche qui un padrone di casa , Alberto Chiodo (A.s. Virtus) marca il ritmo, ma ben presto prende in mano la situazione Riccardo Salvino (Minerva Roma) che impone un ritmo indiavolato che solo il suo compagno di squadra Marco Corrà riesce a tenere. Dietro Chiodo insegue con Riky Natari (Piacenza Vivo), Ugazio (Azzurra Triathlon Team) e Carlino (Cremona Stradivari). In bici le posizioni rimangono invariate ma verso la fine della frazione una caduta toglie praticamente di scena lo sfortunato Natari , uno dei favoriti della vigilia che perde diversi minuti e giunge in T2 malconcio. Corrà è il più lesto in T2 non cambiando le scarpe , Salvino attacca gli ultimi 2.5 km determinato a portare a casa il titolo.  La rincorsa del romano viene premiata e Salvino si presenta sul rettilineo d’arrivo in solitaria riconquistando il titolo tricolore che gli mancava da 3 anni! Corrà chiude in seconda posizione mentre per il terzo posto il duello Chiodo / Ugazio si risolve sulla finish line a favore dell’atleta della Virtus, ma al momento dello scatto vincente taglia il percorso e viene quindi squalificato, consegnando quindi la medaglia di bronzo a Ugazio.
La gara femminile è stata quella meno combattuta, la superiorità della Olmo (Pianeta Acqua) è troppo netta per aspettarsi sorprese, infatti la giovane lombarda domina la gara dal primo all’ultimo metro, lasciando le avversarie a notevole distanze. Le inseguitrici Parodi (As Virtus), Tamburri (Minerva Roma) e Iogna – Prat (Td Rimini)  vengono riprese in bici da Massano (As Virtus), Saltarelli (Piacenza Vivo) e Invernizzi (DDS) , quindi in T2 si presentano in 5 a giocarsi gli ultimi due gradini del podio. Con una superba frazione finale la Iogna – Prat conquista il secondo posto mentre al terzo l’ottima Tamburri, mentre delusione per i fan locali che si aspettavano la Parodi sul podio.
Hanno chiuso la giornata gli Youth B , con gare tiratissime. In campo maschile il giovane Pesavento (Padovanuoto) mette subito le cse in chiaro e con una mostruosa frazione podistica distacca tutti i suoi rivali che però si organizzano in bici  e sotto la spinta di Micotti (Azzurra Triathlon Team) riprendono il fuggitivo. In T2 si presentano quindi in 8 per giocarsi la vittoria, con Pesavento, Micotti, Vergallitto (Cus Pro Patria MI), Gala (Minerva Roma), Sosniok (Alta Pusteria), Azzano (Cus Udine), Spinazzè (Silca) e Soldati (Td Rimini). Come nella prima frazione Pesavento mette le ali ai piedi e si invola solitario verso la vittoria, mentre dietro è  Spinazzè a spuntarla su Azzano, mentre Micotti è quarto.
In campo femminile la grande subito in quattro a marcare il ritmo, con D’Aniello (Td Rimini), Taverna (Friesian), Contu (Valle D’Aosta) e la favorita Pozzuoli (Minerva Roma). Le posizioni non cambiano fino all’ingresso in T2 dove la D’Aniello tarda un po’ in T2, mentre la Contu e la Pozzuoli iniziano un testa a testa entusiasmante che premia la giovane atleta della Valle D’Aosta che precede la ottima romana , mentre la Taverna conquista un brillante terzo posto.
Sempre Sabato si sono corse anche le gare riservate ai Ragazzi, categoria affollatissima che ha visto la doppietta in campo maschile del Marostica con Merlo davanti a Spagnolo , con Cattabriga (Minerva Roma) al terzo posto, mentre tra le donne vittoria d’autorità della Terrinoni (New Gren Hill) sulla Pozzi (Friesian ) e Lobba (Marostica).
Domenica invece si sono assegnati i titoli a squadre con la formula staffetta mista 2+2, neanche a dirlo entrambe le vittorie sono andate alla Minerva Roma che negli Junior con Tamburri-Salvino-De Quarto- Corrà non lascia scampo ai rivali vincendo con circa 1’40” di vantaggio sulla sorprendente A.s. Virtus con Parodi – Chiodo – Massano – Timossi che  riesce a staccare il Piacenza Vivo con Saltarelli-Natari-Molinari-Bertoncini nelle ultime due frazioni , mentre tra gli Youth deve faticare un po’ di più ma porta a casa la vittoria con Pozzuoli-Gala-Mallozzi-Cattabriga che superano in ultima frazione il Cus Pro Patria MI con Bonaccina-Vergallitto-Missaglia-Sesana, mentre per il terzo gradino del podio la spunta sul quartetto del Marostica formato da Crestani-Toneatti-Merlo-Lazzaretto.

59 Flares Twitter 1 Facebook 56 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 59 Flares ×
By
@novellimarco
59 Flares Twitter 1 Facebook 56 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 59 Flares ×
backtotop