Mute Triathlon

Il regolamento tecnico e circolare gare? Modifiche, integrazioni, deroghe e mancato rispetto..

34 Flares Filament.io 34 Flares ×

Siamo oramai abituati al mancato rispetto di alcuni aspetti dei vari regolamenti Fitri, dal tecnico  alla circolare gare.
Dopo l’ennesima rivisitazione del regolamento tecnico è uscita una nuova modifica che doveva entrare in vigore il 25 Aprile. Naturalmente alle prime gare, senza nulla di ufficiale, sono state concesse delle “deroghe” , come ad Acqui Terme sulle divise gara , mentre sempre nella stessa manifestazione da regolamento la quota massima di iscrizione per gli Youth è fissata a 10 Euro, contro i 15 effettivamente pagati  .
Continuando nel “festival del regolamento non rispettato”, in  una gara  c’è stata totale assenza di moquette in tutta la zona cambio e nel lungo tratto di T1 (naturalmente anche T2),  ricordando che la ratio di questa regola mira alla sicurezza dell’atleta (la moquette è obbligatoria in tutte le aree che gli atleti percorrono scalzi per evitare tagli e traumi vari). A Rimini poi nel Challenge diversi tagli di boa, naturalmente impuniti (nessun squalificato per questa infrazione vista da moltissimi dalla spiaggia). Passando a Caldaro non è stato rispettato l’obbligo di chiudere le iscrizioni 10 gg prima dell’evento e il divieto di maggiorare le quote, infatti sul sito dell’organizzazione si parlava chiaramente di possibilità di accettare iscrizioni il giorno della gara a quota maggiorata.  Sul montepremi, anche se di poco, non sono state rispettate le percentuali presenti sulla circolare gare.
Per quanto riguarda il Grand Prix invece, il regolamento è uscito a Gennaio (quattro mesi fa) e parlava chiaramente di OBBLIGO DI UTILIZZARE DIVISA DA GARA CON DETERMINATI STANDARD. Indovinate un po’ … A due giorni dalla gara la Federazione concede una deroga sul regolamento in questione. Ora, a parte che è una mancanza totale di rispetto verso tutte quelle squadre che hanno investito soldi per uniformarsi alla regola dei body, possibile che con un regolamento pubblicato quattro mesi prima e start list chiusa quindici giorni prima dell’evento ci sia ancora qualcuno che non si sia potuto uniformare a quanto richiesto ? Forhans e Peperoncino in toto non avevano le divise uniformi, cosi come la Olmo (che tra l’altro fa parte della nazionale ) e altri atleti.  Provate ad andare in gare serie con la divisa fuori norma a chiedere una deroga, ma si sa, nel triathlon italiano siamo ad un “vale tutto”, tanto la deroghina o l’eccezione si può sempre fare……

34 Flares Twitter 1 Facebook 32 Pin It Share 0 Google+ 1 Filament.io 34 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Autore
By

@novellimarco

Commenti dei lettori


  1. umberto olivari on 14 maggio 2014 at 00:14 said:

    ciao marco a proposito di gare ti volevo raccontare cosa e’ successo sabato a nicole a caldaro .
    nel percorso in bici aperto al traffico nel tratto in discesa una macchina a sorpassato nicole e subito dopo gli ha tagliato la strada lei e’ caduta riportando varie contusioni e sbattendo la testa ,io non vedendola passare ho chiesto agli organizzatori se sapevano qualcosa loro mi hanno risposto che sarebbe partita la scopa solo dopo che usciva l’ultimo concorrente dall’acqua della terza batteria (uno poteva morire nel frattempo) per fortuna nicole e’ risalita in bici e con la ruota a terra e’ riuscita a completare il primo giro comunque un premio alla sicurezza della gara va senz’altro dato c’erano piu’ di seicento partenti e capisco che nessuno si sia interessato di una ragazzina ciao da un padre incazzato

Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Il regolamento tecnico e circolare gare? Modifiche, integrazioni, deroghe e mancato rispetto..

13th maggio, 2014
34 Flares Filament.io 34 Flares ×

Siamo oramai abituati al mancato rispetto di alcuni aspetti dei vari regolamenti Fitri, dal tecnico  alla circolare gare.
Dopo l’ennesima rivisitazione del regolamento tecnico è uscita una nuova modifica che doveva entrare in vigore il 25 Aprile. Naturalmente alle prime gare, senza nulla di ufficiale, sono state concesse delle “deroghe” , come ad Acqui Terme sulle divise gara , mentre sempre nella stessa manifestazione da regolamento la quota massima di iscrizione per gli Youth è fissata a 10 Euro, contro i 15 effettivamente pagati  .
Continuando nel “festival del regolamento non rispettato”, in  una gara  c’è stata totale assenza di moquette in tutta la zona cambio e nel lungo tratto di T1 (naturalmente anche T2),  ricordando che la ratio di questa regola mira alla sicurezza dell’atleta (la moquette è obbligatoria in tutte le aree che gli atleti percorrono scalzi per evitare tagli e traumi vari). A Rimini poi nel Challenge diversi tagli di boa, naturalmente impuniti (nessun squalificato per questa infrazione vista da moltissimi dalla spiaggia). Passando a Caldaro non è stato rispettato l’obbligo di chiudere le iscrizioni 10 gg prima dell’evento e il divieto di maggiorare le quote, infatti sul sito dell’organizzazione si parlava chiaramente di possibilità di accettare iscrizioni il giorno della gara a quota maggiorata.  Sul montepremi, anche se di poco, non sono state rispettate le percentuali presenti sulla circolare gare.
Per quanto riguarda il Grand Prix invece, il regolamento è uscito a Gennaio (quattro mesi fa) e parlava chiaramente di OBBLIGO DI UTILIZZARE DIVISA DA GARA CON DETERMINATI STANDARD. Indovinate un po’ … A due giorni dalla gara la Federazione concede una deroga sul regolamento in questione. Ora, a parte che è una mancanza totale di rispetto verso tutte quelle squadre che hanno investito soldi per uniformarsi alla regola dei body, possibile che con un regolamento pubblicato quattro mesi prima e start list chiusa quindici giorni prima dell’evento ci sia ancora qualcuno che non si sia potuto uniformare a quanto richiesto ? Forhans e Peperoncino in toto non avevano le divise uniformi, cosi come la Olmo (che tra l’altro fa parte della nazionale ) e altri atleti.  Provate ad andare in gare serie con la divisa fuori norma a chiedere una deroga, ma si sa, nel triathlon italiano siamo ad un “vale tutto”, tanto la deroghina o l’eccezione si può sempre fare……

34 Flares Twitter 1 Facebook 32 Pin It Share 0 Google+ 1 Filament.io 34 Flares ×
By
@novellimarco
34 Flares Twitter 1 Facebook 32 Pin It Share 0 Google+ 1 Filament.io 34 Flares ×
backtotop