Mute Triathlon

Le donne azzurre a picco a Chicago

58 Flares Filament.io 58 Flares ×

Merle Perault volata

Continua la deludente trasferta azzurra a Chicago. Ieri si sono assegnati i titoli mondiali femminile delle U23 e Junior e si è corsa l’ultima tappa del circuito WTS femminile.
Ad aprire le danze sono state le U23, gara trasformata in sprint per via dell’allerta meteo che da un paio di giorni sta tenendo con il fiato sospeso atleti e organizzatori. Per i colori azzurri questa gara rappresentava forse l’unica occasione per un podio o comunque un piazzamento di prestigio vista la quasi totale assenza di atlete di assoluto livello e soprattutto l’esiguo numero (solo 28) di concorrenti alla partenza. La gara si è decisa al photofinish tra due francesi, con la vittoria andata alla Merle davanti alla Periault, mentre conquista un ottimo bronzo la portoghese Santos. Male le azzurre, la Papais si spegne nell’ultima frazione e chiude 13° a 1’32” dalle francesi, gara già compromessa per la Zane dopo il nuoto e 16° posizione finale  a quasi 2’30” dalla vincitrice.

Nella gara Junior dominio assoluto della tedesca  Lindeman che dopo essere uscita seconda dall’acqua prende il largo facendo segnare il miglior parziale sia in bici che nell’ultima frazione , chiudendo il suo ultimo anno tra le Junior con il secondo titolo iridato. Al secondo posto l’americana Knibb a 46″, al terzo posto la norvegese Miller a oltre 1 minuto. Le italiane hanno dovuto sempre inseguire, Tamburri ha chiuso al 17° posto a oltre 3 minuti , mentre la Olmo fallisce l’ennesimo grande appuntamento chiudendo la sua avventura iridata tra le junior con un ritiro.

Spettacolo nella grand final della WTS con praticamente tutte le big al via (mancavano solo Spirig e Norden). Le prime due frazioni non hanno fatto molta selezione , un gruppo di 29 atlete (con le nostre azzurre) si  presentato in T2 con una trentina di secondi di vantaggio sul gruppo delle inseguitrici. Prendono subito il largo la favorita Jorgensen e le due inglesi Holland e Stanford. Quest’ultima detta il ritmo per 3/4 di gara , infatti all’inizio dell’ultimo giro della frazione podistica la Jorgensen piazza l’allungo vincente andando a conquistare l’ennesima vittoria (oramai tutti i record battuti) con ampio margine davanti a Stanford e Holland. La gara delle nostre di fatto si chiude dopo la bici, Mazzetti cede nel finale e chiude a oltre 3 minuti dalla vincitrice in 19° posizione, la Betto ad oltre 5 minuti in 34° posizione.

Foto ITU Media

58 Flares Twitter 0 Facebook 56 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 58 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Le donne azzurre a picco a Chicago

19th settembre, 2015
58 Flares Filament.io 58 Flares ×

Merle Perault volata

Continua la deludente trasferta azzurra a Chicago. Ieri si sono assegnati i titoli mondiali femminile delle U23 e Junior e si è corsa l’ultima tappa del circuito WTS femminile.
Ad aprire le danze sono state le U23, gara trasformata in sprint per via dell’allerta meteo che da un paio di giorni sta tenendo con il fiato sospeso atleti e organizzatori. Per i colori azzurri questa gara rappresentava forse l’unica occasione per un podio o comunque un piazzamento di prestigio vista la quasi totale assenza di atlete di assoluto livello e soprattutto l’esiguo numero (solo 28) di concorrenti alla partenza. La gara si è decisa al photofinish tra due francesi, con la vittoria andata alla Merle davanti alla Periault, mentre conquista un ottimo bronzo la portoghese Santos. Male le azzurre, la Papais si spegne nell’ultima frazione e chiude 13° a 1’32” dalle francesi, gara già compromessa per la Zane dopo il nuoto e 16° posizione finale  a quasi 2’30” dalla vincitrice.

Nella gara Junior dominio assoluto della tedesca  Lindeman che dopo essere uscita seconda dall’acqua prende il largo facendo segnare il miglior parziale sia in bici che nell’ultima frazione , chiudendo il suo ultimo anno tra le Junior con il secondo titolo iridato. Al secondo posto l’americana Knibb a 46″, al terzo posto la norvegese Miller a oltre 1 minuto. Le italiane hanno dovuto sempre inseguire, Tamburri ha chiuso al 17° posto a oltre 3 minuti , mentre la Olmo fallisce l’ennesimo grande appuntamento chiudendo la sua avventura iridata tra le junior con un ritiro.

Spettacolo nella grand final della WTS con praticamente tutte le big al via (mancavano solo Spirig e Norden). Le prime due frazioni non hanno fatto molta selezione , un gruppo di 29 atlete (con le nostre azzurre) si  presentato in T2 con una trentina di secondi di vantaggio sul gruppo delle inseguitrici. Prendono subito il largo la favorita Jorgensen e le due inglesi Holland e Stanford. Quest’ultima detta il ritmo per 3/4 di gara , infatti all’inizio dell’ultimo giro della frazione podistica la Jorgensen piazza l’allungo vincente andando a conquistare l’ennesima vittoria (oramai tutti i record battuti) con ampio margine davanti a Stanford e Holland. La gara delle nostre di fatto si chiude dopo la bici, Mazzetti cede nel finale e chiude a oltre 3 minuti dalla vincitrice in 19° posizione, la Betto ad oltre 5 minuti in 34° posizione.

Foto ITU Media

58 Flares Twitter 0 Facebook 56 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 58 Flares ×
By
@novellimarco
58 Flares Twitter 0 Facebook 56 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 58 Flares ×
backtotop