Mute Triathlon

Romano di Lombardia: dura lezione di Luca Bonazzi ai Carabinieri

4 Flares Filament.io 4 Flares ×

 

Luca Bonazzi

Luca Bonazzi

Si è corso ieri un altro tradizionale appuntamento di inizio stagione, il duathlon sprint di Romano Lombardia, manifestazione che ha assegnato nel passato anche il titolo italiano di specialità.

Tra gli uomini la gara ha regalato una grossa sorpresa . I favoriti alla vigilia erano i Carabinieri Massimo De Ponti, Daniel Hofer e il mestrino Massimo Cigana (Eroi del Piave), ma per loro le cose non sono andate come speravano. E’ successo infatti che, una volta rientrato sul primo gruppo l’ex ciclista professionista Cigana, tutti si siano messi ad aspettare una sua mossa ed è iniziata una fase di scatti seguiti da brusche frenate, che ha di fatto rallentato il gruppo. In questo momento di indecisioni, il più attento è stato Luca Bonazzi (Freezone) che si è portato dietro il giovane Federico Spinazzè (Silca Ultralite) riuscendo a entrare in T2 con circa 50” di vantaggio sul gruppo. Negli ultimi 2.5 km i due Carabinieri tentano la disperata rimonta facendo segnare i migliori due parziali assoluti, ma sufficienti solo per superare il giovane Spinazzè (che chiude comunque con un ottimo 4° posto). La vittoria va quindi a Luca Bonazzi, 43 anni che mette in riga i due principali candidati a vincere il titolo assoluto a Firenze, ma che a Romano di Lombardia hanno completamente sbagliato tattica. Nel post gara piccola polemica di Cigana , che ha dichiarato che non è più disposto a portare “a spasso” tutti in bici.

Senza storia la gara donne, con Giorgia Priore (TD Rimini) che vince passeggiando, facendo segnare il miglior parziale in tutte e tre le frazioni e chiudendo vittoriosa con quasi 4 minuti su Chiara Ingletto (Firenze Tri) e oltre 5’30” su Valentina Tagliabue (707).

Assegnati anche i titoli di duathlon per quanto riguarda i paratriatleti, con numeri in calo sia rispetto al 2014 che al 2015, quando erano stati 16 gli uomini e 2 le donne al via, contro i 13 uomini e 1 donna sola al via nel 2016.

4 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 4 Filament.io 4 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Romano di Lombardia: dura lezione di Luca Bonazzi ai Carabinieri

14th marzo, 2016
4 Flares Filament.io 4 Flares ×

 

Luca Bonazzi

Luca Bonazzi

Si è corso ieri un altro tradizionale appuntamento di inizio stagione, il duathlon sprint di Romano Lombardia, manifestazione che ha assegnato nel passato anche il titolo italiano di specialità.

Tra gli uomini la gara ha regalato una grossa sorpresa . I favoriti alla vigilia erano i Carabinieri Massimo De Ponti, Daniel Hofer e il mestrino Massimo Cigana (Eroi del Piave), ma per loro le cose non sono andate come speravano. E’ successo infatti che, una volta rientrato sul primo gruppo l’ex ciclista professionista Cigana, tutti si siano messi ad aspettare una sua mossa ed è iniziata una fase di scatti seguiti da brusche frenate, che ha di fatto rallentato il gruppo. In questo momento di indecisioni, il più attento è stato Luca Bonazzi (Freezone) che si è portato dietro il giovane Federico Spinazzè (Silca Ultralite) riuscendo a entrare in T2 con circa 50” di vantaggio sul gruppo. Negli ultimi 2.5 km i due Carabinieri tentano la disperata rimonta facendo segnare i migliori due parziali assoluti, ma sufficienti solo per superare il giovane Spinazzè (che chiude comunque con un ottimo 4° posto). La vittoria va quindi a Luca Bonazzi, 43 anni che mette in riga i due principali candidati a vincere il titolo assoluto a Firenze, ma che a Romano di Lombardia hanno completamente sbagliato tattica. Nel post gara piccola polemica di Cigana , che ha dichiarato che non è più disposto a portare “a spasso” tutti in bici.

Senza storia la gara donne, con Giorgia Priore (TD Rimini) che vince passeggiando, facendo segnare il miglior parziale in tutte e tre le frazioni e chiudendo vittoriosa con quasi 4 minuti su Chiara Ingletto (Firenze Tri) e oltre 5’30” su Valentina Tagliabue (707).

Assegnati anche i titoli di duathlon per quanto riguarda i paratriatleti, con numeri in calo sia rispetto al 2014 che al 2015, quando erano stati 16 gli uomini e 2 le donne al via, contro i 13 uomini e 1 donna sola al via nel 2016.

4 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 4 Filament.io 4 Flares ×
By
@novellimarco
4 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 4 Filament.io 4 Flares ×
backtotop