Mute Triathlon

A Cozumel esordio amaro in WC per la Olmo

33 Flares Filament.io 33 Flares ×

A Cozumel esordio amaro in WC per la Olmo

Domenica appuntamento in Messico per la tappa di coppa del mondo di Cozumel, con al via cinque azzurri alla ricerca di punti per la rincorsa olimpica alle Olimpiadi di Rio 2016.

In campo maschile dopo che il solito Varga ha fatto realizzare il miglior parziale a nuoto, nella frazione ciclistica c’è il ricongiungimento del primo gruppo e di quello degli inseguitori, con il nostro Uccellari che fa segnare il miglior parziale nella seconda frazione, mentre Andrea De Ponti vede spegnere il suo tentativo di rientrare in bici a causa della caduta davanti a lui di un altro concorrente. La gara come spesso capita si decide nella frazione finale, dove il grande caldo la fa da padrone. La vittoria va al francese Diemunsch che precede l’americano Shoemaker mentre chiude terzo l’altro atleta a stelle e strisce Malloy.  Il migliore azzurro è Davide Uccellari che porta a casa un buon 12° posto, mentre per Delian Stateff un piccolo passo in avanti con il 23° posto, mentre per Andrea De Ponti la giornata no si chiude con un mesto 64° posto.

In campo femminile pronostico tutto per la campionessa olimpica e campionessa in carica a Cozumel, la svizzera Spirig che non tradisce le aspettative e si regala una vittoria al suo modo, rimontando in bici lo svantaggio accumulato a nuoto e poi piazzando l’allungo vincente nella frazione finale. Alle sue spalle un ottimo secondo posto per l’austriaca Perterer che ha la meglio sull’ucraina Yelistratova. Per quanto riguarda i colori azzurri la migliore è stata Elena Petrini , che chiude lontana al 37° posto con qualche timido segnale di ripresa dopo l’infortunio che sta condizionando la sua stagione. Per la Olmo invece, battesimo da dimenticare in WC con un disastroso 42° posto, lontanissima.

La realtà internazionale è totalmente diversa da quella italiana , che non deve far perdere il senso della realtà a tecnici e atleti, infatti passare da una vittoria ad una dura lezione può servire a crescere solo se si analizzano serenamente e obiettivamente non solo le sconfitte, ma soprattutto le vittorie e i contesti in cui si ottengono.

33 Flares Twitter 2 Facebook 29 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 33 Flares ×

Contribuisci al nostro lavoro diventa fan su Facebook: www.facebook.com/triathlonmania e follower su Twitter: twitter.com/trathlonMania1

Argomenti Correlati
Autore
By
@novellimarco
Posts Correlati

Commenti dei lettori


Inserisci Il Tuo Commento

Altre Notizie

A Cozumel esordio amaro in WC per la Olmo

7th ottobre, 2014
33 Flares Filament.io 33 Flares ×

A Cozumel esordio amaro in WC per la Olmo

Domenica appuntamento in Messico per la tappa di coppa del mondo di Cozumel, con al via cinque azzurri alla ricerca di punti per la rincorsa olimpica alle Olimpiadi di Rio 2016.

In campo maschile dopo che il solito Varga ha fatto realizzare il miglior parziale a nuoto, nella frazione ciclistica c’è il ricongiungimento del primo gruppo e di quello degli inseguitori, con il nostro Uccellari che fa segnare il miglior parziale nella seconda frazione, mentre Andrea De Ponti vede spegnere il suo tentativo di rientrare in bici a causa della caduta davanti a lui di un altro concorrente. La gara come spesso capita si decide nella frazione finale, dove il grande caldo la fa da padrone. La vittoria va al francese Diemunsch che precede l’americano Shoemaker mentre chiude terzo l’altro atleta a stelle e strisce Malloy.  Il migliore azzurro è Davide Uccellari che porta a casa un buon 12° posto, mentre per Delian Stateff un piccolo passo in avanti con il 23° posto, mentre per Andrea De Ponti la giornata no si chiude con un mesto 64° posto.

In campo femminile pronostico tutto per la campionessa olimpica e campionessa in carica a Cozumel, la svizzera Spirig che non tradisce le aspettative e si regala una vittoria al suo modo, rimontando in bici lo svantaggio accumulato a nuoto e poi piazzando l’allungo vincente nella frazione finale. Alle sue spalle un ottimo secondo posto per l’austriaca Perterer che ha la meglio sull’ucraina Yelistratova. Per quanto riguarda i colori azzurri la migliore è stata Elena Petrini , che chiude lontana al 37° posto con qualche timido segnale di ripresa dopo l’infortunio che sta condizionando la sua stagione. Per la Olmo invece, battesimo da dimenticare in WC con un disastroso 42° posto, lontanissima.

La realtà internazionale è totalmente diversa da quella italiana , che non deve far perdere il senso della realtà a tecnici e atleti, infatti passare da una vittoria ad una dura lezione può servire a crescere solo se si analizzano serenamente e obiettivamente non solo le sconfitte, ma soprattutto le vittorie e i contesti in cui si ottengono.

33 Flares Twitter 2 Facebook 29 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 33 Flares ×
By
@novellimarco
33 Flares Twitter 2 Facebook 29 Pin It Share 0 Google+ 2 Filament.io 33 Flares ×
backtotop