Mute Triathlon

Regolamento ancora un volta non rispettato a Farra D’Alpago.

70 Flares Filament.io 70 Flares ×

analisi

Che i regolamenti in Fitri vengano interpretati in maniera spesso discutibile è una costante, capita però che vengano infranti addirittura in un campionato italiano assoluto.

Nella giornata di ieri sono stati infatti cambiati gli orari di partenza della gara riservata agli elite ( nuovi orari ) creando non poco malumore tra gli atleti, in particolare tra le donne. La gara riservata a quest’ultime partirà infatti alle ore 13.30, mezz’ora prima di quella riservata agli uomini.

Ogni anno si leggono sulle varie riviste mediche , sportive, articoli che parlano di evitare l’attività fisica nelle ore più calde della giornata. Come si può facilmente immaginare le 13.30 sono un orario in cui il caldo può raggiungere il suo picco, quindi altamente sconsigliato per la pratica sportiva. Non dimentichiamo poi che stiamo parlando di una manifestazione riservata agli Elite, che non si risparmieranno di certo e che porteranno il loro fisico al limite massimo o forse anche oltre, quindi una giornata particolarmente calda potrebbe essere una compagna pericolosa per gli atleti in gara.

L’articolo 8.1 della Circolare gare recita :

Le gare femminili e maschili dovranno aver luogo in modo separato garantendo la partenza della seconda gara al termine dello svolgimento della prima, in tutte le manifestazioni che assegnano Titoli Italiani, sino alla distanza Olimpica/Classico, con l’esclusione dei titoli assegnati in gare no draft. L’attività femminile deve svolgersi garantendo visibilità e regolarità alla prova senza sovrapposizione con la gara di atleti maschi.

Come si evince chiaramente da quanto riportato non c’è assolutamente spazio a nessun tipo di interpretazione, nessun se o ma , nessun calcolo che scongiuri eventuali sovrapposizioni ecc. REQUISITO UNICO RICHIESTO : PARTENZE SEPARATE GARANTENDO LA PARTENZA DELLA SECONDA GARA AL TERMINE DELLO SVOLGIMENTO DELLA PRIMA.

Emblematico il commento apparso su Facebook di una atleta Elite che fotografa lo stato d’animo di diversi altri:

A mio parere non vi è serietà nel cambiare il programma due giorni prima della gara e soprattutto nel non garantire la sicurezza degli atleti . io non sarò al via in queste condizioni

Forse bisognerebbe spiegare a chi si occupa di questi aspetti che certi regolamenti non lasciano spazio a interpretazioni spesso troppo “ad hoc” e che così facendo si creano precedenti poi difficilmente gestibili.

 

70 Flares Twitter 0 Facebook 67 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 70 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Regolamento ancora un volta non rispettato a Farra D’Alpago.

5th giugno, 2015
70 Flares Filament.io 70 Flares ×

analisi

Che i regolamenti in Fitri vengano interpretati in maniera spesso discutibile è una costante, capita però che vengano infranti addirittura in un campionato italiano assoluto.

Nella giornata di ieri sono stati infatti cambiati gli orari di partenza della gara riservata agli elite ( nuovi orari ) creando non poco malumore tra gli atleti, in particolare tra le donne. La gara riservata a quest’ultime partirà infatti alle ore 13.30, mezz’ora prima di quella riservata agli uomini.

Ogni anno si leggono sulle varie riviste mediche , sportive, articoli che parlano di evitare l’attività fisica nelle ore più calde della giornata. Come si può facilmente immaginare le 13.30 sono un orario in cui il caldo può raggiungere il suo picco, quindi altamente sconsigliato per la pratica sportiva. Non dimentichiamo poi che stiamo parlando di una manifestazione riservata agli Elite, che non si risparmieranno di certo e che porteranno il loro fisico al limite massimo o forse anche oltre, quindi una giornata particolarmente calda potrebbe essere una compagna pericolosa per gli atleti in gara.

L’articolo 8.1 della Circolare gare recita :

Le gare femminili e maschili dovranno aver luogo in modo separato garantendo la partenza della seconda gara al termine dello svolgimento della prima, in tutte le manifestazioni che assegnano Titoli Italiani, sino alla distanza Olimpica/Classico, con l’esclusione dei titoli assegnati in gare no draft. L’attività femminile deve svolgersi garantendo visibilità e regolarità alla prova senza sovrapposizione con la gara di atleti maschi.

Come si evince chiaramente da quanto riportato non c’è assolutamente spazio a nessun tipo di interpretazione, nessun se o ma , nessun calcolo che scongiuri eventuali sovrapposizioni ecc. REQUISITO UNICO RICHIESTO : PARTENZE SEPARATE GARANTENDO LA PARTENZA DELLA SECONDA GARA AL TERMINE DELLO SVOLGIMENTO DELLA PRIMA.

Emblematico il commento apparso su Facebook di una atleta Elite che fotografa lo stato d’animo di diversi altri:

A mio parere non vi è serietà nel cambiare il programma due giorni prima della gara e soprattutto nel non garantire la sicurezza degli atleti . io non sarò al via in queste condizioni

Forse bisognerebbe spiegare a chi si occupa di questi aspetti che certi regolamenti non lasciano spazio a interpretazioni spesso troppo “ad hoc” e che così facendo si creano precedenti poi difficilmente gestibili.

 

70 Flares Twitter 0 Facebook 67 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 70 Flares ×
By
@novellimarco
70 Flares Twitter 0 Facebook 67 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 70 Flares ×
backtotop