Mute Triathlon

I tricolori di Aquathlon a Zibido San Giacomo

2 Flares Filament.io 2 Flares ×

 

Tricolori Aquathlon

Podio tricolori aquathlon

Si sono disputati ieri i tricolori di Aquathlon 2016 organizzati dalla CNM Milano a Zibido San Giacomo.

In campo femminile sorpresa dell’ultimo momento con la presenza di Anna Maria Mazzeti, che non appariva in start list, iscrittasi solo 2 giorni prima della manifestazione. Per la portacolori delle Fiamme Oro, vittoria scontata, con gara in solitaria sin dai primi metri. Dietro di lei due giovani, Marcon (707) che ha la meglio su Visaggi (Torino Tri)

Gara più combattuta tra gli uomini, con la frazione di nuoto che crea una piccola selezione sotto la spinta di Rigoni (Padovanuoto tri) e Della Venezia (Liger Keyline), ai quali riesce a rimanere agganciato Secchiero (Fiamme Oro). La gara si decide a poche centinaia di metri dall’arrivo, con Secchiero , re delle volate, che porta a casa il sesto titolo di specialità davanti all’ottimo Rigoni, mentre Della Venezia completa il podio.

Purtroppo va registrato l’ennesimo caso di mancato rispetto del regolamento. La gara di Zibido San Giacomo , assegnando il titolo italiano, era da considerarsi di livello A. In merito di divise gara, il regolamento tecnico specifica:

94.03 per le gare di livello A, è obbligatoria la divisa di gara in un unico pezzo

94.14 ai Campionati Italiani individuali e a squadre è obbligatoria la divisa sociale.

 

Alcuni atleti sia in campo maschile che femminile hanno corso con divise non societarie, addirittura nella gara maschile due atleti hanno utilizzato una sorta di due pezzi, nuotando con il solo pantaloncino, utilizzando poi una semplice canotta per la frazione podistica.

Una atleta ha dichiarato che la sua società non dispone di alcuna divisa societaria, mentre nessuna sanzione è stata elevata a tutti quelli che hanno chiaramente infranto l’articolo 94.14 (compreso l’atleta che ha corso con il body Italia). Come spesso accade , non bisogna discutere la sensatezza della regola, ma va garantito l’equità di trattamento a tutti gli atleti. In merito all’utilizzo del due pezzi (di fatto caso limitato a due atleti a Zibido San Giacomo) ricordiamo infatti che in occasione dei campionati italiani di duathlon no draft di Rivergaro di qualche anno fa e quelli di duathlon sprint di Romano di Lombardia, diversi atleti non solo si sono visti vietare l’ingresso in zona cambio per via della divisa da gara non regolamentare, ma si sono addirittura visti costretti ad acquistare dei body negli stand presenti alla manifestazione per per poter partecipare alla gara. I due atleti che a Zibido S.G. hanno violato l’art 94.03 del regolamento tecnico, a fine gara apparivano nella lista degli squalificati per “aver effettuato la frazione di nuoto a torso nudo”, motivazione che non trova alcun fondamento nel R.T. , che obbliga infatti gli atleti a coprire la parte superiore del corpo SOLO nella frazione ciclistica e podistica.  Come già evidenziato nessun provvedimento è stato preso per gli atleti che non hanno rispettato l’obbligo imposto dall’articolo 94.14 , per la gioia delle società e degli atleti che spendono ogni anno soldi per poter rispettare questa imposizione nei vari campionati italiani.

Durante la frazione di nuoto della gara femminile, una atleta è stata vista da diverse persone del pubblico uscire dall’acqua al termine del primo giro arrivando da una direzione diversa ( quasi perpendicolare ) da quella in cui provenivano le altre concorrenti. La stessa si è fermata diversi secondi sulla spiaggia dicendo che si sarebbe ritirata per via della perdita del chip gara. Convinta da alcuni spettatori si è poi ributtata in acqua e ha chiuso la prova ai piedi del podio conquistando la vittoria di categoria. Anche in questo caso non è stato preso alcun provvedimento, nonostante le numerose segnalazioni del pubblico presente che hanno visto chiaramente quanto occorso

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

I tricolori di Aquathlon a Zibido San Giacomo

22nd giugno, 2016
2 Flares Filament.io 2 Flares ×

 

Tricolori Aquathlon

Podio tricolori aquathlon

Si sono disputati ieri i tricolori di Aquathlon 2016 organizzati dalla CNM Milano a Zibido San Giacomo.

