Mute Triathlon

Parola alla difesa:parla il Presidente del Firenze Triathlon, Massimiliano Lenci

2 Flares Filament.io 2 Flares ×

Dubbio

Pubblichiamo la “difesa”  di Massimiliano Lenci, l’atleta al centro del caso di  “sostituzione di persona” ai campionati italiani di duathlon a Firenze:

Vorrei esprimere il mio punto di vista su questa disdicevole situazione occorsa sabato scorso in occasione del C.I. di duathlon a Firenze.
Ho comunicato alla Federazione l’accaduto e la cosa andra’ in procura’ federale dove subiro’ le giuste conseguenze a livello personale e societario di questo incidente di cui mi assumo ovviamente tutte le responsabilita’.
Un grosso errore è stato commesso e si dovra’ pagare.
Ma da 18 anni che pratico triathlon per cortesia Marco , tu mi conosci anche non venirmi a parlare di mezzi per perseguire risultati in maniera fraudolenta, quel giorno occupandomi della frazione bike dell’evento sono stato visto da mille persone durante la gara che sbandieravo , seguivo i ciclisti e non stavo gareggiando , a 50 anni non avendo mai vinto nessuna gara e non avendo mai avuto nessun piazzamento non vado ora a cercare mezzucci per raggiungere tali obbiettivi e su questo io non ho dubbi.
Avrei dovuto fermare questi atleti irregolari.

Saluti

Massimiliano Lenci “

Alcune piccole precisazione per rendere il quadro della situaziona ancora più chiaro.
Prima della partenza della gara sono state chieste delle sostituzioni di atleti, giustamente negate in base al regolamento. Sinceramente è difficile interpretare il fatto che nonostante il rifiuto, il pettorale 311 sia stato indossato da un altro atleta. I casi possono essere solo 2:

1 – l’atleta Aubry ha agito autonomamente

2 – l’atleta Aubry ha agito rassicurato da qualcuno

Altro punto “oscuro” della faccenda è il fatto che le foto in azione dello stesso Aubry siano state pubblicate sulla sua bacheca di Facebook da FIRENZE TRIATHLON, società presieduta dallo stesso Lenci. Sicuramente anche da approfondire l’ultima affermazione dello stesso : “avrei dovuto fermare questi atleti irregolari”, quindi potrebbe essere che si tratti di più atleti che hanno preso parte “irregolarmente” alla gara di Firenze.

Adesso parola alla giuria…parola alla FiTRi

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Parola alla difesa:parla il Presidente del Firenze Triathlon, Massimiliano Lenci

24th marzo, 2016
2 Flares Filament.io 2 Flares ×

Dubbio

Pubblichiamo la “difesa”  di Massimiliano Lenci, l’atleta al centro del caso di  “sostituzione di persona” ai campionati italiani di duathlon a Firenze:

Vorrei esprimere il mio punto di vista su questa disdicevole situazione occorsa sabato scorso in occasione del C.I. di duathlon a Firenze.
Ho comunicato alla Federazione l’accaduto e la cosa andra’ in procura’ federale dove subiro’ le giuste conseguenze a livello personale e societario di questo incidente di cui mi assumo ovviamente tutte le responsabilita’.
Un grosso errore è stato commesso e si dovra’ pagare.
Ma da 18 anni che pratico triathlon per cortesia Marco , tu mi conosci anche non venirmi a parlare di mezzi per perseguire risultati in maniera fraudolenta, quel giorno occupandomi della frazione bike dell’evento sono stato visto da mille persone durante la gara che sbandieravo , seguivo i ciclisti e non stavo gareggiando , a 50 anni non avendo mai vinto nessuna gara e non avendo mai avuto nessun piazzamento non vado ora a cercare mezzucci per raggiungere tali obbiettivi e su questo io non ho dubbi.
Avrei dovuto fermare questi atleti irregolari.

Saluti

Massimiliano Lenci “

Alcune piccole precisazione per rendere il quadro della situaziona ancora più chiaro.
Prima della partenza della gara sono state chieste delle sostituzioni di atleti, giustamente negate in base al regolamento. Sinceramente è difficile interpretare il fatto che nonostante il rifiuto, il pettorale 311 sia stato indossato da un altro atleta. I casi possono essere solo 2:

1 – l’atleta Aubry ha agito autonomamente

2 – l’atleta Aubry ha agito rassicurato da qualcuno

Altro punto “oscuro” della faccenda è il fatto che le foto in azione dello stesso Aubry siano state pubblicate sulla sua bacheca di Facebook da FIRENZE TRIATHLON, società presieduta dallo stesso Lenci. Sicuramente anche da approfondire l’ultima affermazione dello stesso : “avrei dovuto fermare questi atleti irregolari”, quindi potrebbe essere che si tratti di più atleti che hanno preso parte “irregolarmente” alla gara di Firenze.

Adesso parola alla giuria…parola alla FiTRi

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
By
@novellimarco
2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
backtotop