Mute Triathlon

Gli europei di Alfio Bulgarelli

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
Alfio Bulgarelli

Alfio Bulgarelli

Alfio Bulgarelli, portacolori del Cesena triathlon, ha contribuito a conquistare due  delle medaglie che gli Age Group azzurri hanno portato a casa durante la trasferta portoghese per i campionati europei di Lisbona.

Ecco il suo racconto:

I miei europei a Lisbona hanno avuto un significato un po’ particolare. Mi sono iscritto sfidando il tempo a disposizione , considerando che ho avuto da una parte una brutta frattura alla clavicola lo scorso Agosto, ( mi hanno rimesso in pista solo a Gennaio)  e dall’altra la bellissima nuova arrivata in famiglia; mia figlia Matilde di 8mesi. Per ovvie ragioni ho dovuto fare alcuni cambiamenti per poter ottenere qualcosa di speciale, ed ho adattato  i miei allenamenti al tempo che ho a disposizione: mi alleno quando in famiglia ancora si devono svegliare, ed utilizzo le gare come avvicinamento e come allenamento all’obiettivo stagionale. In questa impresa mi ha seguito tutta la family è così mi sono iscritto anche inconsciamente ad entrambe le gare: sprint e olimpico. L’avvicinamento allo sprint nelle ultime settimane , con il primo posto di cat nel 70.3 di Maiorca e nello sprint di Manerba e Cervia, mi aveva già dato certe garanzie sulla condizione è così è stato. A Lisbona ho vissuto la gara in continua sfida con il tedesco Geresich (vincitore lo scorso anno a Ginevra) e lo sconosciuto danese Gronbergh capace di una frazione bike stupefacente.

Proprio su quest’ultimo che ho avuto la meglio nello sprint finale all’interno dell’arena portoghese di soli 5″ dopo che aveva condotto davanti tutti i 5km della frazione finale della gara. Nemmeno il tempo di godersi la vittoria e il 15esimo posto assoluto, che si presenta la sfida olimpica! Stessa copia dello sprint, io che esco primo a nuoto, il danese che rimonta in bici e poi battaglia nel run finale….ma ahimè qui complice un mio banale errore in T2 e perdo il contatto con il 2 posto. 15″ persi in T2 e 15″ il gap tra il mio terzo posto ed il secondo. Un po di rammarico ma molto contento del bicchiere quasi colmo che abbiam portato in Italia e alla mia cara neonata Cesena triathlon di cui sono il capitano Felice anche del fatto che tutto questo l’ho vissuto in un anno in cui, sulla carta e di fatto, mi alleno molto meno ma con molta più qualità.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 0 Filament.io 0 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

Gli europei di Alfio Bulgarelli

19th giugno, 2016
0 Flares Filament.io 0 Flares ×
Alfio Bulgarelli

Alfio Bulgarelli

Alfio Bulgarelli, portacolori del Cesena triathlon, ha contribuito a conquistare due  delle medaglie che gli Age Group azzurri hanno portato a casa durante la trasferta portoghese per i campionati europei di Lisbona.

Ecco il suo racconto:

I miei europei a Lisbona hanno avuto un significato un po’ particolare. Mi sono iscritto sfidando il tempo a disposizione , considerando che ho avuto da una parte una brutta frattura alla clavicola lo scorso Agosto, ( mi hanno rimesso in pista solo a Gennaio)  e dall’altra la bellissima nuova arrivata in famiglia; mia figlia Matilde di 8mesi. Per ovvie ragioni ho dovuto fare alcuni cambiamenti per poter ottenere qualcosa di speciale, ed ho adattato  i miei allenamenti al tempo che ho a disposizione: mi alleno quando in famiglia ancora si devono svegliare, ed utilizzo le gare come avvicinamento e come allenamento all’obiettivo stagionale. In questa impresa mi ha seguito tutta la family è così mi sono iscritto anche inconsciamente ad entrambe le gare: sprint e olimpico. L’avvicinamento allo sprint nelle ultime settimane , con il primo posto di cat nel 70.3 di Maiorca e nello sprint di Manerba e Cervia, mi aveva già dato certe garanzie sulla condizione è così è stato. A Lisbona ho vissuto la gara in continua sfida con il tedesco Geresich (vincitore lo scorso anno a Ginevra) e lo sconosciuto danese Gronbergh capace di una frazione bike stupefacente.

Proprio su quest’ultimo che ho avuto la meglio nello sprint finale all’interno dell’arena portoghese di soli 5″ dopo che aveva condotto davanti tutti i 5km della frazione finale della gara. Nemmeno il tempo di godersi la vittoria e il 15esimo posto assoluto, che si presenta la sfida olimpica! Stessa copia dello sprint, io che esco primo a nuoto, il danese che rimonta in bici e poi battaglia nel run finale….ma ahimè qui complice un mio banale errore in T2 e perdo il contatto con il 2 posto. 15″ persi in T2 e 15″ il gap tra il mio terzo posto ed il secondo. Un po di rammarico ma molto contento del bicchiere quasi colmo che abbiam portato in Italia e alla mia cara neonata Cesena triathlon di cui sono il capitano Felice anche del fatto che tutto questo l’ho vissuto in un anno in cui, sulla carta e di fatto, mi alleno molto meno ma con molta più qualità.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 0 Filament.io 0 Flares ×
By
@novellimarco
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Pin It Share 0 Google+ 0 Filament.io 0 Flares ×
backtotop