Mute Triathlon

Pianeta Donna: tre domande a Nicky Samuels

3 Flares Filament.io 3 Flares ×

Samuels

A cura di Domenica Dominique Oliveto

Il team Deda Elementi si è arricchito da poco di un’altra grande atleta di caratura internazionale. Dopo l’irlandese Reid è entrata a far parte della scuderia italiana anche la neozelandese Nicky Samuels , una  che sulle due ruote sa il fatto suo. Il suo finale di stagione 2014 in Wts è di tutto rispetto, due podi nelle ultime due tappe di Stoccolma ed  Edmonton, ma nel suo curriculum troviamo anche il titolo mondiale di XTerra e affermazioni nella gara “lunghe” no draft. Una atleta tosta insomma. Pianeta Donna ha voluto porgerle tre domande:

1) Nicky …lo.scorso anno ti abbiamo vista sul  podio nelle ultime due gare corse a Stoccolma ed alla “grand final”  ad Edmonton…quale delle due è stata più difficile?

Stoccolma e’ stata una bella sfida per me, sono riuscita finalmente a centrare un podio  in WTS. E’ stata dura perché’ ero un po’ indietro dopo un nuoto poco brillante   e ho dovuto pedalare per  lungo  tempo da sola riuscendo a raggiungere il gruppo verso la  fine.  Ne è valsa comunque la pena.
Pensavo che Edmonton sarebbe stata più  dura, tra l’altro sono partita in non perfette condizioni fisiche , ma alla fine tutto e’ andato bene ed è’ stato grandioso.

2) In bici sei ” una moto ” lo sai vero?Quest’ anno non hai corso in Wts : qual’è il tuo programma per Rio ?

Sono sempre stata molto forte in bici e non so il perché . Non mi alleno molto, ma vado comunque forte.  La maggior parte del mio allenamento è incentrato sulla corsa e lo scorso anno ho dedicato a questa disciplina il massimo dei miei sforzi e tutto è andato bene.  La ragione per cui non ho ancora corso in WTS quest’anno è che sono infortunata. È’ molto strano per me perché normalmente non mi capita spesso, infatti questo è il secondo infortunio durante la mia carriera; la prima volta una frattura da stress ed ora ho un problema con il mio ITB, dovuto  alla troppa corsa lo scorso Novembre durante l’allenamento .
Ora ho una bellissima nuova bicicletta da Deda Elementi, ma purtroppo non ho avuto ancora il tempo di usarla e ciò mi rende un po’ triste (ieri ha iniziato a usarla con 1 ora 30 di rulli – n.d.r.).
Spero di  tornare in gara verso la  fine della stagione, ad Edmonton e Chicago, ma sto solo nuotando nel frattempo, quindi sono un po’ “corta” con i tempi.

3) Sei stata campionessa mondiale di X terra…un bel biglietto da visita da far gola a molti sponsor. Ultimamente sei entrata nella “scuderia” Deda: come ti trovi ?

Xterra e’ stato un bel divertimento e buon  allenamento. Il primo anno che ho corso avevo usato la mia MTB solo dodici volte prima della gara e quindi ho avuto un po’ di paura, il circuito era molto difficile e sabbioso , ma adatto ad un atleta forte come me. Quest’anno è’ stato molto bagnato ed ho avuto un po’ di difficoltà nelle parti tecniche, ma mi sono comunque divertita. E’  una gara molto dura. Sono molto contenta di poter far parte del Deda team.  Tutti si preoccupano per me ,  sono in contatto con Sabino Fausto Cannone  tutto il tempo e non ho mai avuto una bicicletta come quella che ho ora. In Nuova Zelanda e in tutto il mondo l’Italia è rinomata per produrre con uno standard altissimo, sia  biciclette che componentistica  ( troppe cose sono fatte economicamente in Cina e Taiwan, ma non il mio gruppo!)
Ho a disposizione ottimo abbigliamento fornitomi da Rosti e tutto il resto di cui ho bisogno da Deda , posso dire che e’ un grande aiuto per me.
Non vedo l’ora di iniziare ad usare in strada la mia nuova  bicicletta, sarò pronta a sorprendere nel circuito mondiale a breve…. Quindi seguitemi!

