Mute Triathlon

Mondiali triathlon cross amari per gli azzurri lontanissimi dal podio

2 Flares Filament.io 2 Flares ×

Mondiali Triathlon cross amari per gli azzurri lontanissimi dal podio

Si sono corsi a Zittau, in Germania la  quarta edizione dei campionati di triathlon cross ITU con al via , soprattutto in campo maschile , numerosi big.

Tra gli uomini il sudafricano Conrald Stoltz  si presentava al via come il campione  del mondo in carica di tutte e tre le edizioni dei mondiali Itu disputatesi, ma la concorrenza qest’anno era più agguerrita che mai e le condizioni atmosferiche (pioggia, sole, pioggia…) hanno reso la seconda frazione altamente selettiva e decisiva. Su questi terreni lo spagnolo Ruzafa, passato da bikers sulle ruote grasse, già vicecampione mondiale lo scorso anno,  si esalta e in pochi km della seconda frazione  già prende la testa della gara nonostante gli otre 2′ di distacco dalla testa dopo il nuoto. Dietro sono in tanti a cercare di resistere, dallo stesso Stoltz, a Chacon (Costarica), Middaugh (USA), Carloni (Francia), Currie (Nuova Zelanda) , Weiss (Austria), ma lo spagnolo di presenta in T2 con un vantaggio rassicurante sul resto degli inseguitori. A piedi è l’americano Middaugh a centrare la seconda posizione dietro a Ruzafa che concede qualche cosa nella frazione finale, mentre al terzo posto chiude il neozelandese Currie.

Anche in campo femminile la bici fa la differenza , infatti la padrona di casa Muller riesce a superare e prendere vantaggio sulla Duffy (Bermuda) forse la favorita nr. 1 della vigilia proprio sulle due ruote , riuscendo a limitare poi i danni nell’ultima frazione dove deve cedere solo pochi secondi all’inseguitrice. Il terzo gradino del podio va alla campionessa europea Erbenova (Cze) che dopo un nuoto lontano dalla testa della gara, si scatena sulle due ruote facendo segnare il miglio parziale di frazione  che la porta in T2 praticamente a ridosso della Duffy, ma deve poi cedere quasi 1’30” nell’ultima frazione, chiudendo comunque a podio.

Trasferta  da dimenticare per i colori azzurri, naufragati sotto la pioggia tedesca e lontanissimi dalla testa della gara. In campo femminile la Cibin  è stata coinvolta in una caduta che le ha provocato abrasioni e contusioni, ha concluso comunque la gara 21ma a quasi 30′ dalla vincitrice, mentre in campo maschile De Paoli è protagonista di una piccola rimonta nelle ultime 2 frazioni che lo portano però a chiudere 21° a 15 dal vincitore dopo essere uscito dall’acqua intorno alla 40ma posizione. Negli U23 Buraccioni chiude al 10° posto (48° assoluto).
Tra gli age group il migliore è stato Stefano Boggio che chiude 12° nella categoria 25-29, mentre Luca Tuci è 3° nella cat. 45-49. Ottima prova anche di Francesco Alessandri soprannominato ” l’animale” che chiude  9° tra i 55-59, seguito in 13° posizione da Emanuele Polga.

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Mondiali triathlon cross amari per gli azzurri lontanissimi dal podio

18th agosto, 2014
2 Flares Filament.io 2 Flares ×

Mondiali Triathlon cross amari per gli azzurri lontanissimi dal podio

Si sono corsi a Zittau, in Germania la  quarta edizione dei campionati di triathlon cross ITU con al via , soprattutto in campo maschile , numerosi big.

Tra gli uomini il sudafricano Conrald Stoltz  si presentava al via come il campione  del mondo in carica di tutte e tre le edizioni dei mondiali Itu disputatesi, ma la concorrenza qest’anno era più agguerrita che mai e le condizioni atmosferiche (pioggia, sole, pioggia…) hanno reso la seconda frazione altamente selettiva e decisiva. Su questi terreni lo spagnolo Ruzafa, passato da bikers sulle ruote grasse, già vicecampione mondiale lo scorso anno,  si esalta e in pochi km della seconda frazione  già prende la testa della gara nonostante gli otre 2′ di distacco dalla testa dopo il nuoto. Dietro sono in tanti a cercare di resistere, dallo stesso Stoltz, a Chacon (Costarica), Middaugh (USA), Carloni (Francia), Currie (Nuova Zelanda) , Weiss (Austria), ma lo spagnolo di presenta in T2 con un vantaggio rassicurante sul resto degli inseguitori. A piedi è l’americano Middaugh a centrare la seconda posizione dietro a Ruzafa che concede qualche cosa nella frazione finale, mentre al terzo posto chiude il neozelandese Currie.

Anche in campo femminile la bici fa la differenza , infatti la padrona di casa Muller riesce a superare e prendere vantaggio sulla Duffy (Bermuda) forse la favorita nr. 1 della vigilia proprio sulle due ruote , riuscendo a limitare poi i danni nell’ultima frazione dove deve cedere solo pochi secondi all’inseguitrice. Il terzo gradino del podio va alla campionessa europea Erbenova (Cze) che dopo un nuoto lontano dalla testa della gara, si scatena sulle due ruote facendo segnare il miglio parziale di frazione  che la porta in T2 praticamente a ridosso della Duffy, ma deve poi cedere quasi 1’30” nell’ultima frazione, chiudendo comunque a podio.

Trasferta  da dimenticare per i colori azzurri, naufragati sotto la pioggia tedesca e lontanissimi dalla testa della gara. In campo femminile la Cibin  è stata coinvolta in una caduta che le ha provocato abrasioni e contusioni, ha concluso comunque la gara 21ma a quasi 30′ dalla vincitrice, mentre in campo maschile De Paoli è protagonista di una piccola rimonta nelle ultime 2 frazioni che lo portano però a chiudere 21° a 15 dal vincitore dopo essere uscito dall’acqua intorno alla 40ma posizione. Negli U23 Buraccioni chiude al 10° posto (48° assoluto).
Tra gli age group il migliore è stato Stefano Boggio che chiude 12° nella categoria 25-29, mentre Luca Tuci è 3° nella cat. 45-49. Ottima prova anche di Francesco Alessandri soprannominato ” l’animale” che chiude  9° tra i 55-59, seguito in 13° posizione da Emanuele Polga.

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
By
@novellimarco
2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
backtotop