In campo femminile sorpresa dell’ultimo momento con la presenza di Anna Maria Mazzeti, che non appariva in start list, iscrittasi solo 2 giorni prima della manifestazione. Per la portacolori delle Fiamme Oro, vittoria scontata, con gara in solitaria sin dai primi metri. Dietro di lei due giovani, Marcon (707) che ha la meglio su Visaggi (Torino Tri)

Gara più combattuta tra gli uomini, con la frazione di nuoto che crea una piccola selezione sotto la spinta di Rigoni (Padovanuoto tri) e Della Venezia (Liger Keyline), ai quali riesce a rimanere agganciato Secchiero (Fiamme Oro). La gara si decide a poche centinaia di metri dall’arrivo, con Secchiero , re delle volate, che porta a casa il sesto titolo di specialità davanti all’ottimo Rigoni, mentre Della Venezia completa il podio.

Purtroppo va registrato l’ennesimo caso di mancato rispetto del regolamento. La gara di Zibido San Giacomo , assegnando il titolo italiano, era da considerarsi di livello A. In merito di divise gara, il regolamento tecnico specifica:

94.03 per le gare di livello A, è obbligatoria la divisa di gara in un unico pezzo

94.14 ai Campionati Italiani individuali e a squadre è obbligatoria la divisa sociale.

 

Alcuni atleti sia in campo maschile che femminile hanno corso con divise non societarie, addirittura nella gara maschile due atleti hanno utilizzato una sorta di due pezzi, nuotando con il solo pantaloncino, utilizzando poi una semplice canotta per la frazione podistica.

Una atleta ha dichiarato che la sua società non dispone di alcuna divisa societaria, mentre nessuna sanzione è stata elevata a tutti quelli che hanno chiaramente infranto l’articolo 94.14 (compreso l’atleta che ha corso con il body Italia). Come spesso accade , non bisogna discutere la sensatezza della regola, ma va garantito l’equità di trattamento a tutti gli atleti. In merito all’utilizzo del due pezzi (di fatto caso limitato a due atleti a Zibido San Giacomo) ricordiamo infatti che in occasione dei campionati italiani di duathlon no draft di Rivergaro di qualche anno fa e quelli di duathlon sprint di Romano di Lombardia, diversi atleti non solo si sono visti vietare l’ingresso in zona cambio per via della divisa da gara non regolamentare, ma si sono addirittura visti costretti ad acquistare dei body negli stand presenti alla manifestazione per per poter partecipare alla gara. I due atleti che a Zibido S.G. hanno violato l’art 94.03 del regolamento tecnico, a fine gara apparivano nella lista degli squalificati per “aver effettuato la frazione di nuoto a torso nudo”, motivazione che non trova alcun fondamento nel R.T. , che obbliga infatti gli atleti a coprire la parte superiore del corpo SOLO nella frazione ciclistica e podistica.  Come già evidenziato nessun provvedimento è stato preso per gli atleti che non hanno rispettato l’obbligo imposto dall’articolo 94.14 , per la gioia delle società e degli atleti che spendono ogni anno soldi per poter rispettare questa imposizione nei vari campionati italiani.

Durante la frazione di nuoto della gara femminile, una atleta è stata vista da diverse persone del pubblico uscire dall’acqua al termine del primo giro arrivando da una direzione diversa ( quasi perpendicolare ) da quella in cui provenivano le altre concorrenti. La stessa si è fermata diversi secondi sulla spiaggia dicendo che si sarebbe ritirata per via della perdita del chip gara. Convinta da alcuni spettatori si è poi ributtata in acqua e ha chiuso la prova ai piedi del podio conquistando la vittoria di categoria. Anche in questo caso non è stato preso alcun provvedimento, nonostante le numerose segnalazioni del pubblico presente che hanno visto chiaramente quanto occorso

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
By
@novellimarco
2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 2 Flares ×
backtotop