3 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 3 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Pianeta Donna: tre domande a Nicky Samuels

17th luglio, 2015
3 Flares Filament.io 3 Flares ×

Samuels

A cura di Domenica Dominique Oliveto

Il team Deda Elementi si è arricchito da poco di un’altra grande atleta di caratura internazionale. Dopo l’irlandese Reid è entrata a far parte della scuderia italiana anche la neozelandese Nicky Samuels , una  che sulle due ruote sa il fatto suo. Il suo finale di stagione 2014 in Wts è di tutto rispetto, due podi nelle ultime due tappe di Stoccolma ed  Edmonton, ma nel suo curriculum troviamo anche il titolo mondiale di XTerra e affermazioni nella gara “lunghe” no draft. Una atleta tosta insomma. Pianeta Donna ha voluto porgerle tre domande:

1) Nicky …lo.scorso anno ti abbiamo vista sul  podio nelle ultime due gare corse a Stoccolma ed alla “grand final”  ad Edmonton…quale delle due è stata più difficile?

Stoccolma e’ stata una bella sfida per me, sono riuscita finalmente a centrare un podio  in WTS. E’ stata dura perché’ ero un po’ indietro dopo un nuoto poco brillante   e ho dovuto pedalare per  lungo  tempo da sola riuscendo a raggiungere il gruppo verso la  fine.  Ne è valsa comunque la pena.
Pensavo che Edmonton sarebbe stata più  dura, tra l’altro sono partita in non perfette condizioni fisiche , ma alla fine tutto e’ andato bene ed è’ stato grandioso.

2) In bici sei ” una moto ” lo sai vero?Quest’ anno non hai corso in Wts : qual’è il tuo programma per Rio ?

Sono sempre stata molto forte in bici e non so il perché . Non mi alleno molto, ma vado comunque forte.  La maggior parte del mio allenamento è incentrato sulla corsa e lo scorso anno ho dedicato a questa disciplina il massimo dei miei sforzi e tutto è andato bene.  La ragione per cui non ho ancora corso in WTS quest’anno è che sono infortunata. È’ molto strano per me perché normalmente non mi capita spesso, infatti questo è il secondo infortunio durante la mia carriera; la prima volta una frattura da stress ed ora ho un problema con il mio ITB, dovuto  alla troppa corsa lo scorso Novembre durante l’allenamento .
Ora ho una bellissima nuova bicicletta da Deda Elementi, ma purtroppo non ho avuto ancora il tempo di usarla e ciò mi rende un po’ triste (ieri ha iniziato a usarla con 1 ora 30 di rulli – n.d.r.).
Spero di  tornare in gara verso la  fine della stagione, ad Edmonton e Chicago, ma sto solo nuotando nel frattempo, quindi sono un po’ “corta” con i tempi.

3) Sei stata campionessa mondiale di X terra…un bel biglietto da visita da far gola a molti sponsor. Ultimamente sei entrata nella “scuderia” Deda: come ti trovi ?

Xterra e’ stato un bel divertimento e buon  allenamento. Il primo anno che ho corso avevo usato la mia MTB solo dodici volte prima della gara e quindi ho avuto un po’ di paura, il circuito era molto difficile e sabbioso , ma adatto ad un atleta forte come me. Quest’anno è’ stato molto bagnato ed ho avuto un po’ di difficoltà nelle parti tecniche, ma mi sono comunque divertita. E’  una gara molto dura. Sono molto contenta di poter far parte del Deda team.  Tutti si preoccupano per me ,  sono in contatto con Sabino Fausto Cannone  tutto il tempo e non ho mai avuto una bicicletta come quella che ho ora. In Nuova Zelanda e in tutto il mondo l’Italia è rinomata per produrre con uno standard altissimo, sia  biciclette che componentistica  ( troppe cose sono fatte economicamente in Cina e Taiwan, ma non il mio gruppo!)
Ho a disposizione ottimo abbigliamento fornitomi da Rosti e tutto il resto di cui ho bisogno da Deda , posso dire che e’ un grande aiuto per me.
Non vedo l’ora di iniziare ad usare in strada la mia nuova  bicicletta, sarò pronta a sorprendere nel circuito mondiale a breve…. Quindi seguitemi!

3 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 3 Flares ×
By
@novellimarco
3 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 3 Filament.io 3 Flares ×
backtotop